Israele cerca di nuovo di spazzare via la Palestina


di Ilan Pappé –

I tentativi di sopprimere la documentazione ufficiale sulla pulizia etnica subita dai palestinesi nel 1948 non sono nuovi.
Tuttavia, gli sforzi delle squadre del ministero della Difesa israeliano per recuperare documenti sensibili dagli archivi israeliani – un fatto riportato di recente da Ha’aretz – devono essere compresi in un nuovo clima politico e non ridotti, come suggerito da alcuni, un tentativo di evitare imbarazzo per il governo israeliano.

Quelli di noi che lavorano sui documenti della Nakba – la Nakba, la catastrofe, è il termine che i palestinesi usano per riferirsi allo sfratto di quasi 800.000 persone dalle loro terre e case in quello che ora è diventato Israele – erano già a conoscenza della conseguente scomparsa di questi documenti. Per citare solo un esempio, per anni gli storici non sono stati in grado di rivisitare i “documenti del villaggio”, una delle grandi prove che ho esposto per dimostrare che la guerra del 1948 fu un atto di pulizia etnica.

Alcuni dei materiali di importanza capitale che Benny Morris usò nel suo studio sui massacri di Deir Yassin e Al Dawamiya , allo stesso modo, non potevano essere riaperti . Questi documenti fornirono, in dettaglio, una versione più onesta delle cause di quello che fu chiamato “esodo palestinese” del 1948.

Perché tutti questi file sono nascosti? Nel 2016, la giornalista Lisa Goldman ha presunto che fosse perché il lavoro dei “nuovi storici” ha messo in imbarazzo il governo israeliano e danneggiato l’immagine di Israele sulla scena internazionale.

È vero che questi documenti hanno minato la versione ufficiale israeliana di un esodo palestinese volontario ed hanno esposto i crimini di guerra commessi dai sionisti e poi dalle forze israeliane.

(Sopra) Commemorazione della Nakba, la “pulizia etnica” della Palestina da parte delle milizie sioniste nel 1948 – Università di Tel Aviv, Palestina 1948 (Israele) – Foto: ActiveStills.org

Il mio punto, tuttavia, è che le ragioni di questo lavoro di occultamento sono molto più profonde e più allarmanti. Fanno parte di un nuovo attacco globale alla Palestina e ai palestinesi.

Depoliticizzare la questione palestinese
È necessario considerare storici i tentativi di censura di questi archivi e nel loro contesto politico.

Dal punto di vista politico, la rimozione di questi documenti dall’opinione pubblica può essere compresa solo come parte di un’iniziativa globale USA-Israele (o almeno una tendenza) volta a depoliticizzare la questione palestinese.

In Israele, il primo passo è stato l’idea di “pace economica” di Benjamin Netanyahu, un tentativo di costringere i palestinesi a rinunciare ai loro obiettivi politici in cambio di una migliore situazione economica.

Un altro passo fu la Legge Nakba, che proibiva i finanziamenti statali a organizzazioni e istituzioni pubbliche che avrebbero commemorato gli eventi del 1948 come un disastro.

Una parte importante di questa strategia è costituita dalle azioni sul terreno – creazione di insediamenti , demolizione di case , distruzione di villaggi – azioni che aprono la strada a un’annessione ufficiale dell’area C – circa il 60% della Cisgiordania – a Israele – con l’istituzione di piccoli Bantustan in Cisgiordania e Gaza.

Molti funzionari e politici israeliani, incluso, ovviamente, lo stesso primo ministro , hanno chiarito che la Cisgiordania dovrebbe essere annessa in tutto o in parte.

Per finire, arriva Israele, il “Nation-State of the Jewish People Act”, approvato nel 2018, che riconosce ufficialmente Israele come uno stato di apartheid.

Una disposizione della legge attira la nostra particolare attenzione, afferma che il diritto all’autodeterminazione nazionale appartiene esclusivamente al popolo ebraico .

Da parte americana, nel frattempo, l’amministrazione Trump ha preso provvedimenti per completare l’impresa israeliana di cancellare la Palestina come questione politica e i palestinesi come movimento nazionale.

Tra queste misure, il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele con il trasferimento dell’ambasciata americana da Tel Aviv a questa città, la cessazione del sostegno finanziario alla all’UNRWA – l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di Rifugiati palestinesi – il divieto di presenza della delegazione dell’OLP a Washington, e ora della Conferenza del Bahrain , che fa promesse finanziarie ai palestinesi ignorando totalmente i loro diritti politici.

Insieme, le campagne israeliane e americane sono un nuovo assalto alla Palestina e ai palestinesi. Questi ultimi sono oggi molto vulnerabili a causa del loro abbandono da parte dei regimi arabi, dell’indifferenza delle élite della comunità internazionale e della divisione tra Hamas e Fatah.

Manifestazione per la Palestina in Francia

Elimina l’aborigeno
I disegni americani e israeliani, sullo sfondo della vulnerabilità palestinese, ci portano a una pericolosa situazione storica. Israele è ora in grado di provare ancora una volta ad agire secondo la logica dell ‘”eliminazione degli indigeni” (una caratterizzazione fatta dall’antropologo Patrick Wolfe dei motivi che animano i movimenti colonialisti dei coloni del sionismo).

Israele è riuscito solo parzialmente a mettere in pratica il suo piano del 1948. Il movimento nazionale palestinese e il popolo hanno combattuto efficacemente, al momento e oggi, contro il completamento della pulizia etnica del 1948.

Ma stiamo vivendo un periodo difficile. All’estero, gli sforzi per proteggere Israele dalle critiche si stanno intensificando.

Le donne e i politici filo-palestinesi sono diffamati con l’ accusa di antisemitismo . In diversi paesi, sono state introdotte leggi per proteggere Israele dalle critiche e per proteggerlo da qualsiasi militanza nei suoi confronti, incluso il boicottaggio .

La rimozione degli archivi dai luoghi in cui dovrebbero essere e, ciò che non deve essere escluso, la distruzione dei documenti rivela i profondi motivi ideologici dell’attuale diffuso attacco contro la Palestina e i palestinesi.

In che misura queste azioni hanno minato la nostra capacità di ricostruire ciò che è accaduto nella Nakba e valutarne il significato oggi?

Questo tipo di azione da parte di Israele non è nuovo. Nell’ottobre 1982, Israele ha saccheggiato gli archivi dell’OLP . Ne distrusse parte, ne trasferì un’altra in Israele e ne restituì un’altra.Nel 2001, Israele ha fatto irruzione nella Orient House di Gerusalemme est e vi ha rubato gli archivi .

Ora è contro i suoi stessi documenti che Israele sta conducendo delle incursioni per sbarazzarsi di qualsiasi prova di crimini passati.Queste azioni diminuiranno la nostra capacità di ricostruire il passato?

In un certo senso, no. I rifugiati palestinesi dopo il 1948 non avevano bisogno dei ” Nuovi storici ” per dire loro che erano vittime della pulizia etnica.

Tuttavia abbiamo bisogno di archivi, sia per dimostrare che questo crimine era un progetto ponderato e pianificato, sia per illuminare questo passato da una più ampia comprensione della natura del movimento sionista e di Israele.

Per il perseguimento di questi due obiettivi, i documenti già visti – molti dei quali sono stati scansionati e digitalizzati a beneficio dei posteri – sono sufficienti per dimostrare senza dubbio l’intenzione ideologica sionista che ha ha portato al tentativo di eliminare i palestinesi nel 1948 e in seguito.

È vero che non esiste un singolo documento che provi inconfutabilmente la premeditazione pianificata della pulizia etnica – sebbene un documento chiamato Plan D commentato da Walid Khalidi sia molto vicino ad esso – ma ci sono abbastanza documenti diversi che , messi insieme, espongono il crimine contro l’umanità che Israele ha commesso contro i palestinesi.

Cancella la Palestina
Con l’avanzare del tempo, a partire dal 1948, le informazioni diventano più accessibili e ogni tentativo di distruggerle o nasconderle è destinato al fallimento. Studenti, storici, studiosi e attivisti possono vedere chiaramente le forme immutate di violenza che Israele oggi infligge ai palestinesi. (In questo senso, vale la pena ricordare l’ osservazione fatta da Patrick Wolfe secondo cui la colonizzazione degli insediamenti non è un evento ma una forma strutturale).

Ma è importante dire che le origini di questa violenza strutturale sono nella Nakba, che dà ai documenti che la riguardano tutta la loro importanza. Queste origini spiegano le politiche israeliane dal 1948: il governo militare impose ai palestinesi all’interno di Israele fino al 1966 e l’estensione di questo regime ai territori occupati della Cisgiordania e della Striscia di Gaza nel 1967; Politica di giudaizzazione attraverso l’espropriazione della terra in Galilea, nella zona di Gerusalemme e nel Naqab (Negev); repressione violenta di due intifadas, distruzione del Libano meridionale nel 1982 e nel 2006 e, infine, l’ assedio disumano imposto a Gaza.

Tutte queste politiche criminali possono essere dimostrate senza declassificazione dei documenti israeliani, ma possono essere meglio comprese nel loro contesto e storicità se esiste una documentazione che mostra come, nel caso di Israele, “la logica dell’eliminazione della popolazione ‘nativa’ è stato implementata.

Dobbiamo raccogliere e presentare chiaramente quelli che definirei indicatori di buon senso come prove indiscutibili dell’intento deliberato e disumano della pulizia etnica del 1948. molti di questi documenti nella mia pagina Facebook pubblica di , ma abbiamo bisogno di archivi adeguati che possano essere protetti da uno stato e da una coalizione internazionale che vogliono cancellare la Palestina dalla nostra memoria storica e renderla una semplice questione economica.

Ciò a cui stiamo assistendo ora non è il primo tentativo di spazzare via la Palestina e non sarà nemmeno l’ultimo. A volte tali tentativi sono subdoli e possono essere portati alla luce solo dalla storiografia professionale, che non diminuisce in alcun modo il loro grande significato politico.

Nel marzo del 1964, Israele chiese ai cittadini statunitensi in possesso di passaporto con la denominazione “Palestina” di riceverne di nuovi senza questa menzione. Il Dipartimento di Stato ha accettato.

“Smetteremo di usare la parola” Palestina “come luogo di missione e cesseremo di rilasciare, rinnovare o rettificare i passaporti recanti il ​​sigillo” Palestina “. Questo è il contenuto di un telegramma inviato all’ambasciata americana a Tel Aviv.

Ma la Palestina non è né una designazione né un luogo di missione che esiste solo negli archivi che possono essere aperti o chiusi come meglio crede. È un paese reale soggetto a colonizzazione e occupazione.

Dobbiamo tutti impegnarci a raccontare la nostra storia, perché questa storia spiega il presente e influenza il nostro futuro.

  • Ilan Pappé è professore di storia e direttore del Centro europeo per gli studi palestinesi all’Università di Exeter
    Traduzione By Sorbello Giuseppe e Bijliana Stojanovic

Fonte: Chronique palestine

Traduzione By Sorbello Giuseppe e Bijliana Stojanovic

7 Commenti

  • amadeus
    14 Agosto 2019

    Dal momento che non esiste giustizia, a questo mondo ma solo la legge del più forte, sarebbe opportuno che qualcuno dia le armi più sofisticate atomiche comprese ai palestinesi dandogli così la possibilità di difendersi efficacemente e non quella di essere portati come vacche al macello, perché quella é la loro situazione.

    • atlas
      15 Agosto 2019

      a chi le dai

      non credere che i palestinesi siano tutti uguali, ce ne sono dai marxisti come l’ FPLP ai filogiudei di hamas

      Arafat purtroppo è morto RIP

  • Sed Vaste
    15 Agosto 2019

    E I palestinesi con cosa ripagano le armi con cacca di cammello ? Ma no e’ inutile fare tante macchinazioni mentali macerarsi inutilmente come fanno sui vari siti da cetebrolesi da fiera delle vacche per le vaccate che I vari utenti si angosciano a scrivere , I’ll destino di tutti e’ in mano agli ebrei alle loro banche borse e ai loro media punto , o che li si va a prendere casa per casa come fece l’avatar Re Adolfo oppure meglio comprarsi quintali di Lube come fa atlas I’ll musulmano ebreo che si fa sgrassare I’ll didietro in Tunisia

    • atlas
      15 Agosto 2019

      mangia mangia, che devi sottosvilupparti ancora di più

      non ti ritirerei il passaporto perché se no torni qui, invece devi startene LI’

  • Sed Vaste
    15 Agosto 2019

    Lei atlas alias Emanuele reho ebreo deve sempre sentenziare ha l’ignoranza pretenziosa nel Sangue che la sovrasta vuole sapere perfino dove sto , chieda a Lago magari lui lo sa , alcuni siti visualizzano da dove uno chatta se no chieda alla postale o alla digos traditori e spie come lei per lei rabbi atlas io abito a Bussolengo e mangio pizza e spaghetti invece lei mangia koscher con I suoi pulciosi rabbi dalle barbe e dagli odori insopportabili digitate” Ebrei che puzzavano fatti scendere dall’aereo” e’ il suo ritratto atlas

    • atlas
      15 Agosto 2019

      ma sai cosa CAZZO me ne frega di dove stai te,

      io so dove sarò tra poco io, in un mare stupendo

  • Buzio
    16 Agosto 2019

    Il cancro maligno mondiale sono gli ebrei.. Non esistono ebrei buoni o cattivi, gli ebrei sono popolo deicida perciò satanico. Sono degli idolatri razziatori, dei famelici usurai usurpatori, dei razzisti estremisti. I figli di Caifa e lucifero, gli ebrei hanno per idolo il vitello d’oro, che adorano nella loro capitale New York presso wallstrett, l’idolo mammona, potere, denaro, avidità, supremazia ad ogni costo, e poi la loro arte malefica suprema è la cospirazione, la simulazione e la menzogna…vedere le fandonie dell’Olocausto creato ad arte dai registi e sceneggiatori giudei al seguito delle truppe di occupazione angloamericane.
    Come affrontare sion-usa e risolvere il “problema palestinese”???
    Solo il sangue della guerra che si sta preparando, risolverà il problema… tanto sangue innocente, voluto dai perfidi maledetti figli di Caifa.

Inserisci un Commento

*

code