"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Iraq, al via lungo l’Eufrate l’ultima grande battaglia anti-Daesh

– Le truppe irachene hanno lanciato alle prime ore di oggi l’ultima grande battaglia” per farla finita con il Daesh (Isis) ancora presente in alcune località lungo il fiume dell’Eufrate, in un territorio desertico a ridosso della frontiera con la Siria.

Le truppe governative ed i combattenti sciiti stanno avanzando lungo la valle dell’Eufrate, verso il confine siriano: un’occasione per liberare due città Al Qaim e al Rawa. L’esercito iracheno ha ripreso più del 90% territorio sequestrato dai militanti nel Paese nel 2014, con i takfiristi ora confinati in un piccolo tratto della valle adiacente ad alcune delle ultime aree desertiche che controllano ancora in Siria.

Secondo il comandante delle operazioni, General Qassem al-Mohammedi, questi ha riferito che le forze governative stanno avanzando su quattro fronti – da Est, da Sud-est, da Nord e da Sud. Ha affermato inoltre che le unità della polizia federale e dell’antiterrorismo e la forza paramilitari al Hashed al-Shaabi (mobilitazione popolare, alleanza di combattenti sciiti) sostengono l’esercito. E questo mentre il Comando delle Operazioni congiunte di Baghdad ha annunciato che le loro truppe hanno già espugnato diverse postazioni militari a Sud-est di Al-Qaim, tra cui una base aerea.

Fonte: Pars Today

Le forze irachene liberano la H-2 Airbase vicino al confine siriano

BEIRUT, LEBANON (16:45) – Le forze armate irachene hanno lanciato oggi la loro attesa offensiva sulla zona della frontiera siriana , puntando sull’ultima fortezza principale dello Stato islamico nei pressi del Governatorato della Siria di Deir Ezzor.

Guidate da una moltitudine di milizie delle Hashd Al-Sha’abi (formazioni sciite) e dalle unità militari d’elite, le forze armate irachene hanno iniziato l’offensiva attaccando le posizioni dello Stato islamico in diversi siti dell’Iraq sud-occidentale, tra cui l’H-2 Airbase e i villaggi di Al-Nadiatiyah e di Al-Husseiniyeh .

Non molto tempo dopo l’inizio del loro assalto, le forze armate irachene hanno imposto il pieno controllo sull’Hair Airbase H-2 e su diversi villaggi, uccidendo in tal modo numerosi terroristi dello Stato islamico.

Con la ultima sacca dello Stato islamico a sud di Al-Qa’im quasi sgomberata, le forze armate irachene dovrebbero poter raggiungere la suddetta città nei prossimi giorni.

Fonte: Al Masdar Nes

*

code

  1. Mardunolbo 3 settimane fa

    Bello ! Procede l’eliminazione sistematica ed irreversibile dei ratti di fogna,mercenari Usa !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. animaligebbia 3 settimane fa

    Come godo.Purtroppo adesso tutta sta mondezza vuole tornare all’ovile e gli eroici combattenti per la liberta’ diventeranno vili terroristi; basteranno le nostre strutture ad accogliere questa massa di psicopatici drogati o bisognera’ riaprire i manicomi? Ai posteri l’ardua sentenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace