IRAN. RAPPORTO DELL’INTELLIGENCE: SABOTATORI SFRUTTANO LE PROTESTE PER DANNEGGIARE LA PROPRIETÀ PUBBLICA

Un rapporto che riflette una valutazione preliminare del danno arrecato alla proprietà pubblica durante le recenti rivolte, che ha offuscato le proteste pacifiche a seguito della decisione del governo iraniano di razionare la benzina, mostra che “sabotatori addestrati” hanno sfruttato quelle proteste per bruciare edifici pubblici e attaccare agli agenti di polizia in diverse città iraniane.

Secondo il rapporto, che è stato compilato da un’agenzia di intelligence non identificata e pubblicato domenica dall’agenzia di stampa Fars, il numero totale di persone che hanno partecipato alle proteste è stato stimato in 87.400, di cui circa 82.200 uomini e 5.200 donne , la maggior parte dei quali non collabora con i manifestanti, che hanno danneggiato i luoghi pubblici e attaccato le forze di polizia.

Tuttavia, il rapporto ha osservato che le proteste di razionamento post-benzina hanno mostrato un ulteriore aumento della violenza rispetto ai casi precedenti, avvenuti lo scorso anno, con prove che dimostrano che gli attacchi a edifici pubblici erano completamente organizzati.

“Gran parte dei manifestanti erano semplicemente presenti sul luogo della manifestazione e non hanno collaborato con i manifestanti, e molti di loro hanno ricevuto messaggi di avviso sui loro telefoni cellulari dalle organizzazioni di sicurezza per evitare un’ulteriore partecipazione alle proteste”, ha detto il rapporto.

Nel rapporto si osserva che il comportamento della minoranza violenta durante le proteste ha mostrato che erano “completamente addestrati” e, a differenza della gente comune che era stata sorpresa dall’aumento del prezzo del carburante, erano pienamente preparati a sfruttare questa opportunità.

“Su 1.080 città e contee in tutto il paese, piccoli e grandi raduni di protesta si sono svolti in 100 località in tutto il paese con un tasso di presenze stimato da 50 a un massimo di 1.500 persone”, afferma il rapporto, osservando che la portata di violenza e distruzione di proprietà pubblica era il più alto nelle province di Khuzestan, Teheran, Fars e Kerman.

Il rapporto ha aggiunto che non esiste ancora un report finale sul numero di vittime di proteste violente, ma la maggior parte dei decessi erano correlati ad attacchi montati nelle stazioni di polizia e in altri siti militari da parte di sabotatori, per effetto dei quali un numero non specificato di forze di polizia e di gente comune ha perso la vita.
Anche l’intelligence russa ha dichiarato che non può escludere che dietro il deterioramento della situazione in Iran vi siano forze esterne, lo ha affermato Zamir Kabulov, direttore del Dipartimento della Seconda Asia del Ministero degli Esteri russo.

“Finora, circa 1.000 persone sono state arrestate durante le recenti proteste in tutto il paese e oltre 100 filiali bancarie e 57 grandi magazzini sono stati bruciati o saccheggiati in una singola provincia”, afferma il rapporto.

Venerdì, l’Iran ha iniziato a razionare la benzina e ha sostanzialmente aumentato il prezzo del carburante in una mossa per aiutare i bisognosi.

La National Petroleum Products Distribution Company iraniana (NIOPDC) ha dichiarato in una nota giovedì sera che il prezzo di un litro di benzina normale è salito a 15.000 rial (12,7 centesimi) di 10.000 rial e la razione mensile per Ogni auto privata è stata fissata a 60 litri al mese. Ulteriori acquisti costerebbero 30.000 rialzi al litro.

Guardie delal Rivoluzione Iraniana

La decisione ha provocato manifestazioni in diverse città iraniane, alcune delle quali sono state guastate dalla violenza quando elementi opportunistici hanno cercato di sfruttare la situazione e affrontare l’ondata di proteste pacifiche all’aumento dei prezzi del carburante. Di conseguenza, le manifestazioni sono diventate violente in alcune città e sono stati segnalati scontri tra le forze di sicurezza e alcuni elementi che danneggiano la proprietà pubblica.

Gli esperti affermano che il razionamento del carburante in Iran eviterà di sprecare decine di milioni di litri di benzina ogni giorno in un paese che deve ancora affrontare gli impatti economici di una serie di sanzioni statunitensi.
“Dobbiamo difendere la politica di aumento dei prezzi della benzina, poiché aiuta a sradicare la povertà a breve termine”, ha affermato Ali Sarzaeim, professore di economia all’Università Allameh Tabatabaei di Teheran.

L’economista ha aggiunto che l’aumento del prezzo del carburante consentirebbe al governo iraniano di aumentare la quantità di denaro erogato ai bisognosi in tutto il paese.

Nota: Non è difficile capire chi sospinge i sabotatori ad attaccare gli edifici pubblici e le forze di polizia approfittando delle manifestazioni di protesta. Si tratta della stessa mano che attualmente si trova dietro i disordini verificatisi in Libano ed in Iraq. Una sobillazione finalizzata a creare caos e violenza nel paese. Possiamo scommettere che i mandanti si trovano a Washington, Tel Aviv e Rijad.

Fonte: Press Tv

Traduzione e nota: Luciano Lago

1 commento

  • vlado cremisi
    19 Novembre 2019

    Cominciava a mancare da un po di tempo questa manina esterna. Reprimere.

Inserisci un Commento

*

code