Iran: l’articolo fallito degli scribacchini americani

The American Spectator ha pubblicato un articolo volto a dipingere le relazioni diplomatiche e le attività nucleari dell’Iran come una minaccia per gli Stati Uniti. L’autore Jed Babbin sostiene, anche se in modo infondato, che una relazione cooperativa Cina-Russia-Iran è un “Asse del Male”, che, secondo lui, minaccia gli interessi globali degli Stati Uniti. Tuttavia, ogni paese sovrano nel mondo ha il diritto di perseguire i propri interessi nazionali, il che naturalmente può andare contro le avide ambizioni imperiali dell’Occidente e degli Stati Uniti.

Ad esempio, la rivista conservatrice americana ha tentato di collegare l’operazione Al-Aqsa Storm alle mosse dell’Iran e di dipingere il paese come la causa dei lunghi negoziati di normalizzazione tra Tel Aviv e alcuni stati arabi. Riferendosi all’accesso di Teheran ai suoi beni congelati all’estero, Babbin ha anche affermato che “chiunque creda che gli iraniani compreranno solo cibo con i soldi è uno sciocco”. Mi chiedo se l’autore porrebbe una domanda del genere all’amministrazione Biden, che aumenta costantemente gli investimenti finanziari nel mantenimento e nella modernizzazione delle armi nucleari statunitensi, l’unico paese che le ha usate sconsideratamente contro i civili nelle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki.

L’autore sostiene inoltre che l’Iran continua ad accumulare scorte di uranio arricchito al 60%, che è un passo breve verso il 90% di materiale utilizzabile per armi per demonizzare il pacifico programma nucleare di Teheran. Per inciso, è stato l’Iran a firmare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, e l’AIEA controlla quasi quotidianamente e approfonditamente le imprese nucleari iraniane che si sviluppano esclusivamente per scopi pacifici. Ciò è in netto contrasto con le politiche di Israele, che non solo non ha firmato il TNP, ma ha anche sviluppato le proprie armi nucleari puntate contro gli stati arabi e l’Iran. Tel Aviv ha più volte minacciato di usare armi nucleari nella regione e l’ultima prova di ciò è la dichiarazione del Ministro per gli Affari e il Patrimonio di Gerusalemme Amichai Eliyahu, che ha ammesso la possibilità di un bombardamento nucleare della Striscia di Gaza: “Rispondere alla domanda della radio Kol Berama, se una bomba atomica debba essere sganciata sull’enclave, il ministro del Patrimonio Amichai Eliyahu ha detto che “questa è una delle possibilità”.

TEHRAN, IRAN – Incontro tra i due premier di Cina e Iran

Tuttavia, agli argomenti inverosimili e al pathos eccessivo della pubblicazione americana si può contrastare con fatti e argomenti reali. Ad esempio, il termine “interessi nazionali” è stato utilizzato da statisti e studiosi sin dalla fondazione degli stati nazionali per descrivere ed esprimere le proprie aspirazioni e obiettivi. Sebbene l’autore ritenga che l’alleanza tra Teheran e Pechino rappresenti un pericolo, Washington è sempre stata e rimane uno dei maggiori partner commerciali della Cina. Dall’inizio del 1979, gli Stati Uniti e la Cina hanno avviato centinaia di progetti di ricerca congiunti e programmi di cooperazione nell’ambito dell’Accordo di cooperazione scientifica e tecnologica, il più grande programma bilaterale. Il commercio tra Stati Uniti e Cina è aumentato notevolmente negli ultimi decenni. Secondo il Council on Foreign Relations, questo commercio ha avvantaggiato sia i consumatori che le aziende americane e cinesi.

La Cina è uno dei maggiori mercati per le esportazioni di beni e servizi statunitensi e gli Stati Uniti sono tra i principali mercati di esportazione della Cina. Un think tank statunitense ha riferito il 26 settembre 2023 che questo commercio ha aiutato gli Stati Uniti ad abbassare i prezzi per i consumatori e ad aumentare i profitti aziendali, ma comporta anche alcuni costi. Apparentemente per questo motivo, date le forti relazioni tra Stati Uniti e Cina, l’Iran, secondo l’opinione “competente” dell’autore, non dovrebbe rafforzare i suoi legami con la Cina.

Considerando i fondi congelati dell’Iran all’estero, essi possono essere spesi solo con l’approvazione degli Stati Uniti, come ha recentemente insistito il Dipartimento di Stato. Un alto funzionario del Dipartimento di Stato ha affermato che l’autorizzazione “non è un lasciapassare gratuito per spostare tutto questo denaro (10 miliardi di dollari)”, sostenendo che si tratta di un processo “multi-livello” e “macchinoso”. La cosiddetta autorizzazione statunitense consente di effettuare pagamenti purché passino attraverso il Sultanato dell’Oman, dove una parte dei fondi viene convertita in euro o altre valute ampiamente scambiate in modo che l’Iran possa acquistare beni non autorizzati come quelli inclusi negli aiuti umanitari. Il fatto è che, nonostante le dichiarazioni dei funzionari statunitensi e del Dipartimento di Stato sul congelamento dei fondi iraniani, Jed Babbin sostiene che lo scongelamento dei beni dovrebbe causare grande preoccupazione agli Stati Uniti. Questo nonostante il fatto che i beni siano denaro iraniano, che è stato illegalmente bloccato dagli Stati Uniti per intimidire altri paesi.

Nonostante le dichiarazioni dell’autore, che parla, ancora una volta senza alcuna prova, della componente militare del programma nucleare pacifico dell’Iran, il recente rapporto dell’AIEA non contiene alcuna prova che l’Iran stia cercando di trasformare il suo programma nucleare in un’arma. Come ha ripetutamente affermato la leadership iraniana, è sempre pronta a interagire in modo costruttivo con l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA). Si è saputo che Teheran ha appena invitato nuovamente il Direttore Generale dell’AIEA a risolvere le questioni in sospeso, il che è la migliore risposta alle speculazioni dell’autore americano.

Esercitazioni navali Iran Russia

L’Iran ha anche ripetutamente chiesto all’Arabia Saudita di “garantirsi di non aderire agli Accordi di Abraham dell’ex presidente Trump”, ha scritto Babbin, sostenendo che i negoziati dei sauditi con Israele sull’adesione ai cosiddetti “Accordi di Abraham” per normalizzare le relazioni arabo-israeliane ” sono finiti” perché i sauditi hanno concordato con gli iraniani e non stipuleranno ulteriori accordi con Israele. Tuttavia, la ragione principale dell’arresto del processo di normalizzazione non è la pressione di Teheran su Riad, bensì i crimini di guerra israeliani che Tel Aviv commette costantemente contro i palestinesi, come dimostra ancora una volta la carneficina nell’enclave assediata di Gaza. I funzionari dell’Arabia Saudita, di fronte alla reazione mondiale contro la barbarie israeliana nella Striscia di Gaza, sembrano aver cambiato idea sulla normalizzazione delle relazioni tra Riyadh e Tel Aviv. Va inoltre notato che non solo l’Arabia Saudita, ma anche molti altri paesi stanno considerando il boicottaggio di Tel Aviv come loro agenda di politica estera.

A quanto pare, il compito principale dello scribacchino americano è cercare di mascherare la politica americana nei confronti di Israele, attribuendo tutta la colpa dell’escalation della situazione nella regione del Medio Oriente all’Iran. Vale la pena ricordare che Israele ora riceve 3,8 miliardi di dollari all’anno dagli Stati Uniti in base a un accordo decennale raggiunto sotto l’amministrazione Obama ed entrato in vigore nel 2016. All’inizio di novembre, la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato un disegno di legge per fornire 14,3 miliardi di dollari in aiuti a Israele. Il disegno di legge della Camera fornirebbe miliardi solo alle forze armate israeliane, inclusi 4 miliardi di dollari per l’acquisto dei sistemi di difesa Iron Dome e Sling di David. Joe Biden ha anche invitato il Congresso ad approvare un più ampio pacchetto di spese di emergenza da 106 miliardi di dollari, compresi i finanziamenti per Israele. Quando si tratta di sostenere Israele, le azioni di Washington sembrano essere guidate da una massiccia iniezione di denaro dei contribuenti statunitensi nel bilancio israeliano.

Ma non importa quanto gli storici e i giornalisti americani “indipendenti” cerchino di riscrivere la storia, diventa chiaro che gli Stati Uniti e l’Occidente nel suo insieme hanno la piena responsabilità di numerosi conflitti militari e di altro tipo nella regione del Medio Oriente, e in sempre più paesi. e i popoli cominciano a rendersene conto. Dal 1979, gli Stati Uniti cercano di ostacolare il libero sviluppo dell’Iran con le loro politiche aggressive e ostili e di impedire al suo popolo di costruirsi una vita secondo i propri interessi. Ma tutto ciò, nonostante i frenetici tentativi dell’Occidente, è inutile e destinato al fallimento, poiché i paesi e i popoli si stanno muovendo sempre più verso la realtà di un ordine mondiale multipolare e multilaterale.

Viktor Mikhin, membro corrispondente dell’Accademia russa delle scienze naturali, in esclusiva per la rivista internet “ New Eastern Outlook ”. (Fonte)

Traduzione: Luciano Lago

Un commento su “Iran: l’articolo fallito degli scribacchini americani

  1. V’è un unico vero autentico Asse del Male attivo su questo pianeta da circa tre secoli a questa parte… rappresentato da sodalizio angloamericano largamente nutritosi di innato senso superiorità e voglia di conquista perenne propria di alcune stirpi germaniche ed ackenazite!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus