Iran: La Guardia Rivoluzionaria lancia con successo il satellite “Noor 3” e lo mette in orbita

Le Guardie della Rivoluzione iraniana annunciano il successo del lancio nello spazio del satellite Noor 3, da parte della compagnia satellitare iraniana Qased, in orbita a 450 chilometri dalla Terra.

La Guardia rivoluzionaria iraniana ha annunciato oggi, mercoledì, il successo del lancio del satellite “Noor 3” nell’orbita terrestre da parte della sua forza aerospaziale.
Nel dettaglio, il portavoce dell’Agenzia spaziale iraniana Hussein Delirian ha dichiarato in un’intervista ad Al-Mayadeen che le forze aerospaziali delle Guardie rivoluzionarie hanno recentemente lanciato con successo nello spazio il satellite “Noor 3” a bordo del missile “Qased”.
De Lorean ha aggiunto che questo satellite è un “satellite militare” per le forze aerospaziali delle Guardie Rivoluzionarie.

Allo stesso tempo, l’agenzia di stampa internazionale Tasnim ha riferito che il portavoce dell’Organizzazione spaziale iraniana ha affermato in un tweet che il satellite “Noor 3” è stato posizionato con successo dalla compagnia satellitare “Qasid” e dalle forze aeree e spaziali delle Guardie rivoluzionarie.

Da parte sua, il ministro iraniano delle Comunicazioni Issa Zarepour ha annunciato il successo del lancio nello spazio del satellite per immagini Noor 3.

Zarepour ha affermato che, grazie agli sforzi degli specialisti delle forze aerospaziali della Guardia, “pochi istanti fa il satellite per immagini “Noor 3” è stato messo in orbita dalla compagnia satellitare iraniana Qassed a 450 chilometri dalla Terra”.
l ministro iraniano si è congratulato con tutti i lavoratori spaziali del paese e con gli specialisti delle Guardie rivoluzionarie, dicendo: “Quest’anno sarà un anno fruttuoso per il settore spaziale del paese”.

È interessante notare che il secondo satellite militare iraniano , chiamato “Noor 2”, è stato lanciato a marzo dal razzo vettore satellitare “Qased” della Forza aerospaziale delle Guardie Rivoluzionarie, ed è stato messo con successo in orbita di 500 km attorno alla Terra.

È anche rilevante notare che il satellite “Noor 2” è una versione avanzata del satellite “Noor 1” , poiché è il primo esperimento di lancio satellitare delle Guardie Rivoluzionarie, che è stato in grado di orbitare 10.000 volte attorno alla Terra, dove si stabilisce in orbiterà a 350 km di distanza, a condizione che continui le sue missioni, per un periodo inferiore a un altro anno.

I media iraniani hanno confermato questo mese che i test speciali del volo del satellite iraniano “Tolo 3” sono stati completati con successo e che sarà lanciato secondo un calendario specifico.
L’IRNA ha riferito che l’Organizzazione spaziale iraniana ha ricevuto, dopo aver superato i recenti test, il satellite di telerilevamento “Tolo 3”, prodotto dalla società iraniana di industrie elettroniche “Sa Iran”.

Preoccupazioni in Israele dove il Jrusalem Post apre con il titolo: “Il lancio del satellite Noor 3 da parte dell’Iran getta un’ombra sul Medio Oriente”.
Prosegue affermando che gli iraniani descrivono il satellite come un satellite per immagini. Ciò lo renderebbe un satellite con potenziali capacità di spionaggio, aumentando le capacità dell’Iran nello spazio.
Ciò significa che l’Iran vuole mostrare le proprie capacità durante un periodo di transizione e di cambiamenti diplomatici nella regione. (…….)
L’Iran vuole avere una capacità militare nello spazio e vuole usarla per migliorare il suo programma missilistico, scrive il JP. Questo include investimenti in armi ipersoniche che includono un missile che potrebbe essere lanciato verso lo spazio e far viaggiare un veicolo di rientro sulla terra a velocità ipersoniche per colpire un bersaglio.
Per avere un programma di armi nucleari di successo, l’Iran ha bisogno di missili a lungo raggio su cui poter installare un’arma. Pertanto è logico che per ora l’Iran continui a concentrarsi sulla tecnologia missilistica e spaziale. Pertanto, l’obiettivo del satellite è quello di essere in orbita e gettare un’ombra sul Medio Oriente, prova di un altro risultato ottenuto da Teheran e dall’IRGC.
Il progresso tecnologico dell’Iran è visto in Israele come un pericolo.

Fonte:Al Mayadeen – Jerusalem Post

Traduzione e sintesi: Fadi Haddad

4 commenti su “Iran: La Guardia Rivoluzionaria lancia con successo il satellite “Noor 3” e lo mette in orbita

  1. Calma stiamo andando verso la vittoria totale per quanto riguarda gli usa devono capire che Parigi, Berlino, Varsavia, Oslo, Londra, kiev, non servono li deve tenere in sottosviluppo,l’unico paese che serve loro è l’Italia che devono aiutare ad avere una economia forte e uno sviluppo scientifico all’avanguardia è un paese cerniera, il nord porta sfortuna chi prima capisce meglio farà.

  2. Vorrei fare i complimenti al popolo iraniano e alla sua classe dirigente. Insieme hanno superato 10 anni di guerra contro l’ Iraq di Saddam Hussein (spalleggiato dagli U$A) nonchè 50 anni di sanzioni anglo-sioniste. L’ Iran oggi, per ciò che riesce a fare, è una piccola luce in un mondo buio a dimostrazione che la cultura non è acqua… FORZA IRAN!

    1. Attento Annibal61 che i progressisti nostrani, accanitamente filo Usa, dicono che l’Iran è un paese retrogrado e oscurantista ! Certo che definirsi progressisti e filo Usa è una bella contraddizione … a meno che intendano come progresso affamare e sterminare i popoli per gli interessi anglo americani !

  3. Senza satelliti militari l” Iran sarebbe una facile preda perché potrebbe essere aggredito militarmente da USA & NATO e ISRAELE con un attacco militare a sorpresa !
    Avendo l” Iran costruito e messo in orbita almeno un paio di satelliti militari può difendersi e può sventare una aggressione militare a sorpresa USA & NATO-Israeliana !
    Inoltre i satelliti Iraniani potrebbero scovare informazioni satellitari utili alla Russia che oggi è in guerra contro USA & NATO e Ucraina !
    Logicamente USA-NATO-ISRAELE protestano perché secondo loro non è giusto che una nazione libera ed indipendente come l” Iran possa DIFENDERSI grazie ai satelliti Iraniani !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM