Iran: i violatori dei diritti delle nazioni non possono dare lezioni ad altri sui diritti umani

Teheran ha respinto la credibilità di una risoluzione politicamente di parte contro l’Iran che è stata adottata in modo restrittivo dal Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, affermando che coloro che violano i diritti di altre nazioni non hanno il diritto di tenere conferenze sui diritti umani e devono essere tenuti a rendere conto dei loro propri gravi abusi.

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Saeed Khatibzadeh ha dichiarato mercoledì sulle osservazioni che alcuni paesi europei erano dietro la risoluzione, che è stata approvata a causa di “voti mal fondati, non consensuali e internazionalmente illegittimi”.

Il 23 marzo, ultimo giorno della 46a sessione ordinaria del Consiglio dei diritti umani, il Consiglio ha adottato la risoluzione con 21 voti favorevoli, 12 contrari e 14 astensioni, e ha prorogato il mandato del relatore speciale sulla situazione delle persone diritti in Iran, Javaid Rehman, per un anno.

I paesi che hanno votato “sì” includevano principalmente gli stati europei ei governi considerati stati vassalli per le potenze occidentali come le Fiji, le Isole Marshal e il Bahrain.
Khatibzadeh ha criticato la risoluzione per aver prorogato il mandato di un relatore le cui relazioni non menzionano affatto la morte di dozzine di bambini iraniani e centinaia di pazienti che non hanno accesso ai farmaci a causa delle sanzioni americane in paesi come la Siria o il Venezuela.

Il portavoce iraniano ha detto che tutte le risoluzioni anti-Iran adottate dal marzo 2011 sono state ancorate ad accuse infondate e che Teheran ha spesso definito la nomina di un relatore speciale per i diritti umani per il proprio paese come una mossa imperdonabile, propagandistica e non costruttiva.

Diritti umani negli USA

“I paesi che abusano dei diritti di altre nazioni non possono né presentarsi come sostenitori dei diritti umani, né possono giudicare altri stati sulla situazione dei diritti in tali paesi. Devono, invece, essere ritenuti responsabili dei loro stessi crimini riguardanti le palesi violazioni dei diritti umani “, ha detto il funzionario. L’elenco delle violazioni è estremamente lungo e comprende paesi come lo Yemen, la Siria, l’Iraq, la Libia e la Somalia dove i crimini degli Stati Uniti e dei paesi occidentali non si contano. Proprio quei paesi che salgono sulla tribuna e indossano la veste dei “difensori dei diritti umani”.

Il portavoce ha sottolineato che l’Iran è sempre stato all’altezza dei suoi impegni nei confronti dei propri cittadini e della comunità internazionale nonostante sia soggetto al terrorismo economico statunitense.

Khatibzadeh ha detto che l’Iran è una democrazia religiosa e si impegna per la promozione dei diritti umani a livello nazionale, regionale e internazionale nel quadro dei suoi obblighi religiosi e della Costituzione.

Il funzionario iraniano ha criticato i promotori della risoluzione per il loro uso strumentale e politico dei diritti umani e per il rifiuto di riconoscere le convinzioni e i valori culturali propri di ciascuna nazione.
Influenzati dalla propaganda e dalla guerra psicologica, sono distaccati dalla realtà e tacciono sulle flagranti violazioni dei diritti della nazione iraniana sotto le crudeli sanzioni occidentali.

“Diritti umani” dei bambini yemeniti sottoposti ai bombardamenti USA-Sauditi

“I sostenitori di questa risoluzione dovrebbero principalmente condannare gli atti di terrorismo economico dell’amministrazione statunitense, l’escalation di sanzioni unilaterali e oppressive, e riconoscere come le sanzioni impediscono al popolo iraniano l’accesso ai beni di prima necessità come le forniture mediche al momento della pandemia globale”, ha dichairato Khatibzadeh .

Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano ha anche denunciato la politicizzazione dei diritti umani e l’esercizio dei doppi standard, dicendo che coloro che hanno progettato la risoluzione dovrebbero piuttosto dichiarare le loro posizioni sulla repressione violenta delle recenti proteste negli Stati Uniti.

Fonte: www.presstv.ir

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti

  • mario
    24 Marzo 2021

    EBREI SIONISTI :……. AMERICANI INGLESI IL MALE ASSOLUTO::::::::::::::::::

    W RUSSIA W CINA E TUTTI I PAESI LIBERI DI QUESTO PIANETA:…………ITALIA E” CON VOI

  • Kim
    25 Marzo 2021

    Purtroppo l’Italia è dalla parte sbagliata, ovvero gli sciacalli della Nato

  • atlas
    25 Marzo 2021

    vorrei sapere che aspettano … Russia, Iran, India, Cina, Siria, Venezuela, Bolivia, Cuba, Corea del nord … ad uscire dall’onu, dall’fmi e da tutte le organizzazioni internazionali

    interagire militarmente, economicamente, solo fra di loro. In tutto e per tutto RENDERSI IMPERMEABILI. Allora sì che sarebbero cazzi amari

    • giorgio
      25 Marzo 2021

      Sacrosanto Atlas ….. i paesi dell’asse della resistenza devono uscire dagli organismi internazionali ….. utilizzare le proprie monete per i propri scambi commerciali ….. mettere sotto ferreo controllo statale le loro economie per rendersi impermeabili alle aggressioni economiche, sanzioni ed embarghi …… oltre che interagire militarmente a difesa della loro sovranità …..

  • antonio
    26 Marzo 2021

    la lunga linea rossa di sangue dell’ imperialismo coloniale anglo-sionista e cristiano dal 1492 ?

Inserisci un Commento