Iran e Russia, tensione a distanza con la Turchia di Erdogan

È quasi lo stesso schema: in Libia, il neo-sultano Erdogan ha lanciato insieme ai suoi amici israeliani ed emiratini una vera e propria guerra falsa, su richiesta degli Stati Uniti, una guerra che mirava meno al saccheggio di petrolio e gas, già in gran parte saccheggiati dalla Libia rispetto al dispiegamento dell’asse USA / NATO ai confini con l’Algeria.

Lo stesso neo-Sultano ha appena lanciato un’identica guerra sulla base di un conflitto secolare e che improvvisamente riaffiora, anche se gli USA, potenza in totale declino, stanno esaurendo il vapore nel Golfo Persico, spinti verso la porta da Iran e suoi alleati russi e cinesi.

Tuttavia, questa guerra Armenia / Azerbaigian si sta svolgendo ai confini dell’Iran nordoccidentale e ha l’ovvio obiettivo di stabilire la Turchia e quindi la NATO ai confini iraniani. Nuovo errore di calcolo del Sultano edel suo enturage? Molto probabilmente.

Mentre è vero che questa NATO, trainata da Ankara, avrà la missione di prolungare le molestie aeree e marittime già in corso contro la Russia nel Mar Nero sullo sfondo delle invasioni sulle esportazioni energetiche russe, mentre la Turchia sta lavorando per espandersi verso est, oltre il Mar Caspio. L’obiettivo della Turchia è quello di collegare le fonti di gas in Turkmenistan e in altri paesi dell’Asia centrale con il vettore azero (e sappiamo che Israele ottiene il 40% del suo fabbisogno di petrolio da Baku, ndr), è anche vero che le basi militari della NATO dovrebbero in questa logica rappresentare una minaccia territoriale contro l’Iran.

In vista delle conquiste territoriali che l’esercito azero sta per compiere, esercito posto direttamente sotto il comando turco e israeliano (come ai suoi tempi in Siria, ndr), l’asse USA / NATO / Israele sta addirittura lavorando per creare un corridoio al centro del territorio armeno che darebbe accesso ai confini con l’Iran. Una cosa è certa: se gli Stati Uniti stanno ora incendiando il Caucaso, è perché sono completamente in un vicolo cieco di fronte all’ascesa dell’asse Iran-Cina-Russia.

In Siria e in Iraq il loro fallimento è totale; in Libano, lo stallo è completo e anche la normalizzazione non è servita adeguatamente ai loro scopi, la coalizione Abraham composta da un’entità israeliana già a bada e i giocatori di golf perfettamente disarmati non sono altro che figurine. Rimane una sorta di tacchino che continua a mangiare a tutte le rastrelliere senza capire che ci sono limiti a tutto.

Sabato, le autorità iraniane hanno annunciato che un totale di 35 colpi di mortaio erano caduti sul territorio iraniano a seguito delle battaglie nella regione del Karabakh. Il governatore della città di confine iraniana di Khoda Afrin nell’Iran nordoccidentale, Ali Amiri Raad, ha detto che le due parti stavano abusando della neutralità dell’Iran e hanno continuato a sparare senza riguardo per le vite dei popolazioni. Nel processo in corso, un severo monito, un secondo nello spazio di 3 giorni è stato lanciato all’indirizzo di Baku e Yerevan da un portavoce della diplomazia iraniana, Khatib Zadeh, che ha affermato che l’Iran “non non tollererà alcuna provocazione ”.

L’Iran, infatti, sta seguendo da vicino le azioni di Ankara, il remake di ciò che la Turchia dei Fratelli Musulmani ha già realizzato in Siria e poi in Libia, ovvero il dispiegamento di terroristi Takfiri nella Repubblica dell’Azerbaigian e questo, come pretesto per il conflitto del Nagorno-Karabakh. Secondo le prove, anche una cellula composta da 18 ufficiali sionisti sta monitorando i combattimenti.
Secondo quanto riferito, circa 900 terroristi sono stati trasferiti negli ultimi giorni dalla Siria e dalla Libia ai confini nord-occidentali dell’Iran, appena a nord del fiume Aras che separa l’Iran dalla Repubblica dell’Azerbaigian.

Secondo fonti sul campo, i servizi segreti turchi hanno già trasferito più di 530 elementi terroristici in Azerbaigian; con ulteriori trasferimenti, il numero di terroristi in Azerbaigian è salito ad almeno 2000 e l’afflusso continua.

Terroristi e mercenari reclutati dalla Turchia in Azerbaijan

Sono membri del gruppo terroristico della “Brigata del sultano Mourad”, fondato nel 2013 e composto principalmente da turkmeni dalla Siria ma anche da Jaysh al-Sharqiya, al-Hamza, l’esercito di al-Nokhba, Jabhat al-Sham, brigata al-Furqan, brigata 51 e brigata al-Moutasem. I leader dei gruppi terroristici nei territori occupati di Siria e Libia si sono uniti alla coalizione Turchia / Azerbaijan / Israele, nonostante abbiano già perso almeno 103 membri negli scontri nella regione del Nagorno-Karabakh.

Ma la parte caucasica è ben lungi dall’essere una passeggiata nel parco per l’asse Turchia / Israele / USA, il campo antagonista ha già preparato delle belle sorprese contro di loro: proprio come in Siria e Libia, il la delusione rischia di essere monumentale. Sabato, la seconda città principale della Repubblica dell’Azerbaigian, Gandja è stata presa di mira dai missili armeni di fabbricazione russa. Questo è l’aeroporto militare che attualmente ospita aerei da guerra turchi e NATO.

Gandja, seconda città dell’Azerbaijan bomnbardata

A una settimana dall’inizio del conflitto, l’Armenia si morde le dita per essersi normalizzata con Israele e ha già richiamato il suo ambasciatore. Quanto alla Russia di Putin, ha condizionato i suoi aiuti al ritorno da Yerevan, totale e intero, al campo orientale. Fonti turche ammettono che l’attacco contro Gandja rischia di mandare in frantumi la superiorità aerea di Baku, che è in parte basata sui droni turchi e israeliani. “Circa 60 missili sarebbero stati lanciati contro il campo d’aviazione che sarebbe stato ridotto in cenere con i droni e i caccia che erano lì. Due giorni prima era stata attaccata anche la base aerea Dallar, base che ospita caccia F-16 turchi e caccia MiG-25 azeri ”.

In Nagorno-Karabakh, la Russia sta iniziando a colpire Israele, cosa che non ha fatto in Siria o in Libia. Per la prima volta, i missili israeliani sparati contro il Nagorno-Karabakh sono stati intercettati e distrutti dall’S-300…. Le divisioni tendono a fissarsi … l’asse Iran-Russia-Cina si sta riprendendo …

Fonte: https://parstoday.com/fr

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • antonio
    5 Ottobre 2020

    il nemico alle porte,
    S nami Bog!
    Con noi Dio!

  • marte
    5 Ottobre 2020

    S 300 è entrato in servizio nel lontano 1979…… e funziona da meraviglia, e la cosa più bella è che dopo che hanno tirato un s300 contro un drone o un aereo la cosa più difficile è trovare i resti del bersaglio.

  • Giorgio Vitali
    6 Ottobre 2020

    Fermo restando che la Turchia potrebbe avere un ruolo determinante nel settore, qualora agisse nel ricordo e nel segno della sua funzione geopolitica e storica fondamentale, in quanto erede reale dell’Impero Romano d’Oriente, gli sbandamente geopolitici attuali di Erdogan continuano a presentare questa entità come spazio puramente geografico.

Inserisci un Commento

*

code