Iran e Arabia Saudita: una vittoria cinese per tutti

di Pepe Escobar

La sola stretta di mano iraniano-saudita ha seppellito trilioni di dollari negli investimenti occidentali del divide et impera in tutta l’Asia occidentale e ha indotto i leader mondiali a precipitarsi a Pechino per trovare soluzioni globali.

L’idea che la storia abbia una fine , come promossa dagli sconvolti neoconservatori degli anni ’90, è fuorviante, perché è in un processo di rinnovamento senza fine. Il recente incontro ufficiale tra il ministro degli Esteri saudita Faisal bin Farhan al-Saud e il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian a Pechino segna un territorio che prima era considerato impensabile e ha indubbiamente destato preoccupazione per la Machine War Inc.

Questa semplice stretta di mano significa la sepoltura di trilioni di dollari che sono stati spesi per dividere e governare l’Asia occidentale per più di quattro decenni. Inoltre, la Guerra Globale al Terrore (GWOT), la realtà fabbricata del nuovo millennio, è stata rappresentata come il principale danno collaterale di Pechino.

L’immagine di Pechino come capitale della pace è stata impressa in tutto il Sud del mondo, come evidenziato da un successivo evento secondario in cui due leader europei, un presidente e un eurocrate, sono arrivati ​​come supplici a Xi Jinping, chiedendogli di unirsi alla linea della NATO sulla guerra in Ucraina. Sono stati gentilmente licenziati.

Le apparenze erano però sigillate: Pechino aveva presentato un piano di pace in 12 punti per l’Ucraina, definito “irrazionale” dai neoconservatori della Beltway a Washington. Gli europei, ostaggi di una guerra per procura imposta da Washington, hanno almeno capito che chiunque sia interessato alla pace, direttamente o indirettamente, deve sottoporsi al rito dell’inchino al nuovo capo di Pechino.

L’inutilità del JCPOA
Le relazioni tra Teheran e Riyadh ovviamente hanno ancora molta strada da fare – dall’attivazione degli accordi di cooperazione firmati nel 1998 e nel 2001 al rispetto, in pratica, della reciproca sovranità e non ingerenza negli affari interni dell’altra parte.

Tutto è tutt’altro che risolto, che si tratti della guerra condotta dall’Arabia Saudita nello Yemen o dello scontro frontale tra le monarchie arabe del Golfo Persico e Hezbollah e altri movimenti di resistenza nel Levante. Eppure questa stretta di mano è il primo passo che precede, ad esempio, l’imminente viaggio del ministro degli Esteri saudita a Damasco per invitare ufficialmente il presidente Bashar al-Assad al vertice della Lega Araba che si terrà a Riyad il mese prossimo.

È essenziale sottolineare che questo colpo diplomatico cinese è iniziato molto tempo fa, quando Mosca negoziava a Baghdad e in Oman; è stata una naturale evoluzione della Russia, che è intervenuta per aiutare l’Iran a salvare la Siria da una coalizione incrociata di avvoltoi della NATO e del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC).

La staffetta è stata poi rilevata da Pechino, in perfetto sincronismo diplomatico. Il desiderio di seppellire definitivamente il GWOT e la miriade di brutte ramificazioni della Guerra al Terrore guidata dagli Stati Uniti era una parte essenziale del calcolo; ma era ancora più urgente dimostrare quanto fosse diventato irrilevante il Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA), o accordo sul nucleare iraniano.

Sia la Russia che la Cina hanno sperimentato, dentro e fuori, come gli Stati Uniti riescano sempre a silurare un ritorno al JCPOA, così come era stato concepito e firmato nel 2015. Il loro compito era convincere Riyadh e gli Stati del CCG che Teheran non ha alcun interesse a acquisire armi nucleari e che rimarrà uno dei firmatari del Trattato di non proliferazione (TNP).

La finezza diplomatica cinese ha poi chiarito che la paura delle monarchie del Golfo Persico nei confronti dello sciismo rivoluzionario è ora controproducente quanto la paura di Teheran di essere vessata e/o circondata dai jihadisti salafiti. È come se Pechino avesse inventato un motto: lascia perdere quelle ideologie confuse e facciamo affari.

E gli affari sono e saranno: ancora meglio, con la mediazione di Pechino e l’implicita garanzia delle due superpotenze nucleari, Russia e Cina.

Salire sul treno della dedollarizzazione
Il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman (MbS) può avere tratti degni di Soprano, ma non si lascia ingannare: ha subito visto come questa offerta cinese si inserisse perfettamente nei suoi piani di modernizzazione nazionale. Una fonte del Golfo a Mosca che conosce l’ascesa e il consolidamento del potere di MbS afferma che il principe ereditario sta cercando di corteggiare la giovane generazione saudita che lo idolatra. Lasciate che le ragazze guidino i loro SUV, vadano a ballare, si pettinino, lavorino sodo e facciano parte della “nuova” Arabia Saudita di Vision 2030: un centro globale per il turismo e i servizi, una sorta di Dubai sotto steroidi.

Sarà anche un’Arabia Saudita integrata con l’Eurasia , inevitabile futuro membro della Shanghai Cooperation Organization (SCO) e dei BRICS+, proprio come l’Iran, che siederà anch’esso agli stessi tavoli comuni.

Dal punto di vista di Pechino, si tratta della sua ambiziosa Belt and Road Initiative (BRI) multimiliardaria. Un corridoio chiave per la connettività BRI va dall’Asia centrale all’Iran e poi al Caucaso e/o alla Turchia. Un altro – in cerca di opportunità di investimento – attraversa il Mar Arabico, il Mar Arabico e il Golfo Persico, come parte della Via della Seta Marittima.

Pechino vuole sviluppare i progetti BRI nei due corridoi: si tratta di una “ modernizzazione pacifica ” applicata allo sviluppo sostenibile. I cinesi ricordano sempre come le antiche Vie della Seta attraversassero la Persia e parte dell’Arabia: in questo caso la storia si ripete.

Una rivoluzione geopolitica
E poi arriva il Graal: l’energia. L’Iran è un importante fornitore di gas alla Cina, una questione di sicurezza nazionale indissolubilmente legata al loro accordo di partenariato strategico da oltre 400 miliardi di dollari. L’Arabia Saudita è anche uno dei principali fornitori di petrolio. Relazioni e interazioni sino-saudite più strette all’interno di organizzazioni multipolari chiave come SCO e BRICS+ stanno anticipando il fatidico giorno in cui il petroyuan sarà finalmente consacrato.

Cina ed Emirati Arabi Uniti hanno già concluso il loro primo contratto per il gas in yuan . Il treno ad alta velocità di dedollarizzazione ha già lasciato la stazione. L’ASEAN sta già discutendo attivamente su come aggirare il dollaro a favore di accordi in valute locali, cosa impensabile solo pochi mesi fa. Il dollaro USA è già stato gettato in una spirale mortale da mille tagli.

Ed è in questo giorno che il gioco raggiungerà un livello imprevedibile.

L’agenda distruttiva dei neoconservatori incaricati della politica estera degli Stati Uniti non dovrebbe mai essere sottovalutata. Hanno sfruttato il pretesto della “nuova Pearl Harbor” dell’11 settembre per lanciare una crociata contro le terre dell’Islam nel 2001, seguita da una guerra per procura della NATO contro la Russia nel 2014. La loro ultima ambizione è di fare la guerra alla Cina prima del 2025.

Tuttavia, ora devono affrontare una rapida rivolta geopolitica e geoeconomica dal cuore del mondo – dalla Russia e dalla Cina all’Asia occidentale, ed estrapolando all’Asia meridionale, al Sud-est asiatico, all’Africa e ad alcune latitudini dell’America Latina.

La svolta è arrivata il 26 febbraio 2022, quando i neoconservatori di Washington – in una palese dimostrazione della loro scarsa intelligenza – hanno deciso di congelare e/o rubare le riserve dell’unica nazione del pianeta dotata di tutte le materie prime che realmente contano e dotato dell’intelligenza per innescare un cambiamento epocale verso un sistema monetario non ancorato al denaro fiat.

È stato il fatidico giorno in cui la cabala, identificata dal giornalista Seymour Hersh come responsabile dell’esplosione degli oleodotti Nord Stream, ha di fatto fischiato perché il treno ad alta velocità di de-dollarizzazione lasciasse la stazione, con in testa Russia, Cina e ora – benvenuti a bordo – Iran e Arabia Saudita.

Pepe Escobar

fonte: The Cradke

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM