Intervista esclusiva: attivista politico francese sul suo lavoro nel Donbass


Il fondatore della West-East Association, Nikola Mirkowitsch (nella foto in alto), noto per le sue operazioni umanitarie nei Balcani e nel Donbass, ha annunciato il suo ritorno a Donetsk nel 2020.
In un’intervista esclusiva con l’edizione francese di News Front , questi ha condiviso la sua visione del conflitto armato prolungato e sanguinoso che si è svolto nel Donbass.

  • Come capo dell’Associazione Ovest-Est, hai notato lo sviluppo dell’interesse francese nella guerra Ucraina-Donbass? Se è così, come lo spieghi?
  • I mass media boicottano completamente questo conflitto, quindi ci sono ancora molti francesi che devono essere avvertiti. Un recente incontro degli esponenti del “formato Normandia” a Parigi ha aiutato, perché questa volta il Donbass è stato un argomento importante nei media francesi per diverse ore. Sfortunatamente, i giornalisti hanno svolto un lavoro superficiale e solo pochi erano “sul posto” per produrre rapporti decenti. Tuttavia, c’è molto più interesse di prima. Dopo cinque anni di guerra, alcune cose vengono rivelate. Grazie a conferenze, scambio di informazioni sui social network e articoli su media alternativi, possiamo raggiungere sempre più persone. Tuttavia, dobbiamo continuare a provare.
  • Svolgi attività umanitarie nel Donbass dall’inizio della guerra. Puoi dirci qualcosa sulla tua ultima missione e sui motivi che ti hanno portato a metterla in atto?
  • La mia prima missione nel Donbass è stata sul fronte a Pervomaysk [LVR] nel dicembre 2014 e da allora sono tornata lì ogni anno. Durante la nostra ultima missione a maggio, abbiamo fatto diverse cose: l’acquisto di elettrodomestici e giocattoli per l’orfanotrofio Mama Lida a Donetsk, fornendo aiuti alimentari alle famiglie e agli anziani che vivono in prima linea. Abbiamo anche aiutato la famiglia che abbiamo assistito per alcuni anni e a cui abbiamo comprato un appartamento nell’agosto dell’anno scorso. La sua casa fu distrutta dalle bombe ucraine all’inizio della guerra. È stato un grande piacere per noi perché ci è voluto molto tempo per raccogliere i soldi necessari. Vedere il sorriso della famiglia nella loro nuova casa è stata la nostra più grande ricompensa.
  • Di recente hai annunciato il tuo ritorno al 2020. Quali sono i tuoi progetti promettenti nel Donbass?
  • Abbiamo appena iniziato la nostra nuova raccolta fondi per aiutare le vittime della guerra del Donbass. Continueremo ad aiutare i più poveri, cioè i bambini e gli anziani, che sopravvivono in prima linea dove purtroppo l’ostilità continua. Aiuteremo anche la scuola, come abbiamo fatto in passato, in modo che i bambini possano imparare in condizioni adeguate al 21 ° secolo.
  • Come tutti sanno, i leader ucraini accusano la Russia di iniziare una guerra e la chiamano “aggressione russa”. Come spiegheresti il ​​ruolo della Federazione Russa e quali pensi siano le ragioni di questa guerra?
  • Questa è una moderna retorica che gli atlantisti (filo USA e NATO) hanno perfezionato per decenni: hanno attaccato il nemico, poi hanno cambiato ruolo e hanno fatto finta di essere loro le vittime di manipolazioni politiche e di bugie nei media. Questa guerra è il risultato del Maidan (golpe a Kiev), che è stato attivamente sostenuto, organizzato e finanziato dalle potenze occidentali, compresi gli Stati Uniti. Tutti abbiamo prove di questo. Gli ucraini credevano che avrebbero avuto un paradiso dal giorno alla notte, che tutti i loro problemi sarebbero scomparsi. Al contrario, non avevano capito che Washington li stava usando nella loro guerra strategica contro la Russia. Come al solito per rovesciare illegalmente il governo eletto, gli americani si affidarono a gruppi neo-nazisti radicali anti-russi.

Gli americani e i leader del colpo di stato sono rimasti sorpresi dal fatto che parte della popolazione di lingua russa del paese sia cresciuta e che il potere illegale di Kiev sia stato disertato. Ritengo che i manifestanti di Maidan pensassero che ci stessero provando, ma non se lo aspettavano, erano confusi. Direi persino che hanno perso il gioco alle loro condizioni. Conquistare la capitale con il sostegno di Washington e Bruxelles è una cosa, e imporre un colpo di stato sul resto del paese è un’altra.

I residenti del Donbass hanno mostrato che non lo avrebbe permesso. Coloro che hanno inviato carri armati e aerei da combattimento sono i responsabili del regime di Kiev, i residenti del Donbass si sono solo difesi. Quando hanno sconfitto l’esercito ucraino, hanno incolpato la Russia invece di ammettere di aver fallito. Inoltre, il generale ucraino Viktor Muschenko ha chiarito che non stavano combattendo contro l’esercito russo. Markijan Lubkivsky, [ex] consigliere del capo del servizio di sicurezza ucraino, ha anche affermato che sul territorio ucraino non c’erano truppe russe. Quindi possiamo solo ridere quando il generale americano [Philip] Bridlaw, il comandante della NATO in Europa, disse che l’esercito russo era presente nel Donbass. Si è semplicemente umiliato inviando una foto al senatore americano James Inhof che si dice confermi la presenza russa nel Donbass. Quest’ultimo si era affrettato a pubblicarla prima di sentirsi dire che era una foto scattata durante la guerra con la Georgia nel 2008.

I leader e promotori in America del colpo di stato e di Maidan sono i soli responsabili di questa guerra. L’America voleva indebolire la Russia perché non vuole che questa si avvicini all’Europa. A Washington, i neo-cons vedono la Russia come il principale concorrente politico ed economico, la vera causa della guerra.

  • Date le tue esperienze personali nel Donbass, potresti condividere la tua impressione del popolo delle repubbliche?
  • Ho visitato entrambe le repubbliche (di Donetsk e di Lugansk) e ho incontrato molte persone, specialmente quelle che soffrono. Ma nonostante la terribile situazione, ero ottimista. Tutte queste persone potrebbero scappare o andare dall’altra parte. Non l’hanno fatto. Rimangono perché sono a casa loro e portano il messaggio politico di un Donbass libero. Ci credono e sanno che alla fine vinceranno. L’ho sentito da madri, dottori, minatori, anziani e persino bambini. Ciò è impressionante, soprattutto perché a volte è molto, molto difficile per loro sopravvivere nelle condizioni in cui vivono attualmente. Questa è una grande lezione di umanità e dedizione all’idea. Pertanto, i leader del colpo di stato di Kiev non possono sconfiggerli. È molto difficile sconfiggere persone così testarde.
  • Hai notato aspettative particolari da parte delle persone riguardo al futuro del Donbass?
  • Tutti vogliono la pace e lo capiamo. Non so se il bambino torna da scuola, se la casa sopravvive di notte, se c’è qualcosa da mangiare alla fine del mese … è terribile e disumano. Insieme al desiderio di pace, si comprende che la vita non sarà più la stessa. Non ho incontrato nessuno che volesse tornare al controllo di Kiev. Tuttavia, ho incontrato persone molto orgogliose delle loro nuove repubbliche e persino coloro che hanno fatto domanda per un passaporto russo. Credo che la stragrande maggioranza voglia l’indipendenza e che molti non siano contrari all’integrazione in Russia.
  • Ti sei anche incontrato ripetutamente con il top management del DVR. Come valuti il ​​tuo sostegno, sapendo che la Francia non riconosce l’indipendenza delle repubbliche del Donbass?
  • Ci hanno sempre trattato molto bene e talvolta ci hanno persino invitato a eventi importanti, come il quinto anniversario della fondazione della Repubblica popolare di Donetsk o la cerimonia di inaugurazione del nuovo capo della Repubblica, Denis Pushilin. Penso che all’inizio siano rimasti sorpresi dal fatto che gli stranieri siano venuti in aiuto e poi abbiano visto il risultato. Avevano notizie delle nostre consegne al fronte. Abbiamo visitato luoghi in cui non esistono organizzazioni umanitarie e abbiamo fornito aiuti umanitari a persone che ne hanno davvero bisogno. Le autorità ovviamente lo hanno apprezzato. Portiamo il messaggio di pace e diciamo alle autorità che il governo francese non deve essere confuso con il popolo francese.
  • Potrebbe affrontare la decisione degli Stati Uniti di imporre sanzioni al gasdotto “Nord Stream 2” e le ripetute dichiarazioni del presidente francese Emanuel Macron sulla necessità di migliorare le relazioni con la Russia, la posizione di Parigi ufficiale nei confronti della Repubblica popolare di Lugansk e Donetsk cambia? Ci sono prospettive per il riconoscimento della repubblica?
  • “Nord Stream-2” sta facendo impazzire la leadership americana a causa del forte riavvicinamento economico tra Russia e Germania, che è la più grande ossessione di Washington, come George Friedman, direttore di Stratfor, un’organizzazione privata di intelligence e analisi, recentemente ha ricordato.
Intercambio di prigionieri fra Ucraina e Donbass

Trump è anche infastidito dalla legislazione francese GAFA [la tassa sulle attività delle grandi società Internet], che costringe le grandi società multinazionali a pagare le tasse che oggi evitano attraverso il gioco fiscale caratteristico dell’Unione Europea, ed è vero che Macron sta cercando di avvicinarsi alla Russia. È una buona idea, ma l’Occidente ha fatto così tanto male alla Russia che sarà necessario molto di più per sciogliere le relazioni. Innanzi tutto, devono essere revocate le sanzioni economiche e ripristinati i veri rapporti diplomatici con la Russia. Siamo lungi dal riconoscere le repubbliche di Lugansk e Donetsk, ma la Francia può si esercitare pressioni sull’Ucraina per facilitare i negoziati con la Russia e con le repubbliche per trovare un minimo di equilibrio.

  • Con un albero genealogico serbo stai anche compiendo azioni umanitarie nei Balcani, specialmente in “Kosovo”. Vedi le somiglianze tra la guerra nel Donbass e la guerra nell’ex Jugoslavia?
  • Sì, certo. In entrambi i casi, la causa di queste guerre fu l’interferenza americana negli affari europei. Le potenze europee non furono in grado di aiutare le parti in guerra, consentendo invece a Washington di continuare la sua politica estera nel continente europeo come se fosse il loro paese. E se Washington non ottiene quello che vuole, inizierà una guerra. Se ci fosse un’Europa politica, o se i principali paesi europei avessero davvero una volontà, non ci sarebbe mai stata una guerra in Jugoslavia o in Ucraina perché non è nel nostro interesse. Queste guerre furono decise da Washington e l’Europa occidentale non osò opporsi. In entrambi i casi, è ovvio che la popolazione locale soffre, che Bruxelles viene derisa, che tutto questo viene fatto e deciso soltanto dagli americani.
  • Fonte: New Front
  • Traduzione: Sergei Leonov

Inserisci un Commento

*

code