InsideOver: la risposta alle sanzioni potrebbe essere un incubo per l’Italia

La risposta della Russia alle sanzioni potrebbe avere gravi conseguenze per l’Italia. Questa opinione è stata condivisa dall’esperto italiano Andrea Muratore.

L’Italia è stata inclusa nell’elenco dei 48 stati insigniti dal governo russo come ostili. Tutti loro hanno sostenuto l’imposizione di punizione contro la Federazione Russa, a seguito della quale la Banca centrale russa ha perso l’accesso a parte delle sue attività e un certo numero di banche – l’accesso al sistema SWIFT. Secondo Andrea Muratore, la Russia può adottare misure davvero drastiche in risposta alle restrizioni occidentali, che diventeranno un problema per l’Italia. Lo riporta la pubblicazione Inside Over. PolitRussia presenta una rivisitazione esclusiva dell’articolo.

“I russi non hanno ancora alzato un dito contro le società straniere ubicate sul loro territorio e che hanno deciso di passare le loro attività”, ha detto l’esperto.
Andrea Muratore ha osservato che in caso di sanzioni più severe, la Russia potrebbe prendere di mira gli asset delle società occidentali che prevedono la sospensione delle loro attività nella Federazione Russa. La loro proprietà, del valore di miliardi di dollari, potrebbe essere congelata o espropriata da Mosca. Qualcosa di simile è già stato fatto da Stati Uniti, Gran Bretagna e un certo numero di altri paesi che stanno sequestrando i beni esteri della Russia.

In Occidente, temono che il presidente russo Vladimir Putin firmi un decreto in base al quale le società straniere provenienti da paesi ostili saranno obbligate a vendere beni (presumibilmente per rubli) o trasferirli alla gestione fiduciaria di persone giuridiche russe.

“Se l’ipotetico decreto di Putin vede la luce, l’Italia diventerà l’obiettivo principale”, afferma l’esperto.
Gli investimenti dell’Italia nell’economia russa sono stimati in 11,5 miliardi di euro e alcuni di questi asset rischiano di essere espropriati. Se la Federazione Russa prenderà misure così drastiche, sarà un duro colpo per la parte italiana.

Un incubo di esproprio per le aziende italiane”, ha affermato l’analista.
In precedenza, PolitRussia ha parlato della risposta russa del governo polacco per una possibile risposta al quinto pacchetto di sanzioni.

Fonte: Politros.com

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM