Iniziano le proteste a Copenaghen e a Praga, contro il blocco del Covid-19 e i piani di passaporto con le vaccinazioni

Le persone che si oppongono alla risposta del governo danese alla pandemia di Covid-19 hanno marciato sabato per la capitale in una nuova protesta. A differenza di alcuni eventi precedenti, l’incontro di questa settimana è stato pacifico e non ha portato ad arresti.
La protesta è stata organizzata dal gruppo “Men in Black”, scontento della chiusura parziale della Danimarca e dell’imminente dispiegamento di un sistema digitale che monitorerà i vaccini e rilascerà certificati che confermano lo stato di vaccinazione delle persone. I passaporti saranno utilizzati per i viaggi internazionali e potenzialmente per dare accesso a luoghi pubblici nella stessa Danimarca.

Sabato sera, centinaia di manifestanti hanno attraversato il centro di Copenaghen davanti al palazzo del parlamento, portando torce e razzi, cantando slogan e suonando musica che includeva il loro inno non ufficiale, una versione del classico partigiano italiano “Bella Ciao”. Portavano anche un’effigie in cui si raffigurava il primo ministro Mette Frederiksen fatta per assomigliare al leader nordcoreano Kim Jong-un, ma a differenza del modello del primo ministro visto due settimane fa, non l’hanno bruciata.

L’ardente satira del 23 gennaio ha suscitato molte polemiche, poiché in quell’occasione l’effigie aveva un cartello che diceva che il premier meritava di essere assassinato. Cinque persone erano state arrestate durante quell’evento. Gli alleati di Men in Black hanno preso le distanze dall’azione e si sono lamentati che abbia distolto l’attenzione dal suo messaggio centrale.

I manifestanti accusano il premier Frederiksen di imporre restrizioni affrettate e inutili e di costringere le persone a vaccinarsi. La vaccinazione non è obbligatoria in Danimarca, ma gli oppositori affermano che potrebbe anche essere obbligatoria di fatto se l’alternativa è escludersi da ogni vita sociale.

Manifestazioni di protesta molto simili si sono verificate massicciamente nei giorni scorsi anche nella Repubblica Ceka, in Austria, in Germania e in Spagna , quasi sempre oscurate dai media ufficiali che danno invece molto risalto alle proteste che si verificano in Russia per l’arresto di Navalny.

Proteste contro il confinamento Covid a Praga


Le proteste sono in grande maggioranza dirette contro il confinamento obbligatorio, contro la vaccinazione della Pfizer e Moderna e contro i governi che impongono un regime di chiusure e limitazione della vita sociale in questi paesi.

Fonte: RT News

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus