"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Informativa: gli USA mantengono una presenza militare nel 75% dei paesi del mondo

Una informativa segnala  un nuovo record circa la presenza militare degli USA : Washington dispone di forze militari schierate in 149 paesinel mondo, secondo un report pubblicato questa settimana dal portale statunitense “Tom Dispach”.

“Nel 2007, le forze delle operazioni speciali USA, inclusa la Navy SEAL (una unità d’elite delle US.Special Forces ) e il gruppo dei berretti verdi dell’Esercito, sono stati impiegati in 149 paesi di tutto il mondo “, secondo un report pubblicato questa settimana sul portale USA TomDispatch.

Citando le cifre fornite dal Comando delle Operazioni Speciali degli USA (SOCOM), l’informativa indica che gli USA mantengono una presenza militere nel 75% delle nazioni del mondo, cosa che rappresenta un salto quantitativo rispetto alle 138 nazioni che nel 2016- sotto l’amministrazione Obama – e questo segna un nuovo record.

Questo spiegamento di forze non si limita alle regioni dell’Africa e Medio Oriente, ma Washington si è concentrato anche nei paesi europei, precisa la nota nel citare i dati offerti dal portavoce del SOCOM in Europa, Michael Weisman, in base ai quali attualmente il paese nordamericano è presente con le sue forze  in tutti gli Stati Europei, ad eccezione della Russia e della Bielorussia.
“Abbiamo avuto una presenza costante in tutti i paesi, quelli della NATO ed altri alle frontiere della Russia, ottenendo cose fantastiche con i nostri alleati, aiutando a prepararsi davanti alle minacce”, ha dichiarato, Raymond Thomas, il capo del SOCOM.

Thomas ha segnalato allo stesso modo che la Cina e la Corea del Nord sono considerati “paesi aggressivi “che sfidano gli interessi statunitensi”, per poi giustificare con questo pretesto l’espansione della presenza militare statunitense nella regione dell’Asia.

US CIA Special Corps

 

Nel commentare l’ampliamento delle operazioni militari degli USA durante la presidenza di Donald Trump, Micah Zenko, esperto in sicurezza nazionale del think thank britannico Chatham House, ha richiamato l’attenzione sul fatto che l’inquilino della Casa Bianca ha concesso una maggiore autorità ai comandanti dell’Esercito statunitensi per lanciare attacchi nelle zone di quasi guerra come quelle in cui si trovano in Africa e Medio Oriente.
Nel caso concreto dell’Africa, Washington già mantiene schierati oltre 2.000 effettivi, appartenenti alle  forze speciali, oltre ai mezzi di cui dispongono (elicotteri Apache, caccia bombardieri e droni senza pilota).

Sono queste le forze segrete  con cui gli USA stanno scatenando un guerra segreta su vari teatri,  secondo le analisi e le osservazioni degli esperti militari.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. max tuanton 4 mesi fa

    Digitate:”le basi militari in Italia aaargh Italia” Come da conferma a quello che dico vedrete che i russi non SONO niente a confronto del potere giudeo American,recitano solo la parte che viene data loro dai potentati dell’alto giudaismo SONO sempre loro ad aver LA grana e lo spartito,I various giulietto chiesa saker barnard ecc SONO I servi da tastiera al servizio del ghetto sicuro al 100%

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Eugenio Orso 4 mesi fa

      Mi sembra che oggi il “potere giudeo”/il sionismo si esplichi all’interno dei processi decisionali della classe dominante neocapitalista – la classe globale – e sia, per così dire, quota parte di questo potere, pur al massimo livello strategico.
      Un tentativo di analisi della composizione della classe globale, in relazione all’origine etnica, religiosa e culturale – nonostante il cosmopolitismo/mundialismo che caratterizza questa élite – rivelerebbe una massiccia presenza di ariani, molti dei quali anglosassoni/Wasp, asiatici dai tratti inconfondibili e di semiti, ma arabi e islamici (come i sauditi o gli emiratini, ad esempio). Non solo semiti ebrei, dunque …

      Cari saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. GRAF 4 mesi fa

    Articolo digitate :”L’america vinta lasha darkmoon” video Digitate” LA cabala EBREA associazione a Delinquere” leggete guardate e fate vedere agli amici prima o poi dovra’ nascere l’uomo Nuovo come diceva Leon Degrelle ai Giovani Europei

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. GRAF 4 mesi fa

    In Italia gruppo Fiat LA Stampa ELKANN ,GRUPPO L’espresso LA repubblica DEBENEDETTI ,CORRIERE DELLA SERA RCS LIBRI MIELI ,gruppo feltrinelli Inge schonthal, TUTTI EBREI vado avanti signor Orso ! NON SI PUO DIFENDERE L’INDIFENDIBILE PITTOSTO DICIAMO CHE SIAMO COSTRETTI A CHINARE LA TESTA E ALLORA VA BENE MA NON SI PUO NEGARE IL MONOPOLIO ASSOLUTO EBREO !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Eugenio Orso 4 mesi fa

      Guarda che io non difendo gli ebrei, mondandoli dalle loro colpe, sto solo affermando che la classe dominante neocapitalista – sicuramente globale – non si limita alle pur numerose presenze ebraiche (di solito si cita il criminale internazionale Soros …), ma sul versante etnico, religioso e culturale è molto composita. Compatta, in quanto rifiuta le culture e le tradizioni d’origine, infedele nei confronti delle popolazioni fin che si vuole, priva di Etica nell’unicum spersonalizzante del nuovo capitalismo finanziario, ma sicuramente composita …

      Cari saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. max tuanton 4 mesi fa

    Ma Soros e’la punta dell’iceberg e poi ha 88 anni ,dietro e intorno a lui vi stanno tutte le banche EBREE che finanziano il mondo ,Goldman Sachs jpmorgan Morgan lynce lazard brother hambro solomon brother Lehmann brother rothschild rockfeller ecc ecc tutti ebrei ,composita? SI DA EBREI SOLO E SEMPRE LORO ,IL LORO IDEALE DI MONDO E’ UN SERRAGLIO DI SCHIAVI ,TERRORIZZATI DALLA PAURA DI PERDERE IL LAVORO, AL LORO SERVIZIO

    Rispondi Mi piace Non mi piace