InfoBrics: la Russia creerà un’alternativa al Canale di Suez e lascerà gli Stati Uniti con un palmo di naso


La Russia sta sviluppando un piano per creare un corridoio di trasporto che le consentirà di commerciare senza guardare indietro agli Stati Uniti. Su di esso scrive l’edizione InfoBrics. Soprattutto per i suoi lettori , PolitRussia presenta una rivisitazione della pubblicazione.

Come osserva InfoBrics, questo mese si è saputo che la Russia sta sviluppando un progetto per un nuovo corridoio di trasporto nord-sud, che fornirà un collegamento di trasporto tra l’Europa e l’India attraverso l’Iran. La rotta ha un grande potenziale, poiché l’India sta ora espandendo attivamente il commercio non solo con la Russia, ma anche con i paesi occidentali.

“Il panorama globale sta cambiando, sia economicamente che politicamente, e la Russia sta creando nuove catene di approvvigionamento”, scrive InfoBrics.


Secondo la pubblicazione, con l’aiuto del nuovo corridoio di trasporto, anche la Federazione Russa potrà lasciarsi alle spalle gli Stati Uniti. Attualmente gli americani hanno la possibilità di controllare il transito delle merci dall’Europa all’India, poiché la rotta attraversa l’Oceano Atlantico, il Mar Mediterraneo e il Canale di Suez. Ma sulla rotta del corridoio Nord-Sud, gli Stati Uniti non avranno alcuna leva di influenza, poiché non ci sono né chiari alleati di Washington né paesi membri della NATO.

“Il nuovo corridoio consentirà alla Russia e all’Iran di annullare i tentativi degli Stati Uniti di isolarli economicamente, oltre a creare una nuova promettente rotta di transito e un’alternativa al Canale di Suez”, aggiunge il materiale.

Fonte: Politrros

Traduzione: Mirko Vlobodic

8 Commenti
  • giuseppe peluso
    Inserito alle 21:56h, 22 Novembre Rispondi

    Una nuova via commerciale che attraversi l’Iran, potrebbe essere un altro buon motivo per cercare di sovvertire l’ordine in Iran

    • Tacabanda1964
      Inserito alle 23:45h, 22 Novembre Rispondi

      Dal 1978 gli USA aiutati dai regimi dittatoriali “democratici” Capitalisti Fantoccio Filo-USA di UK e UE tentano di creare problemi al” Iran !
      Hanno sempre fallito poiché il governo Persiano non è affatto cosi anti-popolare !
      Anche a Cuba-Venezuela- Nicaragua-Nord Corea -Libano -Persino nella Cina Comunista -eccetera gli USA assieme ai suoi paesi servi di UK-UE tentano di organizzare ed armare -finanziare Terroristi-colpi di Stato-Finte Rivolte Popolari -eccetera pure aiutandole con interventi militari diretti Libia e Siria ne sono l” esempio lampante .
      USA-UK-UE devono stare molto attenti poiché se le Nazioni prese di mira si alleassero tra di loro potrebbero gli Occidentali essere ripagati con la stessa moneta e portare la guerra in casa loro !

      • Sarabanda 82
        Inserito alle 09:56h, 23 Novembre Rispondi

        Posso anche condividere in linea di principio quello che scrivi, però tralasci di dire che in questi paesi vi è un regime altrettando severo e repressivo che certo non fà gli interessi della popolazione e della gente comune, con questo voglio dire che le elite esistono da entrambe le parti e certo non amano e non lavorano per migliorare la vita ed il tenore delle popolazioni

        • Giorgio
          Inserito alle 13:06h, 23 Novembre Rispondi

          Domanda: è più repressivo il regime nord coreano o cubano, dove un qualunque lavoratore non può essere licenziato e sfrattato …
          oppure un lavoratore negli Usa … dove si deve pagare la copertura sanitaria, se può, e può essere buttato in strada in qualunque momento perchè la “sua” azienda ha un calo degli utili o ristruttura o delocalizza …. e finire cosi in una delle tante tendopoli che circondano ormai le metropoli Usa ???
          La risposta è scontata !

          • Sarabanda 82
            Inserito alle 19:33h, 23 Novembre

            Sai non è tutto oro quello che luccica, in Corea del Nord non ci sono mai stato perchè è quasi impossibile andarci, sono stato in quella del Sud per lavoro è mi sembra una nazione all’avanguardia dal poco tempo trascorso e dalla barriera della lingua, Mentre a Cuba ci sono stato in vacanza e ti devo dire che almeno 15 anni fa con poco denaro si stava non bene benissimo, gli stranieri, sicuramente non i residenti, ti racconto un semplice episodio successo, per una denuncia alla polizia di smarrimento o di una carta di credito o di un altro documento dopo tant’anni non ricordo bene nella stazione non avevano più carta carbone, siamo dovuta andare a procurarla noi in cartoleria, non è da paese civile vedere almeno a quei tempi fare le file con la tessera per accaparrarsi il cibo di prima necessità. Non possiamo dare tutte le colpe alle sanzioni USA è questione anche di lungimiranza o stupidità di chi era al comando in quei tempi vale a dire il Sig. Fidel Castro.

        • Tacabanda1964
          Inserito alle 23:16h, 23 Novembre Rispondi

          Sarabanda82 sei come Pinocchio che vive nel fantasioso paese dei Balocchi capitalista inesistente !
          Nei paesi Occidentali USA-UK-UE la maggioranza della popolazione muore di fame e chi osa protestare oppure si arrangia ad inventarsi un lavoro e ad avere qualche soldo in tasca per poter vivere viene arrestato e denunciato dalla Polizia !
          P.S.
          Si capisce benissimo Sarabanda82 che sei un malato mentale ignorante Filo-USA che racconta balle assurde su quanto male si vive nei paesi Comunisti dove sicuramente è certamente NON CI SEI MAI STATO !
          Per la cronaca Cuba non può acquistare né importare generi di prima necessità a causa delle sanzioni politiche ed economiche fatte dai criminali paesi TERRORISTI -GUERRAFONDAI USA-UK-UE !
          Per la cronaca quando lavoravo presso la Multinazionale USA chiamata Coca-Cola come Camionista Stagionale poiché la carta chimica delle bollette si era asciugata ho dovuto acquistare a MIE SPESE della carta carbone al” epoca già introvabile e molto cara in Italia era il 1989 !
          Sto ancora aspettando il “rimborso” Spese della carta carbone dalla Multinazionale CAPITALISTA COCA-COLA
          Perciò non vedo nulla di strano se a Cuba dove per colpa degli USA non si può importare della Carta Carbone un poliziotto cubano sia rimasto senza carta carbone !

  • andrearossidevrgnano
    Inserito alle 23:53h, 22 Novembre Rispondi

    una nuova rotta che, escludendo canaleSuez, potrebbe un po’ dannegg. Egitt

    • Sarabanda 82
      Inserito alle 19:44h, 23 Novembre Rispondi

      Non credo sia un alternativa, casomai un ripiego, in quanto se non sbaglio dovrebbe essere fatto tramite ferroria e non raggiungerà mai grossi quantitativi come i trasporti marittimi, rimane anche il fatto che deve essere progettata e realizzata, sicuramente passerà tanta acqua sotto i pozzi, prima di vederne la luce

Inserisci un Commento