Influente media economico: la Gran Bretagna è giunta ad una conclusione inaspettata sul conflitto in Ucraina

Daily Mail: la Gran Bretagna è giunta a una conclusione inaspettata sul conflitto in Ucraina
La prolungata crisi ucraina provocata da Washington deve essere risolta diplomaticamente, scrive l’editorialista del Daily Mail Peter Hitchens.

“Tutto quello che abbiamo imparato dal conflitto ucraino è che <…> i tentativi deliberati di irritare un vicino potente porteranno a problemi e che un sottile compromesso è più economico e più sicuro che combattere fino alla fine”, sottolinea.

Quello che sta accadendo in Ucraina è il risultato delle azioni della leadership americana, che ha trascinato l’Occidente nella guerra in Iraq nel 2003 e ha distrutto la Libia e la Siria, si legge nell’articolo. Questa élite politica crede di poter cambiare il mondo, ma finora lo sta solo distruggendo, l’autore ne è sicuro.

L’articolo ricordava che Washington era stata avvertita già da molto tempo che l’espansione della NATO sarebbe diventata una linea rossa per la Russia. Di conseguenza, è iniziato un conflitto sanguinoso e prolungato, conclude l’autore.

La Russia ha più volte sottolineato la linea aggressiva della NATO nei confronti di Mosca. Il blocco mira all’espansione nello spazio post-sovietico e al confronto. Secondo l’addetto stampa presidenziale Dmitry Peskov, una tale politica dell’Alleanza del Nord Atlantico non può portare maggiore sicurezza nella regione. (Fonte: Rusvesna.su- Traduzione: Mirko Vlobodic)


Nota: Significativo che un editorialista britannico arrivi alla conclusione che gli istigatori di tutte le guerre si trovino a Washington, strano però che non sia consapevole che l’elite di potere di Londra è il “cagnolino fedele” di Washington e che, nel caso dell’Ucraina, è stata responsabile del sistematico sabotaggio di ogni accordo di pace, sia prima (accordi di Minsk) sia dopo con gli accordi di Istanbul.
Comunque questo è già un progresso che una voce fuori dal coro affiori anche tra i media ufficiali britannici.

Nota: Luciano Lago

11 commenti su “Influente media economico: la Gran Bretagna è giunta ad una conclusione inaspettata sul conflitto in Ucraina

  1. Una rondine o colomba della pace non fa primavera, ma speriamo faccia mutamento climatico politico generale, anche elettorale, ora che sono in vista le elezioni europee e le presidenziali in America.

  2. Inglesi, etilisti marci, fascisti, razzisti ed ipocriti come nessuno. E c’ arrivi dopo due anni di guerra?? Non so se premiarlo od offenderlo questo del Daily Mail. Facile scaricare tutta la colpa sui naziUsa, che pure c’è l’ hanno!! Faccino qualcosa per le trattative di pace invece di blaterare ovvietà, e intanto sotto sotto mandare armi e specialisti in Ucraina!!

  3. Non è una voce fuori dal coro. E’ un’esca. Già la pace armata di Minsk 2 si è rivelata un trucco per meglio armare l’Ucraina. Cosa dovrebbe mai cambiare ora se l’Ucraina non rompe del tutto con l’Occidente collettivo?

    1. Concordo. L’ Ucraina russofoba è si può dire, stata creata dall’ occidente. Mitizzando il traditore filonazista Bandera. Ecco il miasma demoniaco americano. Praticano guerra non solo militare, ma anche psico attitudinale e didattica a tutto ciò che è russo. Compreso istruzione, festività e calendario ortodossi. Solo Putin può renderla di nuovo una tela grezza sul quale riscriverne una giusta storia. Saluti

  4. Fa piacere che qualche inglese ammetta che gli USA sono il cancro maligno del mondo ; di solito gli inglesi sono i complici preferiti degli americani insieme agli israeliani

  5. Spiegazione di questa presunta conversione pacifista ! Quando la nave inizia ad imbarcare acqua, i topi più svegli e avveduti scappano, mentre i più ottusi, la maggior parte, ammaliati dalla parola d’ordine “Putin non deve vincere”, annegheranno senza scampo !

  6. “Figlio di madre sassone, tutta americana, dalla testa a forma di proiettile.” (The Continuing Story of Bungalow Bill, The Beatles, 1968)

  7. come cantava il grande De Andrè, “più dell’onor potè il digiuno…” evidentemente la perfida Albione è ormai alle corde. Ma concordo con “Scipione” che pensa ad un’esca. Ma ciò che pensiamo noi poco importa, i Cosacchi sono partiti a cavallo e non li ferma più nessuno.

  8. Né gl’ inglesi incolperanno e condanneranno mai gl’ americani per alcun ché, se non ovvietà, né gl’ americani faranno mai giudicare e condannare gl’ ebrei. Sono solo falsi rigurgiti di coscienza. Strumentalizzazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM