Infine, la Germania parla di “Dexit”

placeholder


“L’UE è più impopolare che mai in Germania – e non è soltanto l’AfD a saperlo”

L’AfD (Alternative für Deutschland) potrebbe entrare nella storia? Prima che il congresso del partito dell’AfD si concludesse domenica scorsa, il termine ” Dexit ” – abbreviazione di un’uscita tedesca dall’UE – circolava sulla stampa. Il motivo è il programma dell’AfD per le elezioni di settembre: “Riteniamo necessario un ritiro della Germania dall’Unione europea e l’istituzione di una nuova Comunità economica e di interesse europea” , afferma – una richiesta che ha suscitato più di un piccolo scalpore.

Questo è il limite massimo mai raggiunto dall’AfD nella sua opposizione all’UE. Naturalmente, il suo programma ha altre richieste, ma è nella politica di Dexit che molti commentatori vedono la prova di una crescente influenza dell’estrema destra all’interno dei ranghi del partito.
L’AfD è ora “apertamente radicale”, ha detto Der Spiegel . Deutschlandfunk , la stazione radio di stato tedesca, ha ricordato ai suoi ascoltatori che prima delle elezioni europee del 2019, i delegati dell’AfD erano ancora disposti a seguire il più mite euroscetticismo della leadership, chiedendo solo alla Germania di lasciare l’euro.

I commentatori pro-UE in Germania hanno cercato a lungo di liquidare qualsiasi scetticismo dell’UE come estremismo di destra – il fatto che l’AfD stia ora facendo una campagna per Dexit sembra confermare il loro punto. Ma la maggior parte si chiede con ansia anche quanti elettori l’AfD potrebbe conquistare con il suo nuovo programma anti-UE.
Più volte, l’AfD ha dimostrato un buon senso nel riflettere l’umore in gran parte della popolazione. E anche se agli esperti piace fingere che i delegati del partito siano stati manipolati dall’ala destra Björn Höcke (il leader della famigerata ala Flügel del partito), sanno che questo è sbagliato.

La vera ragione per cui l’AfD ha abbracciato Dexit, dopo lunghi dibattiti al congresso del partito, è semplicemente che i delegati credono che possa aiutare il partito a raggiungere più elettori. Dexit ha dato all’AfD un importante e unico punto di forza per le prossime elezioni.

Proteste in Germania

L’UE è più impopolare che mai in Germania, e non è solo l’AfD a saperlo. Ci sono molte ragioni: la nomina antidemocratica di Ursula von der Leyen a presidente della CE, la crisi irrisolta dei rifugiati , il disastro della vaccinazione contro il coronavirus e il modo in cui il “Next Generation EU Recovery Fund ” viene promosso attraverso i parlamenti, nonostante i suoi rischi e incertezze (una causa contro questo è attualmente pendente dinanzi alla Corte costituzionale tedesca ).

Solo gli eurofili più arroganti o ingenui potevano aspettarsi che l’elettorato non se ne accorgesse. E sarebbe assurdo credere che nessun partito tenterebbe di capitalizzare il crescente senso di frustrazione degli elettori. E da quando il Partito della Sinistra (Die Linke) ha abbandonato l’euroscetticismo diversi anni fa, il campo è stato lasciato libero all’AfD.

Proteste in Germania contro la Merkel e l’immigrazione

Quindi è un bene o un male che l’AfD chieda Dexit? Ovviamente sarebbe positivo se altri, forse anche alcuni nuovi partiti, potessero sviluppare una seria critica all’UE e offrire un’alternativa agli elettori tedeschi. Tuttavia risulta positivo che almeno l’alternativa del Dexit sia stata coinvolta in campagna elettorale. La stessa possibilità che emerga un dibattito critico eserciterà pressioni sul nostro sistema già difensivo per trovare argomenti migliori per l’UE di “è una bella idea” o “è un bene per le nostre esportazioni”.

Naturalmente, solo le elezioni stesse mostreranno quanto sarà riuscita la campagna dell’AfD, ma il partito potrebbe scoprire che sta spingendo verso una porta aperta.

Fonte: Spiked

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM