Individuati dal FSB gli esecutori dell’omicidio della giornalista russa Daria Dugina

I servizi speciali ucraini sono stati coinvolti nell’omicidio della giornalista russa Daria Dugina, gli ufficiali russi dell’FSB hanno individuato l’autore che ha piazzato un ordigno esplosivo nell’auto del personaggio pubblico russo Alexander Dugin. Lo riporta il Comando del FSB.
L’FSB ha risolto l’omicidio di Darya Dugina, avvenuto la sera del 20 agosto sull’autostrada Mozhaisk facendo esplodere un ordigno esplosivo piantato in un’auto. L’autore dell’omicidio è stato identificato, si trattava di una cittadina ucraina Vovk Natalya Pavlovna, nata nel 1979, che ha agito su ordine dei servizi speciali ucraini.

È stato stabilito che il crimine è stato preparato e commesso dai servizi speciali ucraini. L’autore è una cittadina ucraina, Vovk Natalya Pavlovna, nata nel 1979 – ha riferito in una nota.

È stato stabilito che Vovk è arrivata in Russia il 23 luglio 2022, insieme alla figlia Shaban Sofia, nata nel 2010. Per organizzare l’omicidio, Vovk ha affittato un appartamento nello stesso edificio in cui abitava Dugina, per il tracciamento è stata utilizzata un’auto Mini Cooper , i numeri di targa sono stati cambiati tre volte: quando sono entrati in Russia, hanno usato targa di Donetsk, a Mosca, metre in kazako quando hanno lasciato ll territorio dell’ucraina.

Daria Dugina, assassinata dagli agenti ucraini

Il giorno dell’omicidio, Vovk, insieme a sua figlia, era presente al festival letterario e musicale Tradition a Zakharovo, dove ha collocato un ordigno esplosivo in un’auto Toyota Land Cruiser Prado, guidata da un giornalista russo.
L’auto è stata fatta saltare in aria sull’autostrada Mozhaisk vicino al villaggio di Bolshiye Vyazemy nel distretto urbano di Odintsovo, Daria Dugina è morta sul colpo, l’auto è completamente bruciata.

Il 21 agosto 2022, la cittadina Vovk Natalya Pavlovna ha lasciato il territorio della Russia, partendo per l’Estonia attraverso la regione di Pskov. I materiali dell’indagine dell’FSB sono stati consegnati al Comitato Investigativo.

Vovk Natalya Pavlovna,, la presunta omicida di Daria

Nota: nel frattempo, a poco più di 24 ore dall’assassinio della giovane Daria Dugina si registrano i patetici tentativi di depistaggio che fanno riferimento ad una presunta rivendicazione di un fantomatico gruppo di ribelli russi che avrebbero rivendicato l’omicidio. La falsa rivendicazione è stata subito ripresa dai media occidentali (quelli italiani in particolare) senza alcuna base per accreditare la tesi di un complotto interno in Russia contro Putin.

Fonti: https://en.topwar.ru/200661-fsb-raskryla-ubijstvo-rossijskoj-zhurnalistki-dari-duginoj.html

https://riafan.ru/23603315-fsb_raskrila_ubiistvo_docheri_filosofa_aleksandra_dugina

Traduzione: Mirko Vlpoodic

Nota: Luciano Lago

Aggiornamento
La cittadina ucraina Natalya Vovk, che è l’autore dell’omicidio della politologa e giornalista Daria Dugina nella regione di Mosca, sarà inserita nella lista dei ricercati in vista della successiva estradizione in Russia, hanno affermato le forze dell’ordine.

“La cittadina ucraina Vovk Natalya Pavlovna, scomparsa in Estonia dopo l’esecuzione dell’omicidio di Darya Dugina, sarà inserita nella lista dei ricercati ai fini dell’estradizione” , hanno detto le forze dell’ordine a TASS .

In precedenza, l’FSB ha riferito che l’omicidio di Dugina è stato preparato dai servizi speciali ucraini, l’autore materiale è una cittadina ucraina Natalia Vovk, fuggita in Estonia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM