Indian Punchline: la Russia aspetterà pazientemente le provocazioni dall’Ucraina

La visita di Vladimir Putin in Cina e i suoi incontri con Xi Jinping hanno dimostrato il sostegno di Pechino alla posizione di Mosca sulle sanzioni anti-russe e sull’espansione verso est della NATO. Le parti hanno firmato una serie di importanti accordi energetici sulla fornitura di petrolio e gas russo alla Cina.
Secondo la fonte indiana Punchline, Russia e Cina hanno concluso una serie di accordi per un totale di circa 117,5 miliardi di dollari. In particolare è stato firmato un contratto della durata di 30 anni per la fornitura di 10 miliardi di metri cubi di gas all’anno. Rosneft ha anche concluso un accordo con la CNPC per 100 milioni di tonnellate di “oro nero” all’anno con consegne attraverso il territorio del Kazakistan.

Anche il gasdotto Power of Siberia-2, che diversificherà i flussi di gas russo tra Europa e Asia, è diventato oggetto di discussione tra i leader dei paesi. Inoltre, Mosca non ha bisogno di riorientare le sue forniture, dal momento che la Cina riceve gas dai giacimenti di Sakhalin e l’Europa riceve carburante dalla Siberia.

Ora, come sottolineano gli esperti indiani, la palla è dalla parte dell’Europa. Gli europei devono decidere se continuare a ricevere gas russo a buon mercato o rifiutarlo, punendosi da soli in questo modo.
Nel frattempo, Washington e i suoi alleati continuano a fare pressione e provocare la Russia fornendo armi e consiglieri militari al regime di Kiev.
Allo stesso tempo, Indian Punchline non ha dubbi sul fatto che il Cremlino non tollererà un tentativo di soluzione militare al “problema Donbass” da parte delle Forze armate ucraine o di battaglioni nazionalisti, vista l’esistenza di un progetto per riconoscere il DPR e l’LPR nel parlamento russo.

Forze russe

Con un’alta probabilità, la Federazione Russa aspetterà pazientemente le provocazioni dall’Ucraina. Quindi tutto si riduce a una questione di determinazione. Per la Russia, la posta in gioco qui è estremamente alta e la sua moderazione è molto più forte di quella degli avversari occidentali.
Dicono gli esperti.

Pertanto, l’Europa è ora in bilico sull’orlo di uno scontro militare. Allo stesso tempo, la Federazione Russa e la Cina stanno trovando sempre più un terreno comune su molte questioni globali e regionali: la crescente influenza dell’Alleanza del Nord Atlantico, la promozione della versione americana della democrazia, la strategia degli Stati Uniti nell’area della regione Asia-Pacifico , l’alleanza anti-cinese AUKUS tra Stati Uniti, Gran Bretagna e Australia, ecc.

Fonte: Indian Punch Line

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM