"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

“Incolpare sempre la Russia”, il metodo dei leaders occidentali per distrarre l’attenzione

di Finian CUNNINGHAM

Il sistema Capitalista è da tempo entrato in crisi per le sue contraddizioni ed i leaders occidentali tentano di incolpare la Russia.
Nuove cifre pubblicate questa settimana circa un’oscena disuguaglianza sociale riscontrata nelle più avanzate società occidentali mostrano come il sistema economico capitalista sia diventato più che mai profondamente disfunzionale.

Sicuramente, il funzionamento depravato del sistema rappresenta la più grande minaccia per le società e per la sicurezza internazionale. Tuttavia, i leader occidentali sono invece preoccupati di altre minacce inesistenti, come ad esempio quella della Russia.

Prendi ad esempio il primo ministro britannico Theresa May che questa settimana stava parlando a un banchetto elegante a Londra. Ha detto ai partecipanti che si intrattenevano sorseggiando vini costosi, che “la Russia sta minacciando l’ordine internazionale da cui dipendiamo”. Senza fornire uno straccio di prova, la leader britannica è arrivata ad affermare che la Russia stava interferendo nelle democrazie occidentali per “seminare discordia”.

Il caso del discorso sconnesso della Theresa May è un classico caso di studio su ciò che gli scienziati comportamentali chiamano “attività di spostamento” – cioè, quando gli animali si trovano in uno stato di pericolo spesso reagiscono mostrando comportamenti insoliti o facendo strani rumori.

Infatti, la May e altri leader politici occidentali stanno affrontando un pericolo per il loro ordine mondiale, anche se non vogliono ammetterlo apertamente come tale. Questo pericolo deriva dai livelli esplosivi di disuguaglianza sociale e di povertà creatisi all’interno delle società occidentali per effetto delle politiche neoliberiste , quelle che producono rabbia, risentimento, malcontento e disillusione tra crescenti masse di cittadini. Di fronte all’imminente, prossimo collasso dei loro sistemi di governo, i leader occidentali come la May cercano di autoassolversi scaricando colpe alla Russia, vista come una minaccia destabilizzante.

Questa settimana la Banca europea Credit Suisse ha pubblicato cifre statistiche che dimostrano inconfutabilmente che il divario di ricchezza tra ricchi e poveri si è accresciuto fino a raggiungere livelli ancora più grotteschi e assurdi. Secondo la banca, l’1% più ricco del mondo ora possiede la stessa ricchezza corrispondente alla metà della popolazione dell’intero pianeta. Gli Stati Uniti e la Gran Bretagna sono tra i primi paesi per numero di residenti multimilionari, mentre queste due nazioni sono emerse tra le più diseguali del mondo.

I dati che spiegano come il sistema capitalista sia diventato disfunzionale continuano a pervenire. È impossibile ignorare la realtà di un sistema in profondo disfacimento, eppure i politici britannici e statunitensi in particolare – oltre a notevoli eccezioni come Jeremy Corbyn e Bernie Sanders – hanno l’audacia di voler bloccare l’emergere di questa realtà e di inseguire risibili fantasmi . (L’esercizio ha perfettamente senso come un penoso tentativo di occultare la realtà).

La scorsa settimana, un rapporto dell’Istituto di Studi Politici (ISP) con sede negli Stati Uniti ha rilevato che soltanto tre degli uomini più ricchi d’America – Bill Gates, Jeff Bezos e Warren Buffett – possiedono lo stesso livello di ricchezza corrispondente alla metà più povera dell’intera popolazione degli Stati Uniti. Questo significa che, il valore monetario combinato di questi tre individui – calcolato in 250 miliardi di dollari – è equivalente a quello posseduto da 160 milioni di cittadini comuni.

Inoltre, lo studio stima che, se l’Amministrazione Trump sosterrà i suoi piani fiscali proposti, il divario tra l’élite straricca e la stragrande maggioranza dei cittadini comuni è destinato ad allargarsi ulteriormente. Questo e altri studi hanno rilevato che oltre l’80% dei benefici fiscali dellla legge di bilancio proposta da Trump andrà ad arricchire maggiormente quella elite che rappresenta l’1% della società.

Tutti i governi occidentali, non soltanto quelli della May o di Trump, hanno diretto negli ultimi decenni una tendenza consolidata della politica economica diretta sottrarre ricchezza dalla maggioranza dei ceti sociali a favore di una ristretta élite. Il carico fiscale si è spostato inesorabilmente dai ricchi ai lavoratori comuni, salariati e autonomi, che in aggiunta hanno dovuto fare i conti con salari decrescenti, precarietà lavorativa, oltre al deterioramento dei servizi pubblici, per effetto di tagli e privatizzazioni, come anche in generale il “welfare state”.

Riferirsi agli Stati Uniti o alla Gran Bretagna come “democrazie” è un termine divenuto ormai decisamente improprio. Sono queste, a tutti gli effetti pratici, delle plutocrazie; società gestite da elite plurimilionarie e per livelli di minoranze oscenamente ricche.

Gli economisti intelligenti, come gli autori dell’ISP citati sopra, comprendono che lo stato delle cose è insostenibile. Moralmente, e anche da un punto di vista economico empirico, la distorsione della ricchezza all’interno delle società occidentali ed anche a livello internazionale sta portando verso un disastro sociale e politico.

La Theresa May con i sauditi

Su questa osservazione, dobbiamo riconoscere il lavoro pioneristico di Karl Marx e Friedrich Engels che più di 150 anni fa identificò il principale fallimento del capitalismo come la polarizzazione della ricchezza tra pochi in contrasto con la stragrande maggioranza. La mancanza di potere di consumo tra le masse a causa della cronica povertà indotta dal capitalismo comporterebbe il collasso finale del sistema. Sicuramente, abbiamo raggiunto quel punto nella storia ora, quando una manciata di individui possiede la stessa ricchezza di metà del pianeta.

La disuguaglianza, la povertà e la negazione di un’esistenza dignitosa alla maggioranza della gente risalta come la condanna del capitalismo e la sua organizzazione della società basata sul profitto privato. La sofferenza umana, le avversità, l’austerità e il potenziale paralizzante che scaturiscono da questa condizione e rappresentano la crisi del nostro tempo. Eppure, al posto di avviare un serio dibattito pubblico e di una lotta per superare questa crisi, siamo costretti, dalle nostre élite politiche, a concentrarsi su problemi falsi, persino surreali ( la Russia, i diritti delle coppie gay, il Gender, l’antifascismo, ecc..).

La politica americana si è paralizzata su un interminabile litigio della élite dominante sul presunto fatto che la Russia si sia intromessa nelle elezioni presidenziali e afferma che i media russi continuano a interferire nella democrazia americana. Naturalmente, i mezzi di informazione controllati dalle corporation statunitensi, che sono parte integrante della plutocrazia, danno credibilità a questo circo. Idem i media controllati dalle società europee.

Poi abbiamo il presidente Donald Trump in un giro per il mondo che si adopera per rimproverare ed opprimere altre nazioni incitando a spendere di più per l’acquisto di merci americane e per smettere di imbrogliare la presunta generosità americana per il commercio. Trump è anche pronto a iniziare una guerra nucleare con la Corea del Nord perché quest’ultima è accusata di essere una minaccia per la pace globale – sulla base del fatto che il paese sta costruendo delle difese militari. Lo stessa cosa per l’Iran. Trump vorrebbe condannare l’Iran come una minaccia per la pace in Medio Oriente e preavverte di un possibile conflitto (aggressione) contro questo paese.

Questa è la stessa peculiarità di ridicola distrazione attuata da Theresa May, la prima in Gran Bretagna che questa settimana ha criticato aspramente la Russia per “aver minacciato l’ordine mondiale dal quale tutti noi dipendiamo”. Con “noi” lei si riferisce in realtà alle élite, non alla massa di lavoratori comuni sofferenti ed alle loro famiglie.

May e Trump stanno indulgendo nella “gestione della percezione” sconfinando nell’assurdità. O più rozzamente, nel lavaggio del cervello.

In che modo la Corea del Nord o l’Iran possono essere credibilmente presentate come minacce globali quando gli americani e gli inglesi stanno sostenendo un blocco genocida e il massacro aereo nello Yemen? La completa disconnessione nella realtà è la testimonianza del pernicioso sistema di manipolazione del pensiero che la stragrande maggioranza dei cittadini è obbligata a subire.

La più grande operazione disconnessione dalla realtà è il tentativo di occultare la disuguaglianza oscena di ricchezza e delle risorse che il capitalismo ha generato nel 21 ° secolo. Quella mostruosa disfunzione è anche causalmente correlata al motivo per cui gli Stati Uniti e i loro alleati occidentali, come la Gran Bretagna, stanno spingendo belligeranza e guerre in tutto il pianeta. Fa tutto parte della loro negazione elitaria della realtà. La realtà che il capitalismo è la più grande minaccia per il futuro dell’umanità.

Dobbiamo permettere che queste élite politiche mentalmente carenti e ingannevoli ed i loro media prezzolati seguitino a dettare assurdità? Oppure la massa della gente farà finalmente la cosa giusta e li spazzerà via?

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. Eugenio Orso 4 settimane fa

    Sacrosanto.
    Mentre ci portano via anche l’ultimo boccone dalla bocca, mentre ti tagliano reddito e potere d’acquisto, gli sciacalli sbraitano contro la Russia che avrebbe ingerito nelle fottutissime elezioni democratiche in occidente, e diffondono come untori la russofoboia.
    Distrazione di massa e preparazione alla guerra viaggiano insieme sui media del “mondo libero”, che oggi è il più schiavo in assoluto.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Eugenio Orso 4 settimane fa

      Integro il mio breve commento con un’osservazione.

      Non mi trovo in pieno accordo con Noam Chomsky, che ha sostenuto gli imbecillotti Occupy Wall Street di Zuccotti Park e poi, in sostanza anche se criticamente, i democratici contro Trump nella campagna elettorale Usa dello scorso anno.
      Tuttavia, lo stesso Chomsky ha dei meriti acquisiti sul campo dell’analisi sistemica, poiché ha individuato con chiarezza 10 strategie elitiste di manipolazione mediatica di massa, fra le quali, appunto, la distrazione massiva.
      Mi rifaccio a Disinformazione, link https://www.disinformazione.it/strategie_manipolazione_media.htm:

      “1-La strategia della distrazione
      L’elemento primordiale del controllo sociale è la strategia della distrazione che consiste nel deviare l’attenzione del pubblico dai problemi importanti e dei cambiamenti decisi dalle élites politiche ed economiche, attraverso la tecnica del diluvio o inondazioni di continue distrazioni e di informazioni insignificanti.
      La strategia della distrazione è anche indispensabile per impedire al pubblico d’interessarsi alle conoscenze essenziali, nell’area della scienza, l’economia, la psicologia, la neurobiologia e la cibernetica. Mantenere l’Attenzione del pubblico deviata dai veri problemi sociali, imprigionata da temi senza vera importanza.
      Mantenere il pubblico occupato, occupato, occupato, senza nessun tempo per pensare, di ritorno alla fattoria come gli altri animali (citato nel testo “Armi silenziose per guerre tranquille”).”

      Cari saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. PieroValleregia 4 settimane fa

    …. tranquilli … a breve, con la benedizione di “el papa” avremo un nuovo e insindacabile diritto: la pedofilia … e poi la zoofilia.
    Quindi zitti enon lamentatevi, avete tutto
    un saluto
    Piero e famiglia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Citodacal 4 settimane fa

      Ci terrei tanto a fare sesso coi comodini di pregio, armadi e cassettiere (perché limitarsi alla materia organica?): un’orgia di cassetti, ante e cerniere che assumono mille posizioni diverse. Deve trattarsi di “ebanofilia”: a quando lo sdoganamento pure di quella? O debbo continuare col sentirmi discriminato…?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PieroValleregia 4 settimane fa

        salve
        le propongo la lettura di un “esilarante” (in realtà tragico) articolo di Maurizio Blondet ( se le va, legga anche i commenti …)
        https://www.maurizioblondet.it/nostro-esposto-denuncia-allunar-accusare-discriminazione/
        un saluto
        Piero e famiglia

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Citodacal 4 settimane fa

          Molte grazie, l’avevo letto. E la “caccola” ha fatto il giro di qualche amico…
          [Eckhart diceva che al fondo dell’anima si trova Iddio. Alla metà invece si può trovare ogni cosa, compreso ciò ch’è ben poco edificante. Lo confermo, almeno di certo la seconda parte. Così l’uomo nobile s’astiene dal disordine che incontra entro se stesso – benché ciò possa comportare una lotta interiore dura e serrata –, e l’uomo ordinario ci convive in modo più o meno clandestino. Quello che mi sconcerta è dunque il terzo tipo d’uomo, colui che reclama come un suo diritto, ed ora come diritto universale riconosciuto ed accettato, quello d’esternare ogni sorta di caos e di capriccio soltanto perché lo trova dentro, e il gratificarlo gli dà soddisfazione, nonché uno straccio d’identità fittizia (sebbene ciò non significhi vivere, bensì esser vissuti dalle proprie basse predisposizioni)]

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. PieroValleregia 4 settimane fa

            … bene; ultimamente, durante le mie peregrinazioni collinari o mentre zappo nell’orto, rifletto e penso.
            Sono giunto a questa conclusione: la frase i gusti sono gusti è di un relativismo deleterio e porta, nel mondo attuale, a giustificare qualsiasi aberrazione (pensiamo solo ai coprofagi) sia essa alimentare, sessuale o altro.
            Un’altra assurdità è il “proverbio” Non è bello ciò che è bello ma è bello ciò che piace … e no, ciò che è bello è bello. Punto !
            Poi, può anche non piacere ma bello resta e sempre lo sarà.
            Questa frase invece, giustifica il soggettivismo ed elimina la realtà oggettiva delle cose facendoci piombare, anche qui, nel relativismo assoluto
            un saluto e buona serata
            Piero e famiglia

            Mi piace Non mi piace
  3. Idea3online 4 settimane fa

    Dobbiamo permettere che queste élite politiche mentalmente carenti e ingannevoli ed i loro media prezzolati seguitino a dettare assurdità?

    Però quello che segue fa riflettere:

    La geniale intuizione per l’identificazione della struttura a doppia elica non era cosa semplice, soprattutto con le tecnologie e gli strumenti dell’epoca. Da tempo circolano voci, mai smentite né confermate del tutto che Crick abbia “percepito la forma a doppia spirale mentre era sotto LSD”. Non era così insolito che alcuni ricercatori assumessero piccole quantità di LSD come “strumento” per liberare i loro pensieri.
    https://www.agendalugano.ch/episodes/349/watson-crick-la-scoperta-del-dna

    Mullis avrà un rapporto particolare con l’LSD: ritiene che possa amplificare la percezione sensoriale, permettendogli non solo di aumentare le sue capacità cognitive, ma anche di poter comunicare telepaticamente. Nel suo libro Ballando nudi nel Campo della Mente descriverà come lui e il suo assistente di laboratorio riuscissero a comunicare telepaticamente, ma solo se sotto effetto di LSD. Tuttavia, il chimico della North Carolina non mancherà di sottolineare come la droga lo abbia spinto in uno stato di catatonia per giorni. Giorni in cui non ricordava chi fosse e cosa facesse nella vita, giorni in cui era caduto in uno stato di totale apatia.
    http://www.biochronicles.net/news/bioscienze/kary_mullis_pcr_lsd_premio_nobel/

    Commento:

    Con chi si mettono in contatto per poter capire l’ignoto? Certamente esseri invisibili, chiamati da alcuni Demoni, da altri Arconti, da altri Extraterrestri, da altri Alieni…ora se l’Elite lavora per questi Regni invisibili, è una battaglia e guerra persa, nel passato per spazzare via i Giganti ci volle il Diluvio, ma il Maestro disse: gli ultimi giorni saranno come ai giorni di Noè…l’Elite lavora per un Principe che cerco di sedurre l’Angelo Gesù……questo è il midollo della geopolitica, terrestre e divina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Animaligebbia 4 settimane fa

    A questo punto bisogna scegliere se destinare le fontane di San Pietro come abbeveratoio per i cavalli dei cosacchi o come bidet per gli africani, io propendo decisamente per la prima.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Eugenio Orso 4 settimane fa

      Decisamente, Viva i Cosacchi (e anche gli Ataman)!

      Cari saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Maria 4 settimane fa

    Un resoconto perfetto dell’attuale realtà mondiale con coerenti riflessi negativi sul microcosmo in cui viviamo. Una volta si parlava di ‘ipocrisia’ dei ceti borghesi (che erano i vertici dell’economia del paese), oggi si parla di ‘gestione della percezione’ da parte di vertici strumentali, in quanto portavoce di entità oscure. Questi ultimi, proprio perché oggetto di asservimento, esrcitano sulla collettività uno sconfinato margine di azione, al punto da rasentare l’assurdo, l’inimmaginabile. Pirandello ci aveva visto bene, solo che lui adesso non c’è più e i nostri governanti, nel frattempo, si sono inventati maschere molto più sofisticate di quelle che lui aveva messo a nudo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace