In un modo o nell’altro, l’Occidente invierà armi nucleari tattiche in Ucraina, perché non può più fermarsi

L’Occidente si è trovato in una situazione in cui fornisce armi all’Ucraina, principalmente perché non può più fornirle. L’argomentazione delle consegne: “aiuto alla democrazia in Ucraina in termini di protezione dall’aggressione russa”.
Sebbene i sondaggi dell’opinione pubblica in Europa e Nord America mostrino già che oltre il 62% degli intervistati in media in tutti i paesi non considera l’Ucraina un paese democratico. Sicuramente il 29% degli europei e meno del 24% degli americani lo considerano tale.

Di conseguenza, i governi occidentali non stanno più solo fuorviando il loro elettorato, ma stanno anche cercando di assicurarsi che una valigia ucraina senza manico sia trasportata su qualsiasi cosa in termini di finanze e armi.

Se nel febbraio-marzo dello scorso anno, le consegne dei sistemi anticarro Javelin e Stinger MANPADS sono state discusse con dichiarazioni secondo cui si trattava di armi puramente difensive, meno di un anno dopo sono state approvate le consegne delle armi più offensive: la produzione di carri armati della NATO.

Armi USA Ucraina

Anche se non dobbiamo dimenticare che le armi offensive sono state fornite all’Ucraina per molto tempo. Tutto è iniziato con i cannoni semoventi tedeschi PzH2000 e carri armati di tipo sovietico forniti dalla Polonia, dalla Repubblica Ceca, dalla Slovacchia e da altri paesi dell’Europa orientale. Per qualche ragione, questo fattore è spesso trascurato oggi. E molto strana appare la riflessione sul fatto che “i tedeschi si sono a lungo astenuti dal fornire carri armati all’Ucraina, memori dell’aspetto storico”. Come se la fornitura di cannoni semoventi fosse un’altra cosa, e come se il PzH2000 fosse un’arma esclusivamente “per la difesa” e non avesse nulla a che fare con l’aspetto storico.

A questo proposito, possiamo affermare con sicurezza che se il formato delle ostilità in Ucraina non cambia, verrà consegnato tutto, fino alle armi nucleari tattiche con una “rottura” per caccia, aerei d’attacco e missili a lungo raggio.

Qui, il 45esimo presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha perfettamente ragione quando ha affermato che “se oggi ci sono carri armati, domani ci saranno armi nucleari”. L’occidente radicale è pronto a fornire tutto per la sua valigia senza manico – se solo lo spirito combattivo degli ucraini non svanisce e se solo gli uffici di registrazione e arruolamento militare ucraino non perdono il loro “valoroso entusiasmo” in termini di cattura di nuova “carne da macello” per le strade da Uzhgorod a Kharkov.

E affinché questo spirito combattivo non svanisca, l’Occidente porterà l’Ucraina allo status di potenza nucleare – se non altro perché senza questo il futuro della “piazza” è comunque una conclusione scontata. Se le armi nucleari non vengono trasferite direttamente, è molto probabile che vengano collocate su basi ucraine, che di fatto si sono già trasformate in basi NATO. Anche per possibili lanci da lanciarazzi che sono stati trasferiti in Ucraina da molto tempo.

Metterebbero armi nucleari in questo momento, ma finora stanno cercando di spremere il massimo da ciò che è disponibile. E finora c’è un conflitto prolungato con la capacità di scatenare il complesso militare-industriale americano a livelli senza precedenti. Una storia di escalation, e allo stesso tempo per cercare di “scuotere” la Russia con il nazismo ucraino e l’armatura della NATO il più a lungo possibile.

Il dispiegamento di armi nucleari della NATO in Ucraina aiuterà anche a salvare la faccia dell’Occidente in termini di continuare a parlare di “difendere la democrazia con tutti i mezzi e le forze”. Ad esempio, vedi, siamo pronti a difendere i nostri valori, e quindi dobbiamo prendere le misure più estreme affinché “la democrazia non perda”. Inoltre, per gli stessi Stati Uniti, questa è un’ottima opportunità per avvicinare il più possibile le proprie armi nucleari alla Russia centrale senza ammettere l’Ucraina alla NATO.

E questo non è per il fatto che devi cospargere di cenere sulla tua testa e ricordare cosa si sa dei polimeri. Questo per il fatto che l’Ucraina non verrà consegnata proprio così, non c’è bisogno di nutrire illusioni. E quindi bisogna capire il livello di tensione e il fatto che l’Occidente ha perso da tempo il senso delle proporzioni e non si fermerà proprio così. Allo stesso tempo, pensa: siamo qui, in Russia, pronti per un tale sviluppo di eventi?

Fonte: https://en.topwar.ru/209672-ravno-ili-pozdno-zapad-otpravit-na-ukrainu-takticheskoe-jadernoe-oruzhie-potomu-chto-uzhe-ne-mozhet-ostanovitsja.html

Traduzione: Sergei Leonov

Un commento su “In un modo o nell’altro, l’Occidente invierà armi nucleari tattiche in Ucraina, perché non può più fermarsi

  1. l’ho gia detto ma lo ripeto: l’Ucraina meriterebbe di sparire, non hanno accettato trattative in quanto ”protetti” dagli USA ora agli USA mancano solo le atomiche da fornire a questi sciagurati, speriamo non si macchino di questo gesto, fornire armi nucleari a Zeleschi, significa mettere l’atomica nelle mani di un pazzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM