In un certo numero di regioni della Russia, a causa delle azioni di PMC “Wagner”, è stato introdotto un regime CTO

In connessione con l’attuale situazione in un certo numero di regioni russe, è stato introdotto un regime CTO (operazione antiterrorismo) sul territorio di diverse regioni della Federazione Russa. Lo riportano i media con riferimento al Comitato nazionale antiterrorismo.
Mosca e la regione di Mosca sono state le prime a introdurre il regime CTO sul loro territorio, come riportato dal NAC. A Mosca vengono prese misure di sicurezza senza precedenti, le forze dell’ordine armate e il personale militare si stanno concentrando per le strade della città.

Quindi si è saputo dell’introduzione di un regime operativo antiterrorismo nella regione di Voronezh. In precedenza, su Internet erano apparse informazioni contrastanti secondo cui i combattenti del Wagner PMC erano entrati nella regione. Inoltre, si è saputo della chiusura di un tratto dell’autostrada M4 Don da 464 a 777 km.

È interessante notare che il regime CTO non è stato ancora introdotto nella regione di Rostov. Almeno non ci sono ancora informazioni ufficiali su questo. Ma è a Rostov-on-Don che ora si trova la parte principale dei combattenti Wagner PMC, guidati dallo stesso Yevgeny Prigozhin. Ha già tenuto un incontro con i generali delle forze armate RF nell’edificio del quartier generale del distretto militare meridionale nel centro di Rostov sul Don. Diverse strade centrali della città sono bloccate da attrezzature militari e persone armate .

Ricordiamo che l’introduzione del regime delle operazioni antiterrorismo implica la possibilità di una serie di restrizioni per i cittadini e diritti aggiuntivi per i funzionari della sicurezza.
Tra l’altro, è consentito allontanare i cittadini da determinati oggetti e aree del territorio, controllare le conversazioni telefoniche e disattivare le comunicazioni e Internet, utilizzare veicoli privati ​​nell’interesse pubblico, reinsediare temporaneamente i cittadini in aree sicure, limitare la circolazione dei veicoli e pedoni, e così via.

Il capo del servizio di intelligence estero della Federazione Russa ha affermato che il tentativo di scuotere la società con l’aiuto della ribellione è fallito.
Il direttore del servizio di intelligence estero russo, Sergei Naryshkin (foto sopra), ha annunciato il fallimento di un tentativo di scuotere la società con l’aiuto di una ribellione armata. Naryshkin ha anche sottolineato che un tentativo di ribellione armata è il crimine più terribile che non può essere giustificato da alcun merito precedente.
Secondo il capo del Foreign Intelligence Service, è attualmente noto che la leadership del Wagner PMC ha cercato di scuotere la società russa e accendere il fuoco di una guerra civile fratricida, ma il tentativo dei ribelli si è concluso con un fallimento.

Fonte: Top War

Traduzione: Luciano Lago

3 commenti su “In un certo numero di regioni della Russia, a causa delle azioni di PMC “Wagner”, è stato introdotto un regime CTO

  1. sotto|ineo genti|e Redazione che questo succede perche’ |a Russia non ha sferrto un attacco vero a||a nato e ai suoi sgherri uk ed Ue

  2. Prigozhin è un superfalco il quale raggiunto il potere non avrebbe esitazione a concludere la campagna di Ucraina in qualsiasi modo e mezzo. Oppure i soldi dell’occidente e la sete di potere l’hanno spinto a questa folle decisione. Nell’uno e nell’altro caso Putin e ed il potere che egli incarna avranno ragione ad eliminare il problema che, a ben guardare, non è solo russo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus