In tutta Europa migliaia di proteste contro i blocchi per i pass Covid (VIDEO)


Sporadici scontri sono scoppiati durante le massicce manifestazioni del sabato nelle principali città europee, mentre migliaia di persone sono scese per le strade di Vienna, Parigi e Roma per esprimere il loro malcontento per le restrizioni collegate al Covid-19.
Sabato la capitale austriaca Vienna ha visto la più grande affluenza di protesta dall’inizio della pandemia di Covid-19. Un totale di circa 40.000 persone sono scese nelle strade della città per unirsi a una dozzina di manifestazioni di protesta contro le misure del governo.

Le proteste sono arrivate il giorno dopo che le autorità austriache hanno ordinato la vaccinazione obbligatoria a livello nazionale dal 1° febbraio e imposto un blocco completo, a partire da lunedì. La massiccia processione che si è estesa per diversi chilometri ha marciato lungo la circonvallazione centrale di Vienna. Il centro della città è rimasto paralizzato per diverse ore a causa della limitazione del traffico.
Il Partito della Libertà di destra austriaco, i cui membri si sono uniti alle manifestazioni, ha stimato il numero dei manifestanti a 100.000. Ad alcune manifestazioni hanno partecipato anche membri di vari gruppi di estrema destra. Le proteste sono state generalmente pacifiche, ma i filmati pubblicati dall’agenzia di stampa video Ruptly hanno mostrato diversi tafferugli tra la polizia e i manifestanti scoppiati.


Le forze dell’ordine hanno parlato di un totale di cinque arresti. Un incidente ha visto un manifestante tentare di afferrare la pistola di un ufficiale e estrarla dalla fondina. In un altro incidente, gli agenti sono stati colpiti con bottiglie e fuochi d’artificio e hanno dovuto usare spray al peperoncino in risposta.

A centinaia di chilometri da Vienna, nella capitale francese Parigi, gli eventi hanno preso una piega più drammatica. Lì, una manifestazione contro le misure governative contro il Covid-19 ha coinciso con il terzo anniversario del movimento dei Gilet Gialli. Centinaia di manifestanti hanno preso parte alla protesta, che si è rapidamente trasformata in scontri tra i manifestanti e le forze dell’ordine.

I manifestanti stavano costruendo barricate e dando loro fuoco, oltre a colpire la polizia con bottiglie e vari altri proiettili. Le forze dell’ordine hanno risposto con abbondanti quantità di gas lacrimogeni, a volte riempiendo intere strade di fumo denso per disperdere la folla.

Roma ha visto una massiccia manifestazione contro il pass sanitario Covid-19 italiano, noto anche come Green Pass. Secondo la polizia, circa 4.000 persone (10.000 secondo gli organizzatori) si sono radunate nel centro della capitale italiana. I manifestanti sventolavano bandiere nazionali e cantavano “Libertà” e “No Green Pass”, riferendosi al certificato di vaccinazione necessario per entrare in vari luoghi pubblici come club o bar.
La folla ha organizzato un sit-in nel Circo Massimo, un antico stadio romano per le corse dei carri trasformato in un parco moderno. Sono rimasti lì dopo il tramonto, illuminando la zona con migliaia di telefoni e fumogeni colorati. La manifestazione è stata comunque pacifica, poiché la polizia non ha segnalato alcun incidente.

A differenza di Roma, Milano, nel nord dell’Italia, ha visto scontri tra manifestanti e polizia mentre le forze dell’ordine cercavano di interrompere una manifestazione non autorizzata nel centro della città. Grandi forze di polizia sono state dispiegate nel centro della città e diverse piazze sono state transennate.

Nota: La ribellione alle imposizioni del nuvo ordine globalista/sanitario avanza e si afferma con sempre maggiore forza. I tentativi di negare, minimizzare o criminalizzare questa protesta di popolo sono destinati a fallire. Non potranno far finta di nulla.

Fonte: RT News

Traduzione e nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus