In Spagna proclamato lo stato d’allerta. Boom di casi a Madrid. Chiuse le scuole e i locali pubblici

Dopo aver permesso la congregazione femminista dell’8M, il governo di Madrid ha ora decretato lo stato di allarme in Spagna per fermare la pandemia di coronavirus

Il primo ministro, Pedro Sánchez, ha annunciato che l’esecutivo ha deciso di decretare lo stato di allarme in Spagna per rallentare l’avanzata della pandemia di coronavirus. La decisione viene presa quando i casi di infezione superano le 4.200 e più di 100 persone sono morte per malattia covid-19, la maggior parte delle quali nella Comunità di Madrid.

La legge in Spagna offre gli strumenti per la dichiarazione degli stati di allarme, eccezione e luogo per situazioni di crisi. Il più lieve è lo stato di allarme. Tra le cause che giustificano il suo decreto vi sono proprio le situazioni di crisi sanitarie, quali epidemie e gravi contaminazioni.

Con lo stato di allarme, che inizialmente durerà 15 giorni, che può essere esteso, è possibile adottare le seguenti misure: limitare il movimento o la permanenza di persone o veicoli in determinati orari e luoghi; esercitare richieste temporanee di ogni tipo di merce e imporre benefici personali obbligatori; intervenire e occupare temporaneamente industrie, fabbriche, officine, fattorie o locali di qualsiasi natura, ad eccezione delle case private; limitare o razionare l’uso di servizi o il consumo di beni di prima necessità; e di emettere gli ordini necessari per garantire la fornitura dei mercati e il funzionamento dei servizi dei centri di produzione dei prodotti di prima necessità. (Fonte: Alerta Digital)

La virologa Margarita del Val lancia l’allarme: come diffusione di contagi siamo già sopra l’Italia e Madrid è peggio di Milano

Margarita Del Val ,Virologa

di Manuel Ángel Mendez
Margarita del Val, virologa e immunologa ricercatrice del Severo Ochoa Center for Molecular Biology, CSIC, ammette di sentirsi sopraffatta in questi giorni. Ha trascorso metà della sua vita a studiare tutti i tipi di virus respiratori, come l’influenza o il virus respiratorio intersiziale, ma non ha mai avuto un’epidemia di questa portata . Sia sul fronte della salute ma soprattutto su quello sociale. Perché quest’ultimo è, dice, il grande dettaglio che ci sta sfuggendo per controllare il coronavirus.
“Quelle persone che dicono:” Ho intenzione di continuare la mia vita normale ora che hanno chiuso la mia scuola, andare alle feste, alle palestre … ” Come? Mi scusi? Se hanno chiuso la tua scuola, è così che tu resti casa. Devi cambiare la mentalità. Non è che ho il rischio, è che posso essere il rischio per gli altri. “

Del Val chiarisce che non rilascia più interviste di persona, solo per telefono. “Mi hanno chiamato da diversi televisori e ho detto di no, o via Skype o niente”, spiega a El Confidencial. È l’atteggiamento che assicura che dobbiamo adottare ognuno per aiutare a fermare l’espansione del coronavirus, per “appiattire” la già nota curva di contagio. Soprattutto ora, quando il tasso di contagio della Spagna ha appena superato quello dell’Italia. “È una situazione molto preoccupante.”
Il professor Adolfo García Sastre, uno dei virologi spagnoli più riconosciuti al mondo, ritiene che sia inevitabile che il coronavirus Covid-19 diventi endemico
DOMANDA: Come definiresti il ​​momento dell’epidemia in cui ci troviamo?

Emergenze

RISPOSTA: Adesso l’attenzione seria è su Madrid, ma può andare ovunque. Non sappiamo ancora molto bene quali sono i fattori che hanno portato a più infezioni a Madrid o nel nord Italia rispetto ad altri luoghi, ma questi focolai possono verificarsi in qualsiasi altra parte della Spagna, devi essere molto attento. Ci sono persone che modellano le possibilità di ricevere l’infezione in base al numero di voli che una città riceve. Questo da solo non lo spiega, ma ovviamente Madrid è uno dei grandi aeroporti europei. Se sei stato sfortunato e hai avuto diversi casi che si sono ampliati un po ‘, è un fattore. Ma ce ne sono molti altri.

P. Nelle ultime ore i dati si sono capovolti: la curva di contagio della Spagna è già sopra quella dell’Italia nel momento della masssima espansione del virus.

A. Le cifre sono molto preoccupanti. Può succedere che questo cambiamento sia dovuto al “rumore” dei dati, si spera, ma non credo sia per questo. Essere lo stesso dell’Italia è preoccupante, ma siamo già sopra le righe ed è molto serio, e Madrid è ancora peggio, è più accelerata. Ho confrontato l’ultima settimana in Spagna e Madrid, e in quella settimana a Madrid i casi si sono moltiplicati per 15 e in Spagna per 10. Avevo scommesso che quando l’Italia ha fatto il passo per isolare l’intero paese, saremmo stati più veloci. Ma siamo più lenti in tutto, questo non può essere. Se si confronta Madrid con la Lombardia, Madrid avrebbe dovuto chiudere questo giovedì, ma continuano a fare tutti i passi gradualmente. E ci sono ancora molte persone per le strade e ovunque. (Fonte: ABC)

Traduzione: Luciano Lago

1 commento

  • Rabdomante
    14 Marzo 2020

    Mi verrebbe da piangere per la commedia, ma, proprio pechè è una commedia, me la rido.
    Purtroppo il gregge ci crede fermamente.
    L’umanita, (la maggioranza) è sulla via dell’autoestinzione e proprio non mi dispiace.Solo che sarà probabile che i pochi sani si dovranno difendere perchè, come scrisse non ricordo chi:”Quando la gente impazzirà dirà che i sani sono i pazzi e li assaliranno!!”

Inserisci un Commento

*

code