In Sicilia, in cima alla montagna, a guardare i Nuovi Barbari

placeholder

di Pepe Escobar

Non devi essere un Seneca per vedere che la Sicilia incarna così tanti perfetti archetipi di bellezza da sembrare sovrumana.
È ancora un bel tramonto all’estremità occidentale della costa siciliana, e mi trovo proprio davanti al Duomo Reale di Erice, il millenario “Monte”, cantato da Virgilio nell’Eneide come “vicino al stelle e fondata dal mitico omonimo figlio di Venere e Bute che divenne re degli Elimi, antica tribù che si stabilì in queste terre.

Benvenuti in un regno di dei e semidei, eroi e ninfe, santi ed eremiti, fede e arte, che ancora sopravvive come un bellissimo borgo medievale praticamente intatto.

Dopo secoli di fasti, miserie e guerre, è illuminante ricordare che Tucidide parlò di ” Troiani in fuga ” giunti con le loro navi in ​​Sicilia, conversando poi con gli Szecleri e gli Elimi, ” mentre le loro città portavano i nomi di Erice e Segesta “.
E poi, molto più tardi, ci racconta Tucidide, i Segestani portarono gli ambasciatori da Atene al tempio di Afrodite ad Erice: lì si riuniva tutta la gente “trendy” dell’epoca.

Dall’appartamento di Ruggero II, re di Normandia, a Cefalù alla fine dell’XI secolo, alle insenature e calette che raschiavano gli argini del grande azzurro Mar Tirreno; dalla Venere adorata di Erice alla Venere adorata di Segesta, è in questi luoghi intrisi di storia e mitologia che ho seguito, da lontano, una manifestazione piuttosto prosaica e provinciale della postmodernità: uno spettacolo di clown a Vilnius, annunciato come il Vertice NATO.

Immaginate un epigono di Dionigi di Alicarnasso, uno storico greco dell’inizio del I secolo che ripercorre l’arrivo di Enea e dei Troiani in Sicilia e fa notare che l’altare di Venere sulle alture di Ericice fu eretto da Enea lui -anche per onorare sua madre, reagendo al “cerimoniale” organizzato da una banda di parvenu del Nord Atlantico, guidati da una superpotenza in declino che chiama la Sicilia, situata al crocevia del mondo, un mero AMGOT: “American Government Occupied Territory (territorio occupato dal governo USA).

Real Duomo di Erice

Non devi essere un Seneca nella Roma del I secolo per vedere che la Sicilia, come nessun’altra parte al mondo, incarna così tanti perfetti archetipi di bellezza da sembrare sovrumana.
Era quindi impossibile non vedere il clown show della NATO per quello che era: una volgare e spudorata fregatura cripto-aristofanea, priva della benché minima traccia di umorismo autoironico.
Uno spettacolo di clown che cade a terra
Tra i personaggi secondari, il piccolo guerrafondaio in felpa si è rivelato particolarmente competente, ma è stato spietatamente snobbato dalla presunta lista di personaggi di spicco.

Uno dei suoi ministri impotenti ha posto il seguente dilemma: quali condizioni dobbiamo soddisfare per far parte del club e chi stabilisce le regole?

Purtroppo la semidea Maria Zakharova, nostra contemporanea di Mercurio, il messaggero degli dei, non è stata disponibile di persona a fugare i suoi dubbi, ma lo ha fatto lo stesso, da lontano: se non si conoscono le regole del gioco , significa che non sai nulla dell ‘”ordine internazionale basato su regole”.

Ancora una volta, non serve un dottorato su Tacito – altro grande estimatore del Tempio di Venere di Erice – per sapere come funziona.

Il concetto di “regole” è stato coniato dall’iperpotenza in dissolvenza. In realtà non ci sono regole. Li inventano mentre vanno avanti. E li cambiano se i risultati non corrispondono alle loro aspettative. Tiberio – raccontato da Tacito – ne sarebbe rimasto colpito.

L’alternativa al racket mafioso delle “regole” si chiama “diritto internazionale”: un concetto che guarda caso trova il giusto sostegno nel Sud del mondo, o nella maggioranza del mondo.

Ora veniamo alla trama principale di questo spettacolo di clown. La NATO ha dichiarato esplicitamente di “non volere” una guerra contro la Russia. Traduzione: sono assolutamente terrorizzati. Più spaventato che se Zeus in carne e ossa li minacciasse con un milione di fulmini (o il loro epigono postmoderno: Mr. Kinjal).

Quello che la NATO – attraverso i veri padroni, gli americani, o il loro bastone norvegese che si atteggia a capo – non può ammettere in pubblico è che ha meno di zero risorse per una vera guerra.

La Russia, d’altra parte, ne ha – a frotte.

La NATO, già miseramente umiliata in Afghanistan, si sta spietatamente e metodicamente smilitarizzando, un processo che sta avvenendo parallelamente allo stato sempre più abissale dell’economia di tutti i membri del NATOistan.
La guerra? Contro una superpotenza nucleare e ipersonica? Ridiamo.

Osserva i nuovi barbari
E poi c’è la storia di un personaggio importante che ha finito per far parlare di sé: il sultano. Che fosse un potentato neo-ottomano o un semplice imbroglione di strada, finì per ottenere ciò di cui aveva bisogno.

Ebbene, non ancora: trattandosi di un racket del FMI, i soldi saranno accompagnati da un miliardo di condizioni.

Ecco come va. Il sultano è al verde. La Turchia è rovinata. Le riserve di valuta estera stanno affondando nelle fogne del Bosforo. Cosa dovrebbe fare il sultano? Cadere miseramente in default? Vendi ciò che resta dell’oro del palazzo? O piegarsi all’indietro davanti al FMI?

Non è possibile sapere chi ha chiamato chi per primo ha chiuso l’affare. Ad Ankara potrebbe essere stata promessa un’ancora di salvezza di 13 miliardi di dollari – una paghetta, in effetti. Il sultano avrebbe potuto ottenere un accordo “win-win” molto migliore con i cinesi, con progetti di investimento in serie nell’ambito della BRI.

Eppure, ha deciso di giocare le sue carte con la NATO, e non con l’Eurasia. La realtà non tarderà a dettare le sue condizioni. La Turchia non sarà mai ammessa nell’UE vacillante. Gli americani possono costringere Bruxelles a fare questo – ricordate queste “regole” – ma fino a un certo punto.

Vendere tonnellate di droni Bayraktar in più a Kiev – sì, è un racket della famiglia del Sultano – non cambierà nulla sul campo di battaglia.

Tuttavia, ostacolare contemporaneamente il partenariato strategico tra Russia e Cina e la loro spinta a integrare l’Eurasia – tramite SCO, BRICS ed EAEU – cambia lo scacchiere.

Il Sultano potrebbe condannare la Turchia a un ruolo di spalla minore – con quasi zero tempo di trasmissione – nella trama che conta davvero: il secolo eurasiatico.

Il ministero degli Esteri di Mosca, riflettendo sullo spettacolo di clown di Vilnius, ha osservato che il mondo non diventerà un “globo della NATO”. Certo che no: quello che ci aspetta è stato definito dal vecchio Louka, l’oracolo di Minsk, il “ Globo del Mondo ”.

Ma basta scherzare sulle “regole”. In una splendida mattinata di sole, dopo aver lasciato il Mare Tirreno e aver guidato nell’entroterra, mi sono ritrovato appena fuori dal Tempio di Segesta, il centro più importante degli Elimi, uno dei popoli originari della Sicilia prima dell’arrivo dei Greci.

Per secoli Segesta fu alleata di Cartagine, poi di Atene. Il tempio è l’epitome dell’assoluta perfezione dorica. La sua costruzione iniziò nel 430 aC Ma potrebbe essere stata abbandonata vent’anni dopo, quando Segesta fu conquistata da… Cartagine.

La storia, sempre capricciosa, ha fatto sì che il sito portasse oggi il nome di Monte Barbaro. Questo nome deriva dal nome dato a Segesta dagli arabi: Calatabarbaro. La giustizia poetica ha colpito ancora: così eccomi lì, sotto un sole cocente, in cima a una montagna barbara millenaria, a guardare i nuovi guerrafondai barbari tessere il loro velenoso “ordine basato su regole”.

Fonte: Strategic Culture

di Pepe Escobar

https://strategic-culture.org/news/2023/07/18/in-sicily-top-of-the-mountain-watching-the-new-barbarians

12 commenti su “In Sicilia, in cima alla montagna, a guardare i Nuovi Barbari

  1. La Sicilia, molto più della Grecia, è la terra degli Dèi che si sono allontanati. Segesta è di una bellezza tale che non ha uguali. Eppure in Sicilia oggi ci sono il MOUS e Sigonella, gli strumenti del diavolo anglossane.

    1. Una delle mosse astute del diavolo è spostarsi a oriente e fare morire gli europei; mentre giornalai e mentecatti al seguito urlano all’invasore russo. Blackrock (rothschild & compagni) possiede le azioni di tutte le banche cinesi e d’oriente..

    2. Tutto giusto tutto corretto …!!
      Il MOUS oggi esiste grazie all’enorme impegno che profuse, a suo tempo, l’attuale presidente del senato LA RUSSA, che si impegnò davvero tanto e per molto tempo affinchè lo stesso non venisse costruito in Turchia …… e, malgrado le proteste e le dimostrazioni del coraggioso popolo siciliano, ci riuscì generando un enorme e permanente danno ambientale …!!!
      Ora io chiedo, umilmente, ma quando si vergogneranno ????

  2. Al turco tirapiedi della nato gli hanno fatto assaggiare una lieve scossa di terremoto di avvertimento (i Rothschild ordinano e i militari eseguono). Per questo che fa quello che gli dicono. Ma Sun Tsu Zar Vladimir lo sa..

  3. Strabiliante che Pepe, che é brasiliano abbia una cultura così, che la maggior parte degli italiani non hanno e manco gliene frega una cippa. Infatti siamo stupidi servi della nato.

  4. Soldato USA stanco di morire di fame in un paese Capitalista diserta e fugge in Corea del Nord dove chiede asilo politico !
    Se perfino i militari USA disertano e si rifugiano in Corea del Nord vuol dire che non si sta affatto male in un paese COMUNISTA !

  5. il muos terrificante parte della guerra elettronica e della geoingengneria nato , forse usato come haarp per gli eventi avversi che avvengono in italia. quel giornalista purgatori era un negazionista della geoingegneria e un aedo della liberaldemocrazia bombarola della nato!

    1. Un giornalista serio ed onesto che diffonde notizie vere in Italia tramite i media italiani NON LO VEDRETE MAI !!!
      In Italia se vuoi fare il giornalista da oltre 40 anni devi diffondere solo notizie false e bufale quelle che sono indicate o gradite dal regime italiano devi essere Filo-USA-Filo-NATO -Filo-Scafista-Filo-Europeista -Filo Schiavista e devi negare anche l” evidenza di alcuni fatti evidenti .
      Andrea Purgatori faceva parte della Massa di schifosi giornalisti italiani che non sono altro che dei Tamburelli o Strilloni al al servizio del REGIME DITTATORIALE CATTOLICO-FASCISTA -MAFIOSO ITALIANO !
      Quando ho appreso la notizia che era morto ho esultato felice !
      P.S.
      Dopo aver festeggiato la sua morte mi sono chiesto tra me e me il perché esultavo cosi tanto poiché non ho mai seguito nessuna sua trasmissione TV poiché intuivo che lui faceva da strillone alla Propaganda Ufficiale devo aver esultato per tale ragione !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM