In piedi in piedi in mezzo a un mare di bugie

Il nostro panorama politico è completamente inondato da un’enorme ondata di propaganda ufficiale. Pertanto, non sorprende che i pochi punti visibili di dissenso sopravvissuto si trovino spesso tra quegli individui che in precedenza avevano rappresentato le vette più alte del giornalismo e della cultura accademica.

Seymour Hersh rientra in quella categoria. Con un premio Pulitzer e cinque premi George Polk , Hersh è sicuramente uno dei reporter più famosi dell’ultimo mezzo secolo, noto per aver raccontato le storie del massacro di My Lai, della prigione di Abu Ghraib e di altri punti di riferimento del giornalismo investigativo.

Pochi giorni fa, ha lanciato una notizia bomba forse più grande di qualsiasi altra cosa nella sua carriera, riportando la storia interna di come il governo americano avesse distrutto i gasdotti energetici del Nord Stream , condotti assolutamente vitali per l’economia europea.
Non solo gli attacchi sono stati un atto di guerra contro la Germania, uno dei nostri più stretti alleati della NATO, ma le esplosioni hanno probabilmente prodotto la più grande distruzione di infrastrutture civili in tempo di pace nella storia del mondo, con un valore dei gasdotti di 30 miliardi di dollari molto più grande di le perdite inflitte dagli attacchi dell’11 settembre.

Come l’America ha eliminato l’oleodotto Nord Stream
Il New York Times lo ha definito un “mistero”, ma gli Stati Uniti hanno eseguito un’operazione marittima segreta che è stata tenuta segreta, fino ad ora
In piedi in piedi in mezzo a un mare di bugie
“Quando gli attacchi si sono verificati lo scorso settembre, una moltitudine di osservatori, me compreso, ha notato che i massimi funzionari dell’amministrazione Biden avevano ripetutamente minacciato di eliminare le condutture e poi hanno gridato di gioia quando una serie di misteriose esplosioni sottomarine hanno portato a termine tale compito”.

American Pravda: Of Pipelines and Plagues
In effetti, il Prof. Jeffrey Sachs della Columbia University ha riferito che i principali giornalisti mainstream gli avevano detto in privato che tutti credevano che l’America fosse stata responsabile sebbene né loro né i loro editori avrebbero mai menzionato pubblicamente un simile scenario. E quando Sachs lo ha fatto su Bloomberg TV , la sua intervista è stata interrotta e lui è stato rapidamente censurato dalla diretta.

Jeffrey Sachs nel ruolo di Ron Unz, l’elefante canaglia virtuoso •
Tuttavia, mentre c’era stata una grande quantità di speculazioni informate, Hersh ha ora fornito una descrizione dettagliata di esattamente ciò che è accaduto, inclusa l’accusa secondo cui l’amministrazione Biden aveva utilizzato legalismi discutibili per evitare di informare i nostri comitati di intelligence del Congresso dell’operazione come richiesto dalla legge . Se Hersh ha ragione, i nostri massimi capi di governo potrebbero essere in grave pericolo legale.

Eppure uno dei nostri più grandi giornalisti è stato costretto a raccontare quell’enorme storia con implicazioni internazionali radicali sulla sua piattaforma Substack piuttosto che nei titoli di un giornale o di una rivista di alto livello. Dopo cinquant’anni, l’arco della carriera di Hersh è tornato sui suoi passi, ed è tornato alle sue radici come giornalista ferocemente indipendente che ha vinto un Premio Pulitzer coprendo la guerra del Vietnam.

Glenn Greenwald, lui stesso un formidabile giornalista investigativo, è stato allo stesso modo escluso dai media mainstream, ma il suo nuovo notiziario notturno System Update era diventato un progetto importante della piattaforma Rumble, spesso attirando 100.000 o più visualizzazioni. Abbastanza opportunamente, ha dedicato un recente programma alla discussione delle profonde implicazioni dell’esilio di Hersh dal giornalismo mainstream e degli attacchi ignoranti lanciati contro di lui da giovani giornalisti le cui intere carriere sono state spese rigurgitando la propaganda ufficiale del governo

La situazione di Hersh è scioccante ma difficilmente unica. Nell’ultimo anno, i media mainstream e gran parte dei media alternativi hanno adottato posizioni quasi serrate sulla guerra Russia-Ucraina, con la gamma di opinioni consentite probabilmente più ristretta e più uniforme di quanto non fosse nemmeno il caso all’indomani del 9 /11 attacchi due decenni prima. Solo le voci più determinate e coraggiose hanno saputo resistere alla forza di questo uragano ideologico.

Si consideri che per quasi dodici mesi la frase “l’invasione non provocata della Russia” è stata ripetuta in quasi tutti i media e le notizie, sebbene tale descrizione sia assolutamente contraria ai fatti. Come ho scritto subito dopo l’inizio della guerra:

Sebbene FoxNews sia diventato uno dei media più ferocemente ostili alla Russia, una recente intervista con uno dei loro ospiti abituali ha fornito una prospettiva molto diversa. Il colonnello Douglas Macgregor era stato un ex alto consigliere del Pentagono e ha spiegato con forza che l’America aveva passato quasi quindici anni ignorando gli infiniti avvertimenti di Putin che non avrebbe tollerato l’adesione alla NATO per l’Ucraina, né il dispiegamento di missili strategici al suo confine. Il nostro governo non aveva prestato attenzione alle sue esplicite linee rosse, quindi Putin è stato finalmente costretto ad agire, provocando l’attuale calamità.

Macgregor era stato finalista per succedere a John Bolton come consigliere per la sicurezza nazionale e ospite di FoxNews circa 60 volte, ma è immediatamente scomparso dai media.

Il Prof. John Mearsheimer dell’Università di Chicago, uno dei nostri più eminenti politologi, aveva passato molti anni a fare esattamente questi stessi punti e ad incolpare l’America e la NATO per la crisi ucraina in ebollizione, ma i suoi avvertimenti erano stati totalmente ignorati dalla nostra leadership politica e media. La sua conferenza di un’ora che spiegava queste spiacevoli realtà era rimasta silenziosamente su Youtube per sei anni, attirando relativamente poca attenzione, ma poi improvvisamente è esplosa in popolarità nelle ultime settimane con lo svolgersi del conflitto, e ora ha raggiunto un pubblico mondiale di oltre 17 milioni . Le sue altre conferenze su Youtube, alcune abbastanza recenti, sono state viste da milioni di persone in più.
La lunga spiegazione di Mearsheimer sulle origini della guerra in Ucraina ha ora accumulato 28 milioni di visualizzazioni, molto probabilmente più di qualsiasi lezione accademica nella storia di Internet. Ma quasi tutti i media e i giornalisti mainstream che trattano l’argomento hanno completamente ignorato tutti i fatti importanti che presenta.

Durante la sua lunga e illustre carriera alla CIA, l’ex analista Ray McGovern aveva diretto il Soviet Policy Branch ed era stato anche Presidential Briefer, quindi in circostanze diverse lui o qualcuno come lui avrebbe attualmente consigliato il presidente Joe Biden. Invece, pochi giorni fa si è unito a Mearsheimer nel presentare le sue opinioni in una discussione video ospitata dal Comitato per la Repubblica. Entrambi i massimi esperti hanno convenuto che Putin era stato spinto oltre ogni limite ragionevole, provocando l’invasione.

Pravda americana: Putin come Hitler?
McGovern e un paio di altri esperti di sicurezza nazionale sono stati intervistati su RT in merito alla storia di Hersh. Uno di loro ha citato una fonte tedesca di sua conoscenza che avrebbe confermato molti dei dettagli.

Diversi giorni fa ho contestato le circostanze della guerra russa in Ucraina con un paio di commentatori istituzionalisti sul mio sito web. Ho sottolineato che la mia comprensione delle origini del conflitto e delle sue circostanze attuali è stata attinta da figure come Mearsheimer, Sachs, Macgregor e McGovern, individui che avevano costruito la loro reputazione nel corso di decenni ma che ora erano esclusi dai media mainstream per il loro dissenso visualizzazioni.

Ho sottolineato che accademici di altissimo livello o altri esperti hanno troppo rispetto di sé per conformarsi a una narrativa MSM insensata al 99% che credono fermamente essere falsa, e possiedono anche una notevole fiducia nella propria analisi contraria. Quindi ascolto attentamente le loro opinioni e se queste hanno senso per me, penso che potrebbero essere corrette. Nel frattempo, il 99% delle opinioni che vedo dall’altra parte può essere facilmente spiegato dalla mentalità da gregge dei media e dalle pressioni carrieriste. Tutte queste ultime voci sono ben consapevoli di poter essere promosse se sostengono efficacemente la linea ufficiale del partito, ma perdono il lavoro se non lo fanno.

Avevo notato esattamente lo stesso schema prima della disastrosa guerra in Iraq un paio di decenni fa. (………….)
Nota: La storia della guerra in Iraq, basata sulla falsificazione delle “armi di distruzione di massa” si ripete in modo simile con la guerra in Ucraina, anche in questo caso basata sulla mistificazione dei fatti antecedenti all’offensiva russa in Ucraina.

Fonte: https://www.unz.com/runz/standing-upright-amid-a-sea-of-lies/

Traduzione e nota: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM