In modo camuffato… un ruolo di sabotaggio americano nel nord-est della Siria

Venerdì il Ministero degli Affari Esteri siriano ha considerato l’ingresso di una delegazione americana nel nord-est della Siria e gli incontri con organizzazioni separatiste come una flagrante violazione della sovranità della Siria.
Il Ministero degli Affari Esteri e degli Espatriati ha affermato che il recente ingresso illegale nel nord-est della Siria da parte di una delegazione americana guidata dal vice segretario di Stato aggiunto Ethan Goldrich e i suoi incontri con organizzazioni separatiste rappresentano una flagrante violazione della sovranità, dell’unità e dell’integrità territoriale della Siria, dei principi del diritto internazionale e risoluzioni del Consiglio di Sicurezza relative alla Siria.

Base USA in Siria

Ha aggiunto che l’affermazione secondo cui questa visita e gli incontri che hanno avuto luogo miravano ad affrontare le lamentele dei residenti di Deir ez-Zor e i pericoli di interferenze esterne a Deir ez-Zor è una palese menzogna aggiunta all’approccio ipocrita promosso da l’ amministrazione americana , che ruba le ricchezze e le capacità del popolo siriano e impone misure coercitive unilaterali illegali, è disumana e immorale e contribuisce all’uccisione dei siriani senza pietà.

Ha sottolineato che questa palese ingerenza negli affari interni della Siria da parte degli Stati Uniti d’America e il loro sostegno illimitato ai gruppi terroristici e alle milizie separatiste mostrano ancora una volta il ruolo distruttivo degli Stati Uniti in Siria, che mira a prolungare la crisi nel paese e ad aumentare la sofferenza della sua gente.

Fonte: Al Alam.ir

Traduzione: Fadi Haddad

4 commenti su “In modo camuffato… un ruolo di sabotaggio americano nel nord-est della Siria

  1. Una sporca guerra a macchia di leopardo. Chi il prossimo da buttare in prima linea L”Armenia? Il Kossovo? A quando la traballante EU? Chi userà per primo l’arma nucleare? Le grandi potenze o gli scagnozzi nuclearizzati?

  2. Ethan Goldrich, un’altro ebreo al dipartimento di stato USA, praticamente la politica estera di tutto l’occidente allargato viene decisa a Tel Aviv, infatti quando quel clown chitarrista di Blinken va a fare le sue performance in giro per il mondo negli incontri ufficiali non gli mettono più nemmeno la bandiera americana dietro, sottintendendo che ci dovrebbe stare quella sionista.

  3. Ma non si riesce a blindare i confini Siriani, isolando e privando di collegamenti e rifornimenti gli usurpatori USA asserragliati nelle basi che occupano illegalmente ???
    Nei cieli siriani non deve volare una mosca senza che il popolo siriano non lo richieda, ed infatti il popolo siriano ha chiesto e ricevuto aiuto da Russia e Iran per sbaragliare i mercenari taglia gole made in USA !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2023 · controinformazione.info · site by madidus