In Israele e nelle basi USA in Medio Oriente cresce la preoccupazione per la ritorsione dell’Iran per il bombardamento della sua sede diplomatica a Damasco.


L’Iran è determinato a “punire il regime sionista”. Si presume che Netanyahu abbia sponsorizzato l’attacco al consolato iraniano a Damasco.
Il leader numero uno iraniano, il presidente Ali Khamenei, è determinato a vendicare il martirio dei due comandanti del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica e dei loro cinque consiglieri, uccisi lunedì in un raid aereo israeliano contro il consolato iraniano nella capitale siriana.

Lo ha scritto esplicitamente in un messaggio alla nazione iraniana, dopo aver reso omaggio ai martiri dell’attentato, il cui bilancio delle vittime è stato rivisto al rialzo a 13 persone. Khamenei ha scritto nel suo messaggio: “Per volontà di Dio, faremo pentire i sionisti del crimine che hanno commesso attaccando il consolato iraniano in Siria e altri crimini simili”.

L’Iran, attraverso il suo ambasciatore a Damasco, tra gli altri, ha accusato l’entità sionista di aver lanciato 6 missili contro l’edificio del consulto dai suoi F-35, dal Golan siriano occupato.
E’ un fatto che questo attacco diretto contro l’Iran avrà gravi conseguenze che produrranno una ulteriore escalation del conflitto.

L’ipotesi che viene fatta da alcuni osservatori è che questa escalation sia voluta dallo stesso governo Netanyahu che punta su un allargamento del conflitto per i suoi obiettivi. Tra questi il primo è quello di distogliere l’attenzione dal fallimento della sua operazione contro Hamas a Gaza. Creare un diversivo aprendo un nuovo fronte di conflitto.
Il secondo è quello di causare una reazione iraniana che potrebbe provocare una guerra con l’Iran e un probabile coinvolgimento degli Stati Uniti.

Missili iraniani puntati su Israele

Netanyahu è consapevole che la sua permanenza al potere è direttamente collegata alla prosecuzione indefinita del conflitto e su questa lui punta le sue carte.

L’incendio di tutta la regione è ormai una possibile conseguenza delle azioni di Israele che si dimostra una scheggia impazzita che attacca tutti i suoi nemici, dalla Palestina al Libano, alla Siria, all’Iraq ed allo Yemen. Tuttavia accade che, mano a mano che si allarga il conflitto, il numero dei suoi nemici cresce coinvolgendo altri paesi ed altre forze che puntano alla liberazione della Palestina ed alla distruzione dello stato occupante.
Il Fronte della resistenza si sta allargando sempre di più e oggi coinvolge un numero crescente di attori uniti nella stessa ostilità contro Israele e i suoi sponsor, Stati Uniti e Gran Bretagna.

Fonti Varie

Luciano Lago

11 commenti su “In Israele e nelle basi USA in Medio Oriente cresce la preoccupazione per la ritorsione dell’Iran per il bombardamento della sua sede diplomatica a Damasco.

  1. I genuinely appreciated what you’ve achieved here. The outline is tasteful, your written content fashionable, yet you appear to have acquired some uneasiness regarding what you wish to present forthwith. Undoubtedly, I’ll return more frequently, similar to I have almost constantly, should you sustain this upswing.

  2. Vogliono incendiare il Medio Oriente ? Benissimo, anche se veramente lo hanno già fatto ! E allora, intanto, SOLIDARIETA’ alle vittime SIRIANE e IRANIANE dello stragismo sionista (oltre che a quelle palestinesi) ! Poi pioggia di missili ipersonici su Al Tanf, sulle basi Usa in Siria e Iraq e sull’entità sionista ! E’ necessario raderla al suolo e cospargerla di sale, risorsa che è reperibile in loco, abbonda nel Mar Morto, nome altamente profetico !

  3. Vorrei capire quale meccanismo perverso abita la mente dell’Occidente quando sostiene Israele che “si sente minacciato” e può bombardare a destra e a manca, mentre la Russia non può farlo quando noi “democratici occidentali” sono decenni che la minacciamo! Ragazzi, che fatica questo “Occidente”…

    1. L” Impero del male USA nazione dittatoriale Capitalista “democratica” di facciata in realtà dittatura fascista -mafiosa della peggior specie vuole conquistare e controllare tutto il mondo libero !
      Per poter conquistare e dominare tutto il mondo gli USA hanno bisogno delle colonie satelitti dei paesi NATO o comunque di nazioni sottomesse ai voleri USA !
      Nessuna guerra , pulizia etnica , rivoluzione fascista-monarchica -democratica -nascite di nuove nazioni scoppiate dal 1945 in tutto il mondo è accaduta senza l”autorizzazione USA !
      La riconquista Argentina delle Isole Maldive ( Falkland ) per gli Inglesi invasori e occupanti è stata autorizzata dagli USA che pensavano che la GB ex impero mondiale oggi colonia USA lasciasse perdere !
      Anche la guerra di invasione del Iraq contro l” Iran è stata autorizzata dagli USA !
      Anche tutte le pulizie etniche ( Genocidi ) in tutto il mondo avvenuti dal 1990 ad oggi 2024 sono state autorizzate dagli USA !
      Se Israele dal 8 Ottobre 2023 ad oggi 3 Aprile 2024 ha potuto massacrare ferocemente volutamente circa 80 mila civili Palestinesi compresi dipendenti ONU o di agenzie umanitarie NON SONO AFFATTO ERRORI MILITARI ISRAELIANI O EFFETTI COLLATERALI di un bombardamento Israeliano di un ghetto Palestinese COMPLETAMENTE DISARMATO E STRACOLMO DI CIVILI PALESTINESI !
      Il dittatore “democratico” USA di Biden Feroce criminale di guerra che ha ucciso in soli due anni ben 700.000 mila persone in tutto il mondo è responsabile di ciò che accade in Israele o in Ucraina !
      Purtroppo i popoli Bue -scemi-vili -ignoranti -creduloni dei paesi USA -NATO-ISRAELE per essere rapinati con nuone TASSE ESOSE e anche costretti ad accettare future guerre USA & C hanno bisogno di essere MOTIVATI !
      PERCIO ” TUTTI I MASS MEDIA USA -NATO-ISRAELIANI RACCONTANO BUFALE E DIFFONDONO DISINFORMAZIONE H 24 !

  4. Preoccupazione? Dovete schiattare di paranoia e paura prole assassina di Sion. La vendetta arriverà. Militarmente vi siete incartati in un pantano. Rimane da distruggere solo Rafah, ma ciò causerebbe un ulteriore eccidio di civili innocenti che non hanno dove andare. E nessuna garanzia d’ annientare Hamas. Dopodiché avete perso per mancato raggiungimento di scopo. Abietti. Scatenare un tale massacro sostanzialmente per un nulla di fatto. I simbionti del male pagheranno con l’ isolamento mondiale tale inutile cattiveria. Ed alla fine con l’ oblio. Scatenare la guerra contro l’ Iran un totale suicidio. Fossi l’ Ayatollah io vi fare saltare in aria gl’ arsenali atomici bruciandovi tutti.

    1. Prima prioritario uscire da UE, impensabile valutare ogni altra cosa altrimenti. Spero che esista un parte politica in questo paese non corrotta dal capitale sionista, tanto da capirlo e perseguirlo. Exit!! Fuori!! Adios!!

    2. Bravissimo. Lo penso anche io e dobbiamo implementarlo.Itali nei BRICS dobbiamo e in galera tutti i giornalisti, giudici magistrati che vengono foraggiati dai denari anglosassoni e dagli usurpatori che impediscono la stampa del denaro da ogni singola nazione

  5. Per far tornare finalmente la pace nel mondo intero, bisogna solo radere al suolo il non stato nazisionista con tutta la fogna nazistoide dentro ovviamente. Non bisogna lasciargli scampo a questi pazzi. Tutto qui. È semplicissimo!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM