"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

In Germania emergono forti critiche contro la decisione di accodarsi alla campagna antirussa di Londra e Washington

di  Johannes Stern

I politici tedeschi parlano contro la campagna guidata dagli Stati Uniti contro la Russia
SPD, Linke e AfD – La Germania non ha un solo Jeremy Corbyn ma un gruppo intero di critici della russofobia alimentata da Washington e Londra.
Mentre Londra e Washington continuano a incitare ulteriormente le tensioni con la Russia sul caso Skripal, le critiche stanno aumentando all’interno dell’Unione Europea rispetto alla posizione aggressiva nei confronti di Mosca. In Germania, in particolare, politici di spicco si sono espressi nei giorni scorsi contro le accuse formulate dal governo britannico e hanno avvertito del pericolo di un’escalation della situazione fino a includere una guerra.

Mercoledì, l’ex vicepresidente della Commissione Europea, Günter Verheugen (socialdemocratici, SPD) , durante un’intervista con “ZDF” ha parlato di “l’inizio di una grave crisi internazionale”, una crisi che non è sicuro “possa essere mantenuta sotto controllo. “E questo è” davvero l’ultima cosa di cui abbiamo bisogno solo ora “, ha aggiunto.

La crisi non viene messa in moto sulla base di “conoscenze sicure e intuizioni sicure”, ma “piuttosto sulla base di una catena di indizi che poggiano su un’ipotesi dopo l’altra”. Questa non è una prova, ha aggiunto, e ha affermato che pensa che “tale azione in una società democratica non dovrebbe essere possibile”.

l’ex vicepresidente della Commissione europea, Günter Verheugen

Interrogato dal moderatore dello “ZDF”, Mitri Sirin, su presunti “misfatti” russi, tra cui “l’annessione della Crimea”, “la guerra in Siria” e “attacchi informatici”, Verheugen ha risposto: “In realtà, non mancano le accuse che possono essere dirette dal lato russo. “È necessario” essere consapevoli del fatto, tuttavia, che le accuse possono essere ribaltate anche sull’ Occidente “.
“Non molto tempo fa i governi britannico e americano hanno mentito al mondo intero: mentirono intenzionalmente e consapevolmente per giustificare l’attacco all’Iraq” (le armi di distruzione dimassa). Anche il ministro degli esteri britannico, Boris Johnson, che adesso “soffia così tanto sul fuoco… aveva mentito talmente tanto durante la campagna per il Brexit in Gran Bretagna che è difficile stare dietro a lui. “Verheugen ha aggiunto che” questo personaggio non è particolarmente credibile “.

Verheugen ha dichiarato che avrebbe “auspicato un inizio migliore” per il nuovo ministro degli esteri Heiko Maas (SPD), che subito dopo essere stato in carica ha dato il suo pieno appoggio alla Gran Bretagna. Mentre si deve “convivere con la situazione per adesso”, è anche necessario ricordare “che in precedenza avevamo un diverso tipo di cooperazione con la Russia”. Come qualcuno che “aveva parlato direttamente” con il presidente Putin sull’ampliamento verso est dell’UE , Verheugen ha commentato che sapeva che “l’impegno e la cooperazione costruttivi con la Russia sono possibili”. È necessario “allontanarsi da questo confronto e tornare a una situazione in cui la cooperazione sia possibile”.

I principali rappresentanti di vari partiti in parlamento hanno parlato in modo similare e hanno criticato la posizione del governo. “L’espulsione di quattro diplomatici russi sulla base di un rapporto dell’ intelligence è stata prematura e non è giustificata dai criteri politici che dovrebbero essere applicati nel caso Skripal”, ha detto il vice del gruppo parlamentare SPD, Rolf Mützenich, al “Die Welt “. Ovviamente, non “ogni governo europeo ha partecipato a questo passaggio”.

Il portavoce della sinistra, il deputato europeo Andrej Hunko, ha ringraziato su Twitter “gli stati-UE Belgio, Bulgaria, Grecia, Irlanda, Lussemburgo, Malta, Austria, Portogallo, Slovacchia, Slovenia, Ungheria e Cipro” per “non seguire il corso irresponsabile di espulsione degli ambasciatori russi senza prove. ”

Il leader del gruppo parlamentare della sinistra, Sahra Wagenknecht , ha scritto: “Non è la solidarietà a sospendere i principi costituzionali e ad intensificare ulteriormente la già tesa situazione con la Russia, ma una mancanza di comprensione”.

Alexander Gaulland, AfD

Anche il partito dell’alternativa di estrema destra per la Germania (AfP), che gode di stretti legami con i nazionalisti russi, si è detta irritata dalla mossa del governo. Il leader del partito Alexander Gaulland l‘ha definita “inappropriato ricorrere a sanzioni così gravi in ​​assenza di fatti concreti e denunciare l’accusato per non aver smentito le accuse”. Le affermazioni del governo britannico secondo cui la Russia era responsabile dell’attacco sono “ancora tutte da dimostrare. ”
Il deputato della AfP, Hansjörg Müller, che siede nel comitato parlamentare per l’economia e l’energia, ha descritto il ministro Maas come un “dilettante di politica estera”, che dovrebbe essere portato “davanti a un tribunale” per la sua decisione.

Le forti reazioni di alcuni ambienti dimostrano che, nonostante la dichiarazione di solidarietà con la Gran Bretagna e l’espulsione di quattro diplomatici russi, all’interno della classe dirigente esiste una fazione che considera la Russia un partner nel perseguimento degli interessi geostrategici ed economici dell’espansione economica tedesca .

ex Minstro Sigmar Gabriel

L’ex ministro degli Esteri Sigmar Gabriel (SPD) , che ha ripetutamente criticato la politica estera degli Stati Uniti durante il suo mandato e ha sostenuto l’abolizione delle sanzioni contro la Russia, ha continuato a promuovere questo approccio anche dopo aver rassegnato le dimissioni dalla sua posizione a Maas.

Gabriel ha tenuto il suo primo discorso di politica estera come ex ministro degli Esteri in occasione di un evento per il 25 ° anniversario del Forum tedesco-russo, che sin dalla sua fondazione nel 1993 ha spinto per uno scambio politico, economico e culturale più stretto tra i due paesi.
Gabriel ha dichiarato che “in questi tempi il coraggio” è richiesto “per difendere le buone relazioni tedesco-russe.” Ha aggiunto che sapeva che “l’interpretazione russa” del conflitto in Ucraina è “completamente diversa” dal punto di vista della “Germania e dell’ Europa occidentale” “. Tuttavia deve essere” possibile superare gradualmente questi conflitti “. Non ha senso” fare accuse reciproche nella politica mondiale senza cercare allo stesso tempo modi per andare avanti “, ha detto Gabriel. La Russia è un “partner decisivo” nella risoluzione del conflitto siriano. Non funzionerà senza la Russia, ha concluso.

Gabriel non nasconde il fatto che considera le provocazioni britanniche e americane contro la Russia una minaccia per gli interessi tedeschi. È “assolutamente inaccettabile che la politica energetica sia guidata dal punto di vista degli interessi degli Stati Uniti, verso una posizione in cui dovremmo rinunciare alla nostra partnership energetica decennale con la Russia in modo che la Germania e l’Europa possano acquistare costoso gas naturale americano”, ha lamentato. Invece, ha fatto appello per il “mantenimento di visioni aperte, come quella di una zona di libero scambio da Lisbona a Vladivostok”.

Washington e Londra stanno sfruttando l’affare Skripal per contrastare proprio tale obiettivo. Vogliono a tutti i costi impedire alla Germania di stabilire un’alleanza militare europea per perseguire i propri interessi economici indipendentemente dagli Stati Uniti e formare un blocco commerciale con la Russia. La costante intensificazione del regime delle sanzioni fa parte degli sforzi di Washington per subordinare la Russia in modo da consolidare il dominio imperialista USA sul continente eurasiatico ricco di energia.

Gabriel ha avvertito nel suo discorso che le azioni dell’Occidente hanno già portato il mondo sull’orlo di un conflitto nucleare. Ha detto di aver seguito “con grande preoccupazione che anche da parte russa, sta emergendo l’idea che l’Occidente e la NATO sono così superiori con le armi convenzionali che siano necessarie nuove armi nucleari. E che dall’altra parte, la NATO risponde rinnovando la sua richiesta di sviluppo di nuove armi nucleari in Europa “.

Ha quindi fatto appello “per una posizione tedesca equilibrata”, perché “sappiamo tutti che gli scontri alla fine portano alla messa in scena di un conflitto da qualche parte. Quando si dovesse creare un conflitto, questo si andrà a verificare sul territorio della Repubblica Federale Tedesca e in Europa “, ha avvertito.

Fonte: Russia Insider

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. Horus 3 settimane fa

    adesso che Putin espelle 150 diplomatici dalla Russia e chiude un consolato
    Usa a Pietroburgo i tedeschi cominciano a capire che aria tira.
    In Italia non pervenuto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 3 settimane fa

      quello che disgusta sino al conato cos’è…è che se gli ‘alleati’ stessi degli usa, e cioè i regimi democratici europei, avessero dovuto usare gli stessi canoni con loro quando VERAMENTE eliminavano persone contrarie ai loro interessi, allora quante guerre (e diplomatici ed agenti espulsi) si sarebbero dovute fare per Moro, Mattei, Calipari… … …

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. andrea z. 3 settimane fa

    I tedeschi stanno incominciando a realizzare che se scoppi una guerra con la Russia, si combatterà sul suo territorio e il IV Reich di Angela Merkel finirà peggio di quello precedente.
    Meglio tardi che mai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 3 settimane fa

      Grande Popolo i Tedeschi, lo sono sempre stati

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mardunolbo 3 settimane fa

    La puzza di cadaveri aleggia nelle narici dei tedeschi piu’ equilibrati e memori del recente passato ! Capiscono che il suolo tedesco come gia’ fu in passato, puo’ essere nuovamente oggetto di entrata russa verso l’Europa e, intelligentemente cercano di prendere le distanze dalle azioni idiote del loro governo.
    In Italia solo la voce di Salvini si e’ udita contro ulteriori misure ! Del resto ci vuole molto poco ad intuire che dopo le sanzioni economiche e dopo le sanzioni diplomatiche, resta soltanto l’opzione militare !
    Gli Usa stanno facendo tutti i tipici passaggi per spingere alla guerra. Il Giappone fu spinto proprio in questo modo, nell’ultimo conflitto. Per la Germania invece si spinse la Polonia a macellare qualche migliaio di tedeschi (inglobati dal trattato di Versailles dopo la 1 guerra mondiale, in Polonia) per suscitare la guerra contro essa promettendo l’immediato aiuto franco-inglese.
    Cosi’ avvenne e Francia e Germania dichiararono la guerra alla Germania, NON alla Russia, che pure aveva invaso la Polonia. Strano scherzo del destino o chiara manipolazione degli eventi per avere la scusa di guerra ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. The roman 3 settimane fa

      Mardunolbo ha fatto il punto della situazone. La Russia , come lo furono Germania e Giappone e in misura minore l Italia , un ostacolo al dominio ebraico mondiale . Ciò che più temono i padroni del mondo e’ l’effetto domino. IL timore che l’esempio possa contagiare i vassalli e coaugulare intorno alla potenza ribelle un consenso che possa portare ad un cambio di paradigma , con il rigetto della cappa ideologica e del giogo finanziario che opprimono i popoli europei. La Russia è il socjo naturale dell’ europa , della quale è parte integrante per etnicita’,storia e cultura. ” Questo matrimonio non s”ha da fare” . Tuonano i padroni. Riusciremo a liberarci dei nostri Don Abbondio ? La speranza è l’ ultima a morire .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Alessandro 3 settimane fa

        Ottimo commento

        Rispondi Mi piace Non mi piace