In geopolitica, come in economia, si registra il declino dell’universalismo occidentale

di Florent Machabert

L’India sta pianificando un commercio bilaterale del valore di 8-9 miliardi di dollari con la Russia e lo Sri Lanka nei prossimi due mesi, dopo aver convinto la Reserve Bank of India a intensificare il suo commercio internazionale in rupie. I banchieri centrali indiani hanno appena autorizzato importatori ed esportatori di prodotti indiani a pagare in rupie parzialmente convertibili il mese scorso. Si ritiene che questa misura faciliti notevolmente il commercio con la Russia e i vicini dell’Asia meridionale a scapito del dollaro.

Come accennato nel dossier 7 dedicato all’acquisto di valute, la rupia potrebbe vedere presto un rialzo del proprio corso.
Le importazioni dell’India dalla Russia, principalmente petrolio greggio, sono quintuplicate rispetto all’anno precedente fino a superare i 15 miliardi di dollari tra luglio 2021 e febbraio 2022, quando l’Ucraina ha invaso l’Ucraina. Le esportazioni, nel frattempo, sono scese a 852,22 milioni di dollari da 1,34 miliardi di dollari nello stesso periodo, in parte a causa della mancanza di un meccanismo di regolamento dei pagamenti con la Russia colpita dalle sanzioni. Rimane quindi probabile un effetto di recupero. L’India si è anche astenuta dal condannare la Russia, con la quale ha legami politici e di sicurezza di lunga data, mentre chiede la fine della violenza in Ucraina.
L’India difende i suoi acquisti di prodotti russi come parte di uno sforzo per diversificare le sue catene di approvvigionamento e afferma che un blocco aumenterebbe i prezzi globali e danneggerebbe i suoi consumatori. Per la cronaca, parte del petrolio russo che acquista viene raffinato sotto forma di gasolio che poi esporta nell’Ue, vista come il regno degli ipocriti e dei cornuti volontari.

L’India difende i suoi acquisti di prodotti russi come parte di uno sforzo per diversificare le sue catene di approvvigionamento e afferma che un blocco aumenterebbe i prezzi globali e danneggerebbe i suoi consumatori. Per la cronaca, parte del petrolio russo che acquista viene raffinato sotto forma di gasolio che poi esporta nell’Ue, vista come il regno degli ipocriti e dei cornuti volontari.

Numero della settimana
$ 1 miliardo

La piattaforma americana FTX, la seconda piattaforma per l’acquisizione e lo scambio di criptovalute (dietro Binance), è appena fallita. Il suo manager avrebbe rubato (non c’è altra parola per questo) $ 1 miliardo dai suoi clienti e donato $ 100 milioni ai Democratici. Aveva, inoltre, recentemente offerto a ogni ucraino l’equivalente in criptovalute di 25 dollari, senza contare che la società aveva prestato quasi 10 miliardi di dollari in depositi dei clienti a una delle sue filiali commerciali, in totale violazione delle normative vigenti. Allo stesso modo, il World Economic Forum di Schwab, che i nostri lettori ora conoscono, avrebbe avuto legami con FTX, che ha promosso sul suo sito web, fino a quando quella partnership è scomparsa dagli schermi radar alla notizia del suo fallimento. IL fondatore, Sam Bankman-Fried (SBF), nella foto, un cognome che potrebbe essere tradotto come Sam il banchiere fritto : non puoi farcela. Dopo Trudeau, Macron e Sunak, tutti belli al G20 con le loro magliette colorate come Tom Selleck in Magnum , che fiuto ha avuto questo nonno Schwab!

Non dimentichiamo che ogni crisi – e quelle che scuotono una dopo l’altra l’ecosistema crypto non fanno eccezione – crea tante opportunità quante minacce. L’intrusione che gli attori finanziari tradizionali e regolamentati potrebbero tentare nel mondo dei cryptoasset va ora monitorata per offrire ai clienti privati ​​e istituzionali una soluzione per depositare le proprie criptovalute con le stesse garanzie (molto discutibili come sapete…) di sicurezza e trasparenza che su altri classi di attività. Infine, Binance ha proposto l’implementazione di un sistema di Proof of Reserve, ovvero un audit che utilizza la tecnologia blockchain per fornire piena trasparenza della liquidità detenuta dalle piattaforme. La regolamentazione delle criptovalute è quindi da seguire come il latte sul fuoco e sarà necessario separare il grano dalla pula.

Comunicato della settimana
“Stiamo studiando la possibilità di mettere in orbita data center solari. »Ha dichiarato la Ursula von der Leyen

La Commissione Europea ha incaricato Thales Alenia Space di studiare la possibilità di mettere in orbita data center alimentati da centrali solari. Abbiamo quindi ora la certezza che ad Ursula non si dedica solo a togliersi la radice dei capelli . Thales, che sta già sviluppando il suo portafoglio digitale per il governo francese (identità digitale basata su un “pass cittadino multiservizio” ), ritiene che questo progetto possa contribuire al “Green Dealcarbon neutral” entro il 2050 e rappresenterebbe uno sviluppo senza precedenti dell’ecosistema spaziale e digitale europeo… Il primo obiettivo dello studio sarà dimostrare che le emissioni di carbonio prodotte durante le fasi di produzione e lancio delle infrastrutture spaziali saranno significativamente inferiori al emissioni che i data center produrrebbero se rimanessero a terra. Il suo secondo obiettivo sarà dimostrare che è possibile sviluppare la soluzione di lancio richiesta e garantire l’implementazione e l'(inter)operabilità di questi data center spaziali, utilizzando tecnologie di operazioni robotiche per l’assistenza in orbita attualmente in fase di sviluppo in Europa.
Non sono sicuro che il commissario Thierry Breton non si penta subito di essersi alienato il nuovo boss di Twitter minacciando l’uccello azzurro della censura, un certo E. Musk, per il quale tutto questo sarebbe, stando ai successi di SpaceX, un gioco da ragazzi. Ma all’interno della casta dei bambini gravemente frustrati, è un marchio di fabbrica: il farneticare ha sempre la precedenza sulla riflessione.

Bene della settimana
Dossier 10: Comprare titoli di stato… fuori dall’Europa.

Nel nostro 10° dossier che verrà pubblicato domani 20/11, esploriamo per voi il quarto comparto di un qualsiasi portafoglio “Browniano”, qui rivisitato per affrontare la stagflazione: ci occuperemo dei titoli sovrani, cioè dei titoli di debito emessi da paesi… extraeuropei Certo. 15 pagine essenziali per aggiungere ai tuoi metalli preziosi, valute estere e azioni francesi una selezione di buoni del Tesoro esteri, a 2 anni e a 10 anni testati per te nello spirito di secessione, diversificazione e protezione del patrimonio che caratterizza sia il Courrier des Stratèges e Samaria & Cie .

fonte: Le Courrier des Stratèges

Traduzione: Gerard Trousson

2 Commenti
  • Giorgio
    Inserito alle 15:20h, 21 Novembre Rispondi

    Perchè gli ANGLO SIONISTI non sono PEDOFILI, SATANISTI E USURAI ???
    Quanto all’inquinamento le coste dell’India e di tanti paesi africani sono pieni di rifiuti tecnologici occidentali ….
    e nonostante l’esagerato uso di detergenti, profumi e deodoranti … l’uomo medio occidentale, rimbecillito da media, pubblicità e consumismo nichilista, è molto più sporco DENTRO, rispetto agli indiani o ai popoli asiatici e africani …

  • maurizio diana
    Inserito alle 18:17h, 21 Novembre Rispondi

    A TOR: Ma allora sei proprio negato ! non capisci niente, ma proprio mai, nemmeno una volta……
    Hai visto che ci sono i mondiali di calcio ??? guardali ti farà bene sicuramente …. forse ti sentirai più cosciente forse un pò più importante …..
    Ma perchè vuoi ostentare sempre pubblicamente il tuo non comprendere davvero nulla ….?
    Ma che vita è …????

Inserisci un Commento