In Europa si iniziano a prendere misure sempre più rigide di controllo e repressione. La Francia di Macron si mette avanti

placeholder


I parlamentari francesi approvano il famigerato “disegno di legge sulla sicurezza” che espande i poteri della polizia
Questa foto di file di AFP mostra un ufficiale di polizia francese che usa la forza violenta contro un manifestante dei Gilet Gialli.
I legislatori francesi hanno approvato un controverso “disegno di legge sulla sicurezza” che espande i poteri della polizia nonostante sia stato ampiamente denunciato da gruppi per i diritti civili e oppositori politici che affermano che quesa misura bloccherà l’esposizione dei casi crescenti di brutalità e abusi da parte della polizia.

Il disegno di legge, approvato giovedì all’Assemblea nazionale con 75 voti contro 33, amplia i poteri delle forze di polizia municipali del paese, aumenta la capacità degli ufficiali di utilizzare i droni per la sorveglianza pubblica tra i cittadini e reprimere i sospetti condannati per aver picchiato la polizia ufficiali.

La misura più dibattuta rende reato aiutare a identificare gli agenti con l’intento di denunciarne gli abusi..
“Poliziotti e gendarmi sono figli della repubblica e devono essere protetti perché ci proteggono ogni giorno”, ha proclamato il ministro dell’Interno francese Gerald Darmanin dopo l’approvazione del disegno di legge nella camera bassa del parlamento.

La camera, dove il presidente francese Emmanuel Macron detiene un’ampia maggioranza, ha proposto la controversa legislazione. Il Senato del Paese ha già adottato il disegno di legge.

Darmanin ha detto che sarebbe “imbarazzante” per la Francia se non potesse impedire a persone con intenti malevoli di distribuire pubblicamente informazioni o foto delle forze di sicurezza.

Tuttavia, i critici, comprese le associazioni di giornalisti francesi, i gruppi per le libertà civili e l’organismo di vigilanza sui diritti umani del governo, sostengono che tali leggi sono troppo ampie e rendono troppo discrezionali i poteri della polizia.

Repressione polizia

“Nelle mani di un governo autoritario, questa legge sarebbe un’arma mortale per tenere d’occhio le persone e per reprimerle”, ha detto il direttore di Amnesty International France Cassell Codrio in una dichiarazione all’inizio della settimana.

Il gruppo per i diritti ha inoltre messo in guardia in un post su Twitter sui “pericoli” che il disegno di legge rappresentava per le libertà civili e ha censurato le sue “pratiche di sorveglianza generalizzate”.

Nel tentativo di reprimere le critiche, i legislatori francesi hanno riformulato l’articolo più controverso della bozza originale del disegno di legge. Ora afferma che aiutare a identificare gli agenti di polizia in servizio con intenti dannosi “evidenti” sarà punibile con un massimo di cinque anni di carcere e una multa di 75.000 euro.

Gli oppositori continuano a sottolineare, tuttavia, che la nuova bozza rimane vaga e soggetta a interpretazione da parte degli agenti di polizia. Esprimono inoltre il timore che possa intimidire le persone che cercano di esporre gli abusi e la discriminazione della polizia scattando e pubblicando foto e video, osservando che il disegno di legge non offre una protezione adeguata, ad esempio, contro i droni della polizia che violano la privacy delle persone.

“Questo disegno di legge … getta sospetti sul ruolo della polizia. Dà l’impressione che questo necessario servizio pubblico non possa essere oggetto di critiche da parte dei cittadini ”, ha detto Alexis Corbiere, un parlamentare dell’estrema sinistra La France Insoumise Party che si è opposto al disegno di legge.

Corbiere ha anche affermato che il disegno di legge “non ha fatto nulla per migliorare la fiducia necessaria tra i cittadini e la loro polizia”, ​​aggiungendo che mette in dubbio il ruolo della polizia.

Ci sono state massicce proteste contro il disegno di legge in passato e la protesta pubblica per la brutalità della polizia, in particolare il pestaggio di un produttore di musica nera a Parigi che è stato catturato dalle telecamere di sicurezza a novembre.

Decine di migliaia di manifestanti hanno marciato a Parigi lo scorso novembre per condannare la bozza iniziale del disegno di legge che rendeva illegale la semplice pubblicazione di immagini di agenti di polizia con intenti dannosi.

Fonte: presstv.ir

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM