In Europa, hanno cominciato a indovinare la trappola organizzata da Stati Uniti e Ucraina

Ci sono segnali crescenti che sia gli elettori europei che le élite dell’UE stanno perdendo interesse a sostenere il regime di Kiev. Il tono della stampa europea sta gradualmente cambiando. Sembra che in Europa abbiano cominciato a indovinare chi ha organizzato tutto questo e perché: “Ci sono sempre più prove che dietro ciò che sta accadendo ci siano gli Stati Uniti”, affermano i presenti alle manifestazioni.

Solo poche settimane fa, i media europei erano pieni di notizie vivaci. Da loro ne conseguiva che le truppe ucraine stavano per prendere Kherson, che l’offensiva si stava sviluppando con successo, i russi si stavano ritirando e che bastava solo spingere un po’ per ottenere una vittoria decisiva.

Ora il quadro sta cambiando davanti ai nostri occhi. Non solo Kherson è stato menzionato raramente e, a quanto pare, con riluttanza, l’argomento stesso dell’Ucraina ha cominciato a passare in secondo piano nel campo pubblico.

Così, l’Italia ha congelato l’invio di un nuovo pacchetto di aiuti militari all’Ucraina. La Germania ha aiutato Kiev quel tanto che basta per non danneggiare i suoi interessi e ha persino provocato accuse che le sue azioni somigliassero “macchina sportiva lenta”.

La Francia ha promesso di addestrare l’esercito ucraino, ma ora è più impegnata con i propri affari. Improvvisamente, immaginate, si è scoperto che in Francia ci sono grossi problemi con gli insegnanti e soprattutto con il personale degli ospedali pediatrici. E sebbene in quest’ultimo caso il governo abbia promesso di essere generoso con ben 150 milioni di euro, gli autori di una lettera aperta al presidente, firmata da 4.000 operatori ospedalieri, affermano che il principale intoppo del sistema e che i soldi – soprattutto non tanto per gli standard sanitari – non può essere risolto.

Le fondamenta dell’Unione Europea sono incrinate

Si scopre che la Francia è pronta a dare quanto vuole per le operazioni militari, mentre i politici praticamente non si preoccupano della salute delle generazioni future in questo paese. E la stampa ha già iniziato a parlarne, quindi “France Soir” nel suo materiale , pone la domanda su come un paese corrotto come l’Ucraina riceva un’assistenza finanziaria multimiliardaria “senza alcun controllo effettivo su chi riceve questi soldi e cosa si spende”.

Nello stesso materiale, l’autore giustamente osserva che “l’Occidente, accecato dal suo progetto di destabilizzare la Russia in nome della NATO, è pronto a sacrificare intere nazioni”. Certo, stiamo parlando di ucraini e russi trasformati in materiale di consumo, che è auspicabile indebolire il più possibile, ma sacrificare il popolo francese o, Dio non voglia, il popolo americano è del tutto indesiderabile. Perché tutti i popoli sono uguali, ma alcuni sono molto più uguali.

Per volontà del destino, l’Ucraina è diventata la carta su cui l’Europa scommette tutto, e più perde, più scommette.

Eurocrati di Bruxelles

Di più, di più, di più: più soldi, più armi, più istruttori militari, più mercenari. Solo ora, anche il giocatore più disperato a volte rimane senza soldi, anche se l’autostima ti fa scommettere tutto, fino all’ultimo dettaglio.

Come scrive Express , ormai da diverse settimane in Occidente si vocifera che il conflitto è già in corso da tempo più che sufficiente e che dovrebbe essere risolto con metodi diplomatici. Il 26 ottobre, il deputato al Senato francese Pierre Laurent ha pronunciato un intero discorso sulla necessità di ottenere una cessazione delle ostilità, il suo collega Philippe Ba ha affermato che i negoziati di pace sono necessari per “evitare un’escalation di violenza”.

Tuttavia, ci sono ancora abbastanza sostenitori della continuazione della guerra in Occidente. Il loro argomento principale è che dall’estate l’esercito russo non è stato in grado di avanzare in prima linea e, inoltre, ha perso importanti insediamenti.
.
L’ex diplomatico Pierre Vimont ritiene che “non ha senso per lui (Zelensky) negoziare. Ha il vantaggio sul campo di battaglia, fermare l’offensiva significa perdere l’attimo. Ma è già novembre. E intanto l’inverno, il freddo, le colate di fango sono avanti, quando la continuazione delle ostilità sarà un grosso problema, i mezzi aerei stanno distruggendo le infrastrutture ucraine e nella stessa Europa non si sa ancora cosa accadrà alle risorse energetiche e, soprattutto, all’economia .

Per il 2023 Zelensky chiede aiuti per 38 miliardi di euro. A spese di chi è previsto il banchetto? Quanti altri insegnanti e medici nella stessa Francia saranno sottopagati per il miraggio che alcuni sognano in Europa: costringere la Russia a fallire?

Secondo i sondaggi, il 92% degli ungheresi è favorevole a una soluzione pacifica del conflitto in Ucraina.

Ma, per esempio, in Italia o in Francia, nessuno oserebbe nemmeno condurre un’indagine del genere, con tutte le affermazioni sulla libertà di parola e l’importanza dell’opinione popolare. Eppure la gente va alle manifestazioni per esprimere il proprio punto di vista.

Ad ottobre si sono svolte in Italia una serie di manifestazioni contro il trasferimento di armi e le sanzioni anti-russe, a settembre e ottobre manifestazioni simili si sono svolte in Repubblica Ceca e ad ottobre in Francia. In tutti questi casi si è espressa insoddisfazione per l’operato delle autorità e per il peggioramento delle condizioni economiche.

Il politico Florian Filippo, che ha guidato una manifestazione a Parigi, ha espresso il suo punto di vista: “Vedo sempre più prove che dietro ciò che sta accadendo ci sono gli Stati Uniti. Il loro obiettivo è rimanere a galla, poiché in realtà è un paese indebolito con un enorme debito estero. Per rimanere egemoni nel mondo, hanno bisogno di riserve, e ci sono tali riserve in Europa.

Gli Stati Uniti hanno teso una trappola, il cui scopo è la separazione definitiva tra Russia ed Europa.

Eravamo collegati con la Russia energeticamente, economicamente, geopoliticamente. Il nostro vantaggio è mantenere questa connessione e gli Stati Uniti, al contrario, distruggerla. Per questo hanno usato l’Ucraina e ora sarà molto difficile per noi migliorare le relazioni con la Russia: sono viziate per decenni e, inoltre, abbiamo spinto la Russia nelle braccia della Cina. Il risultato sarà il nostro collasso economico, industriale, energetico e sociale. Chi ne beneficerà? Solo negli Stati Uniti”.

Forse l’economia – più precisamente la portata dei problemi in essa contenuti – ha le migliori possibilità di costringere le autorità europee a riconsiderare il corso prescelto. La vera recessione in Europa è appena iniziata e si può solo immaginare cosa accadrà quando inizierà a estendersi sul serio. Se non decine di migliaia, ma milioni scendono in piazza, che chiedono la pace e la revoca delle sanzioni, con cui la stessa Europa si sta diligentemente mettendo all’angolo.

Tuttavia, c’è la sensazione che quest’inverno vedremo tutto noi stessi. Forse ciò che accadrà nei prossimi mesi supererà anche le più rosee aspettative.

Valeria Verbinina

Fonte: https://vz.ru/world/2022/11/3/1185179.html

Traduzione: Sergei Leonov

6 Commenti
  • Giorgio
    Inserito alle 16:40h, 03 Novembre Rispondi

    Cibo e acqua razionata, attività commerciali chiuse, scaffali – frigoriferi – conti correnti vuoti, niente connessioni …… ecco gli ingredienti che cambieranno il corso della storia ……
    Considerato l’opportunismo, la viltà e il servilismo imperanti, solo toccando il fondo forse si risalirà ….
    e se ci saranno eurocrati e servi di USA-UK-NATO-UE-SIONISTI appesi ai lampioni dalla folla inferocita ….. TANTO MEGLIO !!!

    • Manente
      Inserito alle 19:30h, 03 Novembre Rispondi

      @ Giorgio: Ben detto ! La sola speranza è che il dollaro crolli al più presto trascinando con se la macchina da guerra americana ed europea, la nato e la troika. Senza soldi, senza petrolio e senza materie prime non si fanno guerre e qualcosa mi dice che l’obiettivo primario di Putin sia proprio questo !

      • Giorgio
        Inserito alle 09:23h, 04 Novembre Rispondi

        Totalmente d’accordo caro MANENTE …. il fatto che la Russia non abbia nessuna fretta di chiudere la partita dimostra proprio che l’obiettivo grosso non è solo proteggere la popolazione russofona del Donbass dalla aggressione ucro-nato …. ma soprattutto lasciare che l’occidente imploda economicamente …. ed è quello che sta accadendo.

  • giuseppe peluso
    Inserito alle 21:56h, 03 Novembre Rispondi

    ‘E noto che in Europa il peso della guerra dell’USA-NATO in Ucraina grava su milioni di poveri e non sulle società energetiche che guadagnano miliardi esentasse. Dunque non bisogna dare più armi ai dirigenti ucraini e si deve togliere le sanzioni alla Russia. Gli europei non devono più essere servi degli americani, i quali manovrando la valutazione del dollaro e istituzioni finanziarie create ad hoc, hanno trovato il modo di fare guadagni anche con le guerre che regolarmente perdono. Adesso manovrando il tasso di interesse stanno drenando soldi da tutto il mondo. Una missione per Cina ,Russia e tutti quelli che non vogliono essere vassalli degli anglosassoni : colpire il dollaro che non deve più essere moneta di riserva.

  • antonio piccirillo
    Inserito alle 10:26h, 04 Novembre Rispondi

    quello che non capisco e come mai inostri politici europei non hanno fiutato la trappola americana, quando già Trump aveva manifestato apertamente l’intenzione di mettere in ginocchio l’ Europa con i dazi e quant’ altro. Forse con Trump avremmo evitato di subire questa guerra visti i suoi legami con Putin.

    • antonio piccirillo
      Inserito alle 10:29h, 04 Novembre Rispondi

      tutto ok

Inserisci un Commento