In che modo Washington “esporta la democrazia” nei paesi attenzionati


di Andre Vltchek (*)

Ci sono ovviamente alcune serie questioni linguistiche e disaccordi tra l’Occidente e il resto del mondo. Termini essenziali come “libertà”, “democrazia”, ​​”liberazione”, persino “terrorismo”, sono tutti confusi e contraddittori; significano qualcosa di assolutamente diverso a New York, Londra, Berlino rispetto al resto del mondo.

Prima di iniziare l’analisi, ricordiamo che, nella Storia, paesi come il Regno Unito, la Francia, la Germania e gli Stati Uniti, così come altre nazioni occidentali, hanno diffuso il terrore colonialista praticamente in tutti gli angoli del mondo. E nel processo, hanno sviluppato una terminologia e una propaganda efficaci, il che ha giustificato, persino glorificato azioni come il saccheggio, le torture, gli stupri e i genocidi. Fondamentalmente, prima l’Europa e, successivamente, il Nord America “letteralmente sono usciti con tutto, incluso l’omicidio di massa”.

I nativi delle Americhe, dell’Africa e dell’Asia sono stati massacrati, le loro voci messe a tacere. Gli schiavi furono importati dall’Africa. Le grandi nazioni asiatiche, come la Cina, quella che ora è “India” e Indonesia, sono state occupate, colonizzate e hanno subito la dominazione occidentale per lungo tempo.

E tutto è stato fatto in nome della diffusione della religione, del sistema della civiltà occidentale, “liberando” le persone da se stesse e “civilizzandole”.

Niente è veramente cambiato da allora.

Ad oggi, le persone che vivono in grandi nazioni con migliaia di anni di cultura, di civiltà, sono trattate come neonati; umiliati, e come se fossero ancora all’asilo, gli viene raccontato come comportarsi e come pensare.

A volte, se si “comportano male”, vengono schiaffeggiati. Periodicamente vengono schiaffeggiati così duramente, che ci vogliono decenni, persino secoli, per rimettersi in piedi. La Cina ha impiegato decenni per riprendersi dal periodo di “umiliazione” (la guerra dell’oppio). L’India e l’Indonesia stanno attualmente cercando di riprendersi, dalla barbarie coloniale e, nel caso dell’Indonesia, dal colpo di stato pseudo fascista, gestito dagli Stati Uniti nel 1967 (Suharto). L’India negli anni ’40 subì un genocidio nel Bengala ad opera dei britannici che saccheggiarono le riserve di grano di quel paese riducendo alla fame ed alla carestia milioni di persone, un crimine commesso da Winston Churchill e occultato dalla Storia ufficiale.

Afghanistan- vittime civili

Tuttavia se torni a spulciare fra gli archivi di Londra, Bruxelles o Berlino, tutti i mostruosi atti del colonialismo sono giustificati da termini elevati. Le potenze occidentali sono sempre “in lotta per la giustizia”; sono “illuminanti” e “liberatori”. Nessun rimpianto, nessuna vergogna e nessun secondo pensiero. Gli esportatori di democrazia sono sempre corretti!

Come accade anche adesso; esattamente come avviene in questi giorni.

Attualmente, l’Occidente sta cercando di rovesciare i governi in diversi paesi indipendenti, in vari continenti. Dalla Bolivia (il paese è già stato distrutto con un golpe) al Venezuela, dall’Iraq all’Iran, alla Cina e alla Russia. Più successo ottengono questi paesi, migliore sarà il servizio al loro popolo, più rancorosi saranno gli attacchi dall’estero, più severi saranno gli embarghi e le sanzioni loro imposte. Più felici sono i cittadini, più grottesca diventa la propaganda diffusa dall’Occidente.

A Hong Kong, alcuni giovani, per interesse finanziario o per ignoranza, continuano a gridare: “Presidente Trump, per favore, liberaci!” O slogan simili, ma ugualmente preziosi. Stanno sventolando bandiere statunitensi, britanniche e tedesche. Hanno picchiato persone che cercano di litigare con loro, compresa la loro stessa forza di polizia.

Quindi, possiamo vedere come gli Stati Uniti “liberano” davvero i paesi, in varie aree del mondo.

Visitiamo l’Iran, un paese che (non lo indovinereste mai se si vedono solo i mass media occidentali), nonostante i viziosi embarghi e sanzioni, è sull’orlo della “fascia più alta dell’indice di sviluppo umano” (UNDP). Come è possibile? Semplice. Perché l’Iran è un paese socialista (socialismo con le caratteristiche iraniane). È anche una nazione internazionalista che sta combattendo contro l’imperialismo occidentale. Aiuta molti stati occupati e attaccati sul nostro pianeta, tra cui Venezuela, Cuba, Bolivia (prima), Siria, Yemen, Palestina, Libano, Afghanistan e Iraq, solo per citarne alcuni.

Allora, cosa sta facendo l’Occidente? Sta cercando di rovinarlo, in ogni caso; rovinare ogni buona volontà e progresso. Stanno cercando di far morie di fame l’Iran attraverso sanzioni, blocco finanziario e allo stesso tempo incoraggiano la sua “opposizione”, sobillano disordini esattamente come succede in Cina, in Russia e in paesi dell’America Latina. Gli USA stanno cercando di distruggerlo.

Quindi, le forze USA bombardano il loro convoglio nel vicino Iraq, uccidendo il suo coraggioso comandante, il Generale Soleimani. E, come se non fosse abbastanza orribile, capovolge i tavoli e inizia a minacciare Teheran con più sanzioni, più attacchi e persino con la distruzione dei suoi siti culturali.

L’Iran, sotto attacco, confuso, ha abbattuto, per errore, un aereo passeggeri ucraino. Si è scusato immediatamente, con orrore, offrendo un risarcimento. Il rettilineo americano iniziò a scavare nella ferita. Ha iniziato a provocare (come a Hong Kong) i giovani. Anche l’ambasciatore britannico è stato coinvolto!

Come se l’Iran e il resto del mondo dovessero improvvisamente dimenticare che durante l’attacco all’Iraq, più di 3 decenni fa, Washington in realtà abbatté un aereo passeggeri iraniano a corpo largo (volo Iran Air 655, un Airbus-300), su un volo di routine da Bandar Abbas a Dubai. In un “incidente”, 290 persone, tra cui 66 bambini, persero la vita. Quella fu considerata “garanzia di guerra”.

I leader iraniani non hanno quindi richiesto il “cambio di regime” a Washington. Non stavano pagando per le rivolte a New York o Chicago. Washington non si è mai scusata per quell’episodio, come ha fatto adesso Teheran.

Disastro Iraq a Falluja

Non risulta che la Cina stia facendo nulla del genere, attualmente. Nonostante questo in Occidente si parla costantemente dellla Cina come di un “pericolo”.

La “liberazione” dell’Iraq (in effetti, sanzioni brutali, bombardamenti, invasioni e occupazione) ha causato più di un milione di vite irachene, la maggior parte delle quali donne e bambini. Attualmente l’Iraq è stato saccheggiato, le sue infrastrutture distrutte, fatto a pezzi e in ginocchio.

È questo il tipo di “liberazione” che alcuni giovani di Hong Kong vogliono davvero?

No? Ma se no, c’è qualche altro interpretato dall’Occidente, nella storia moderna?

Washington sta diventando sempre più aggressiva, in tutte le parti del mondo. Inoltre, vuole essere sempre più pagata per la protezione.

Atrocità contro i civili

E non è una cosa leggera iniettare tattiche terroristiche in truppe, organizzazioni e gruppi non governative alleati. Hong Kong non fa eccezione.

L’Iran, l’Iraq, la Siria, la Russia, la Cina, il Venezuela, ma anche molti altri paesi, dovrebbero guardare e analizzare attentamente ogni mossa fatta dagli Stati Uniti. L’Occidente sta perfezionando le tattiche su come liquidare ogni opposizione ai suoi dettami.

Non si chiama ancora una “guerra”. Ma lo è. Le persone stanno morendo. Le vite di milioni di persone vengono rovinate.

*Andre Vltchek è un filosofo, romanziere, regista e giornalista investigativo. Ha coperto guerre e conflitti in dozzine di paesi. Cinque dei suoi ultimi libri sono ” China Belt and Road Initiative: Connecting Countries, Saving Millions of Lives “, ” China and Ecological Cavillation ” con John B. Cobb, Jr., Revolutionary Optimism, Western Nihilism , un romanzo rivoluzionario “Aurora” e un’opera di saggistica politica di successo: “ Exposing Lies Of The Empire ”.

http://www.informationclearinghouse.info/52947.htm

Fonte: Information Clearing House

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti

  • Silvia
    7 Febbraio 2020

    Per essere precisi, I colonialisti inglesi in India hanno fatto anche qualcosa di buono, come per es. vietare il Sati delle vedove. Ora comunque l’India si e’ ripresa molto bene ( a differenza di altri Paesi meno civili, specie africani, che pare non riescano a riprendersi). E’ adesso che l'”Occidente (leggi: gli USA) aggredisce senza esportare nulla di buono.

  • atlas
    7 Febbraio 2020

    l’opposizione alla democrazia è il socialismo

    • seoxseo
      8 Febbraio 2020

      Come fanno i paesi africani a emanciparsi se tutt’oggi sono sotto il tallone degli ameriCani e europoidi? (Esempio Libia)

      • Silvia
        8 Febbraio 2020

        Io mi riferivo soprattutto ai Paesi subsahariani, non alla Libia (che e” stata distrutta da Francesi e americani, noi Italiani non ci opponiamo perche’ siamo anche noi sottomessi)

Inserisci un Commento

*

code