APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

In azione la Guardia Costiera Libica nel recupero migranti. La Aquarius senza bandiera di Panama

La guardia costiera della Libia ha salvato 235 rifugiati in tre operazioni distinte a beve distanza della costa occidentale libica,  al largo delle coste di Khoms e Zuwara, come riferisce un portavoce delle forze navali.

La Libia occidentale è il principale punto di partenza per i rifugiati europei in fuga dalla povertà e dai conflitti, anche se molti annegano nel tentativo. Tutti i migranti sono incentivati a imbarcarsi grazie alla propaganda immigrazionista svolta dalle ONG e dai trafficanti che inviano i loro agenti nei paesi africani per incentivare le partenze verso l’Italia.

Ultimamente anche la parlamentare Emma Bonino (Partito “Più Europa”) ha parlato alle TV arabe affermando che l’Italia ha necessità di accogliere oltre un milione di migranti all’anno.


Indotti da questa propaganda, migliaia di africani si procurano il denaro per pagare i trafficanti, anche indebitando le famiglie, e si mettono in viaggio verso la Libia per poi finire in un campo di sfruttamento in attesa di imbarcarsi. Una grave piaga con sottarazione di risorse umane dai paesi africani denunciata da vari esponenti politici africani che hanno criticato l’atteggiamento europeo.

Bonino chiede più migranti dalle Tv arabe

Soltanto ieri, la guardia costiera libica ha salvato 190 rifugiati a bordo di due imbarcazioni gonfiabili al largo del porto di Khoms, lo ha detto a Reuters il portavoce delle forze navali Ayoub Qassem.

Un gruppo di altri 45 è stato raccolto a bordo di una barca di legno a circa 50 miglia (80 km) da Zuwarah.
In questo gruppo erano incluse 20 donne e due bambini, ha detto la fonte.
La ONG Aquarius aveva sostenuto che, senza la loro opera e delle altre ONG, sarebbero morti in mare centinaia di migranti.

Come sottolinea il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, sulla sua pagina Facebook, proprio ieri la Guardia costiera libica ha salvato e riportato in Libia più di 200 immigrati. Un messaggio secco e diretto del leghista, dopo che ieri le Ong avevano denunciato che sarebbero morte in mare centinaia di persone per la loro assenza.

Radiata dal registro navale di Panama la nave Aquarius

“Per aver disatteso le procedure internazionali in materia di immigrati e rifugiati assistiti al largo delle coste nel Mediterraneo – si legge nella nota – l’amministrazione marittima panamense ha avviato l’iter per annullare d’ufficio la registrazione della nave “Aquarius 2”, ex “Aquarius””. “L’autorità marittima di Panama – riporta ancora la Prensa – ha riferito che la denuncia principale proviene dalle autorità italiane, che hanno riferito che il capitano della nave si è rifiutato di riportare gli immigrati e i rifugiati assistiti al loro luogo di origine”. La nave era registrata a Gibilterra come nave oceanografica.

Questa mossa potrebbe significare che non ci saranno navi delle ONG al largo della costa libica nel prossimo futuro a meno che le navi come la Aquarius non possano trovare una nuova bandiera sotto cui navigare . Potrebbe essere quella della “Open Society” di George Soros, notoriamente il finanziatore occulto (ma non troppo) delle ONG e delle migrazioni verso l’Europa.

Nave Aquarius

Il numero delle partenze è bruscamente diminuito da luglio 2017 quando è stata ristretta la politica di accoglienza in Italia e da quando un gruppo armato ha espulso i trafficanti di esseri umani da un centro di contrabbando dopo un accordo sostenuto dall’Italia.

Tripoli e la Libia occidentale sono gestiti da un governo sostenuto dall’ONU, principalmente sostenuto da gruppi armati jihadisti, mentre la Libia orientale è controllata da un’amministrazione rivale (quella del Generale Haftar) . Il paese è stato lacerato dal conflitto da quando Muammar Gheddafi è stato rovesciato nel 2011 da una operazione militare attuata dalla NATO che ha gettato il paese nel caos.

 

*

code

  1. geometrio 4 settimane fa

    finalmente una immagine chiarificatrice del perche’ gli onorabili africani vengono qui a casa mia.
    Come si permettte che una cittadina italiana, senza alcun ruolo votato dai miei concittadini, si permette
    di fare la voce di una intera nazione? e l italia non puo’ permettere questo affronto gravissimo alle istituzioni
    repubblicane italiane. Spero che chi deve sorvegliare questo aspetto che appartiene solo ai rappresentanti legalmente incaricati,
    incarceri questa usurpatrice.
    Aspetto notizie su questo fronte

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Silvia 4 settimane fa

    Ma i Servizi segreti del nostro o di altri Paesi europei non possono eliminare, discretamente, un po’ di questi personaggi delle ONG? Sarebbe un bene anche per gli Africani.o

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. quarantasette 4 settimane fa

      Se i ‘nostri’ servizi segreti non obbedissero direttamente a quelle forze d’oltre oceano potrebbero farlo. Ma sarebbe come chiedere allo scorpione della favola di Esopo di non pungere la rana. La Bonino è al soldo di Soros. Che altro dobbiamo aggiungere? E’ la prima volta che faccio il tifo per il cancro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Animaligebbia 4 settimane fa

      La straziante e terrificante vicenda de carcere di Rebibbia,di pochi giorni fa,dice molte cose: una donna GEORGIANA con documenti TEDESCHI in carcere in ITALIA,uccide i figli avuti da un NIGERIANO incarcerato in GERMANIA.Evviva il mondialismo e lo sradicamento di interi gruppi etnici,che hanno un’anima,una cultura,delle credenze e dei valori.Il multiculturalismo ha fallito ovunque e in questa ideologia non c’e’ speranza per l’essere umano.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Anonimo 4 settimane fa

    Stamo a riempi er paese de negri. A giungla semo diventati. A giungla!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace