In arrivo mercenari USA per l’Ucraina, arruolati tramite un contractor del Pentagono

Se qualcuno pensava che quello avvenuto nel mar Nero sia stato un incidente casuale accaduto fra le navi ucraine e la guardia di sicurezza russa, i fatti delle ultime ore smentiscono facilmente questa interpretazione e si va manifestando concretamente l’operazione di provocazione  e sobillazione di un conflitto attuata dai servizi di sicurezza ucraina in collaborazione con quelli USA (CIA).

E’ venuto fuori per caso (per una distrazione dei servizi di intelligence”) che l’appaltatore di servizi del Pentagono, denominato “Mission Essential” che lavora quale procacciatore di servizi professionali, ha pubblicato un annuncio per la ricerca di elementi destinati ad una “missione classificata” in Ucraina a supporto delle truppe USA e ucraine.

L’appaltatore fornisce i suoi servizi e serve principalmente clienti di intelligence e militari. Viene individuato con il ruolo ufficiale  come uno dei principali fornitori di servizi di traduzione e interpretariato del governo degli Stati Uniti.
L’annuncio di lavoro preventivo è stato pubblicato il 16 novembre ° e cerca “candidati con conoscenze linguistiche che parlino ucraino o russo per fornire servizi di interpretariato e traduzione in lingua straniera e per sostenere le operazioni di emergenza classificate a sostegno militare degli Stati Uniti in Ucraina.”

Il luogo di lavoro formale è Mykolayiv, in Ucraina. La città portuale è anche significativa, perché è qui che è in costruzione la struttura navale “logistica” degli Stati Uniti . Una base militare USA a ridosso delle frontiere russe .
La pubblicità richiede anche che i candidati siano in grado di adattarsi alla cultura e alle usanze locali, oltre alla “capacità di trattare in modo non appariscente con la popolazione locale, se necessario.” Il che significa semplicemente che l’interprete deve essere in grado di nascondere il fatto che è non un cittadino ucraino, almeno in parte.

Non sorprende che l’individuo debba essere in grado di servire in una zona di combattimento “se necessario”, oltre a essere in grado di “vivere, lavorare e viaggiare in ambienti difficili, includendo la vita e il lavoro in strutture temporanee come impone la missione”.

Considerando le ripetute richieste da parte della leadership statunitense di non coinvolgere gli Stati Uniti nel conflitto in Ucraina, la pubblicazione di posti vacanti è un fallimento della sicurezza operativa di Mission Essential. La maggior parte degli altri posti vacanti pubblicati dalla società sono per analisti e varie posizioni linguistiche e di gestione dei progetti, quasi prevalentemente in diverse strutture militari negli Stati Uniti.

E ‘del tutto possibile che questi specialisti dovrebbero assistere il personale militare degli Stati Uniti dispiegati nella regione delle “zone di combattimento” in Ucraina – cioè Ucraina orientale e, come ci si aspettava fin dal 16 novembre ° – il Mare di Azov.
Questo è un altro elemento che rafforza l’idea che la “provocazione della Russia” nel Mar d’Azov fosse in qualche modo premeditata. Tuttavia, sembra anche che i piani del presidente ucraino Petro Poroshenko dovessero sembrare, almeno in parte, ritorni di fiamme di guerra. Un tentativo riuscito “parzialmente”, perché ha ottenuto di decretare la legge marziale e fare un altro passo nel suo tentativo di posticipare le elezioni nel 2019, quindi “democraticamente” aggrappandosi al potere e non permettendo ai cittadini ucraini di votare e molto probabilmente eleggerà il candidato rivale e favorito alla presidenza, Yulia Tymoshenko.

Procede quindi il piano USA di un intervento militare indiretto, a mezzo mercenari, a supporto del governo , con l’obiettivo di coinvolgre l’Ucraina in un conflitto con la Russia, da far deflagrare e sviluppare per ottenere un allontanamento della Russia dall’Europa ed il varo di nuove sanzioni.
Il gioco funziona con l’Europa che ha subito preso posizione a favore di Kiev, nonostante le bugie di Poroshenko, un alleato che si rivela sempre più “tossico” per l’Europa e che cerca di trascinare i paesi europei in una guerra con la Russia, il vero obiettivo dei neocon di Washington che vogliono impedire a tutti i costi una saldatura dell’Eurasia.

Fonte: South Front

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

6 Commenti

  • atlas
    29 Nov 2018

    bene, mi fa piacere che tutti questi vecchi e nuovi arruolati dai cani trovino una calda morte nel freddo di quelle terre Russe che nessuno è riuscito a conquistare

  • cinaski
    29 Nov 2018

    Andate andate …SPERO CON TUTTO IL CUORE CHE QUESTI INDIVIDUI ARRIVINO A DESTINAZIONE!!!!! PER POI TORNARE IN UN ANONIMA BARA NERA DI PLASTICA,SENZA NEANCHE IL, MINIMO E FORSE PUERILE CONFORTOMA PUR SEMPRE UN CONFORTO!! DI UNA BANDIERA DISTESA ED ADAGIATA SULLA VOSTRA BARA! ..CHE IMMANCABILMENTE VI ACCOGLIERA! CON IN PIÙ L’IGNOMINIA DI ESSERE MORTI ED AVERE UCCISO…PER UN IDEALE?? PER UN CONCETTO?? PER..UNA COSA GIUSTA E SACROSANTA???….MA CHÉ !! ..PER QUALCHE RITAGLIO DI CARTA STRACCIA…. …UOMINI ,UOMINI UN CAZZO!!!…INDIVIDUI MISERABILI IN UN MONDO MISERABILE COME NON MAI….

  • Sed Vaste
    29 Nov 2018

    Forse non lo sapete ma a questa gente a questi mercenariinteressa solo LA grana con un paio di missioni a 30 anni si trovano con dei monumentali gruzzoli che hanno l’imbarazzo per dove e come andarli a spendere ,vanno in pensions a 30 anni , Della religions politica morale valori etica ecc non gliene puo fregar di meno ,conta solo LA grana ,ho parlato con uno di questi che scortava navi mi diceva che con i soldi raggranellati voleva andare a spassarsela in Argentina

  • atlas
    29 Nov 2018

    forse non lo sai, ma quando i Russi gli mutileranno mani e piedi le operazioni ospedaliere in usa se le devono pagare loro e con quello che gli rimane potranno anche scegliere dove comprare casa, ma ad Harlem non credo convenga, piuttosto giusto solo nel bronx

  • Idea3online
    30 Nov 2018

    L’Europa non potrà resistere a Sud con la presenza russa in Libia ed a Est contro le strategie russe in Ucraina. L’Europa non si farà utilizzare come piattaforma di lancio contro Putin. La Grecia cosa farà….e l’Italia seguirà la Grecia……La Grecia e Roma gli anelli deboli dell’Unione Europea. Prossimamente notizie straordinarie prima dello scontro simile alla Media Persia contro Babilonia.

  • Carmine Zaccaria
    30 Nov 2018

    Ringraziamo chi ci ha voluto inviare questo interessante articolo. Il gioco diventa pericoloso. L’ obbiettivo della Nato non riuscì quando tentò più di 10 anni fa di mettere basi militari atomiche in Crimea puntate sulla Federazione Russa. Mancava all’eventuale accordo con l’Ucraina di allora (falsa amica della Russia). solo la parte economica. Volevano sapere quanto l’Italia percepiva per la presenza di Basi sul suo territorio per fare ilk prezzo con il governo ucraino. Si rivolsero a persone sbagliate amiche della Russia. Porsero tempo e non ci riuscirono i Servizi ucraini. Furono stupidi. Chi ha orecchie per intendere intenda. Può trovare riscontri! Invitiamo le persone che hanno scritto in questa pagina a contattaci. stamparussa@virgilio.it

Inserisci un Commento

*

code