Impostore? Secondo quanto riferito, “decine di ufficiali della NATO” sono stati uccisi in un “attacco terrificante”

di Bruno Bertez

Ovviamente non è verificabile. Prendilo come lo prendo io, con le pinzette.

Secondo Pronews , ” dozzine di ufficiali della NATO ” sono stati uccisi in un ” attacco terrificante ” da un missile Mach 12.

Con ogni probabilità, stiamo parlando della distruzione del “quartier generale ombra” della NATO in Ucraina.

Il bunker sotterraneo segreto, costruito a una profondità di 400 piedi (120 metri), ospitava diversi ufficiali e consiglieri della NATO (in pensione). In totale, più di 300 persone.

Ad oggi, secondo il portale, dalle macerie della sede sotterranea sono state estratte 40 persone, ma la maggior parte di coloro che sono morti sotto le macerie sono ancora da ritrovare…

Le dichiarazioni dei funzionari ucraini non dicono nulla sull’attacco al bunker della NATO e sulla morte dei militari occidentali. Tuttavia, nell’opinione pubblica ucraina circolano informazioni secondo cui il 9 marzo una delegazione dello stato maggiore dell’Ucraina ha visitato l’ambasciata americana a Kiev, come si presume, per trasferire gli elenchi degli americani morti durante l’attacco.

” L’uso di missili ipersonici ha accresciuto l’ansia degli Stati Uniti e ha dimostrato che la Russia ha un’arma con capacità nucleare difficile da intercettare “, ha affermato il Washington Post . Gli Stati Uniti non sono ancora stati in grado di sviluppare i propri missili con caratteristiche simili, il che rende i paesi occidentali ancora più vulnerabili, hanno concluso gli autori dell’articolo.

In effetti, l’attacco ha colpito i centri di controllo e pianificazione nei bunker, nonché le stazioni di difesa aerea/radar. Si registrano pesanti perdite di ufficiali, compresi gli americani. Sembra che il delegato della NATO ‘Shadow Staff’ ne abbia avuto un bel po’ ”, scrivono gli autori di Military Materials .

Sono noti anche i colpi sui sistemi di difesa aerea IRIS e NASAMS, che erano alimentati da missili fittizi e furono distrutti dagli X-men inseguitori.

Quasi immediatamente, i siti pubblici che pubblicavano queste informazioni sono stati bloccati.

fonte: Bruno Bertez

Traduzione. Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM