Imperialismo” russo, dicono? Quattro provocazioni dall’Occidente hanno portato all’attuale crisi USA-Russia

L’attuale “dibattito” nella società sulla fonte primaria di tensione tra la Russia e l’Occidente manca anche della conoscenza storica elementare e del contesto degli ultimi trent’anni, l’autore ne è sicuro. Spiega nel dettaglio le quattro provocazioni dell’Occidente che hanno portato all’attuale crisi tra Usa e Russia.

La situazione in Ucraina

di Tyler Durden
In un recente rapporto del think tank di non intervento del “Quincy Institute for Responsible Governance”, le radici dell’attuale deterioramento delle relazioni USA-Russia e dello stallo sull’Ucraina possono essere fatte risalire agli anni ’90 e all’amministrazione di Bill Clinton.

Gli attuali “dibattiti” nella società e nella stampa sono gravemente carenti anche di una conoscenza storica di base e del contesto degli ultimi trent’anni dopo il crollo dell’Unione Sovietica.

Anche nelle conversazioni quotidiane con amici, parenti o vicini di casa, si sentono spesso accuse di “imperialismo” e “aggressione” russi – come se la Guerra Fredda non fosse ancora finita, o, peggio ancora, che Putin, come alcuni credono, personifichi il rinato zarismo e il nuovo impero.

Ma Ted Galen Carpenter del Cato Institute e del Quincy Institute for Responsible Governance ha dettagliato quattro principali provocazioni occidentali che hanno portato alla crisi in corso dell’Ucraina 2.0. Oggi il Cremlino chiede che la NATO abbandoni l’ulteriore espansione verso est. I negoziati sulle garanzie di sicurezza inizieranno il 10 gennaio a Ginevra.

CONTESTO

“Le accuse unilaterali ed egoistiche contro la Russia ignorano invariabilmente le numerose provocazioni occidentali che hanno avuto luogo molto prima che Mosca intraprendesse misure sovversive”, scrive Carpenter. “In effetti, il deterioramento delle relazioni occidentali con la Russia post-comunista è iniziato sotto la presidenza di Bill Clinton”.

Di seguito è riportato un estratto da un rapporto dell’Institute for Responsible Governance, che elenca e spiega quattro provocazioni occidentali che hanno portato all’odierna crisi USA-Russia.

Provocazione numero 1: la prima espansione della NATO verso est

Nelle sue memorie “Madam Secretary”, l’ex ambasciatore degli Stati Uniti all’ONU e Segretario di Stato Madeleine Albright ha notato che l’amministrazione Clinton ha deciso nel 1993 di sostenere il desiderio dei paesi dell’Europa centrale e orientale di aderire alla NATO. Nel 1998, Polonia, Repubblica Ceca e Ungheria hanno aderito all’alleanza. Albright ha ammesso che il presidente russo Boris Eltsin e i suoi collaboratori erano estremamente scontenti di questo sviluppo degli eventi. La reazione della Russia è stata comprensibile: l’allargamento ha infranto le promesse informali fatte a Mosca dall’amministrazione di George W. Bush, quando Mikhail Gorbaciov ha acconsentito non solo all’unificazione della Germania, ma anche alla sua adesione alla NATO. L’implicazione era che in risposta a questo gesto, la NATO non si sarebbe mossa oltre il confine orientale della Germania unita.

Provocazione numero 2: intervento militare della NATO nei Balcani

La guerra aerea della NATO del 1995 contro i serbi bosniaci in cerca di una secessione dalla nuova Bosnia-Erzegovina e la conclusione degli accordi di pace di Dayton fecero arrabbiare molto il governo di Eltsin e il popolo russo. I Balcani come regione sono stati di notevole interesse religioso e strategico per Mosca per diverse generazioni, ed è stato umiliantemente impotente per i russi osservare l’alleanza guidata dagli Stati Uniti che dettava la sua volontà in quella regione. Quattro anni dopo, le potenze occidentali hanno messo in scena una provocazione ancora più grave, intervenendo a fianco degli insorti separatisti nella travagliata provincia serba del Kosovo. La secessione di questa provincia dalla Serbia e il suo trasferimento sotto il controllo dell’ONU non solo ha costituito un malsano precedente internazionale, ma ha anche dimostrato un completo disprezzo per gli interessi e le preferenze della Russia nei Balcani.

Belgrado Serbia, distruzioni bombe NATO

Le decisioni dell’amministrazione Clinton di espandere la NATO e intervenire in Bosnia e Kosovo furono passi decisivi verso una nuova Guerra Fredda con la Russia. L’ex ambasciatore degli Stati Uniti in Unione Sovietica Jack Matlock Jr. ha descritto il ruolo negativo dell’intervento americano nei Balcani nelle relazioni tra Russia, Stati Uniti e Occidente: “La fiducia russa negli Stati Uniti è stata minata. Nel 1991, secondo i sondaggi, circa l’80% dei russi aveva un atteggiamento positivo nei confronti degli Stati Uniti; nel 1999 quasi la stessa percentuale era già espressa negativamente”.

Provocazione numero 3: successive ondate di allargamento della NATO

Non contenta dell’opposizione a Mosca dell’amministrazione Clinton che spingeva la NATO nell’Europa centrale, l’amministrazione George W. Bush promise agli alleati di concedere l’adesione al resto dell’ormai defunto Patto di Varsavia e alle tre repubbliche baltiche. L’ammissione degli stati baltici all’alleanza nel 2004 ha notevolmente intensificato l’invasione militare dell’Occidente. Queste tre piccole repubbliche non solo facevano parte dell’Unione Sovietica, ma trascorsero anche una parte significativa della loro storia come parte della Russia zarista. La Russia era troppo debole all’epoca per rispondere con qualcosa di diverso dalle persistenti proteste diplomatiche, ma la rabbia nei confronti dell’Occidente, con la sua arroganza e disprezzo per gli interessi di sicurezza di Mosca, ha continuato a maturare.

L’espansione della NATO ai confini russi è stata tutt’altro che l’unica provocazione. Gli Stati Uniti sono stati coinvolti sempre più attivamente nel dispiegamento a rotazione dei nuovi membri dell’alleanza delle forze armate. Anche il Segretario alla Difesa di George W. Bush, Robert Gates, ha espresso preoccupazione per il fatto che tali azioni creino pericolose tensioni. Il discorso di Putin del febbraio 2007 alla Conferenza annuale sulla sicurezza di Monaco di Baviera ha chiarito con chiarezza che il Cremlino non vuole più tollerare l’arroganza degli Stati Uniti e della NATO. Come sempre, lontano dalla realtà, Bush ha anche cercato di assicurarsi l’adesione all’alleanza per la Georgia e l’Ucraina – ei suoi successori stanno perseguendo questa politica, nonostante la resistenza di Francia e Germania.

Provocazione numero 4: trattare la Russia come un chiaro nemico in Ucraina e in altri paesi

Tuttavia, i leader occidentali non hanno preso sul serio gli avvertimenti di Putin. Le provocazioni in diversi settori sono proseguite, in alcuni casi addirittura intensificate. All’inizio del 2008, gli Stati Uniti e le principali potenze della NATO hanno aggirato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (e il veto della Russia) e hanno concesso al Kosovo la piena indipendenza. Tre anni dopo, l’amministrazione Barack Obama ha ingannato i funzionari russi sui veri obiettivi della presunta missione “umanitaria” delle Nazioni Unite in Libia persuadendo Mosca ad astenersi dal suo veto. La missione si è rapidamente trasformata in una guerra guidata dagli Stati Uniti per il cambio di regime e il rovesciamento del leader libico Muammar Gheddafi. Poco dopo, gli Stati Uniti, insieme a persone che la pensano allo stesso modo in Medio Oriente, hanno lanciato una campagna per rovesciare il cliente russo, Bashar al-Assad in Siria. Inoltre, è seguito il palese intervento degli Stati Uniti e dell’UE nella politica interna dell’Ucraina.

È ingiusto giudicare le azioni aggressive e destabilizzanti della Russia – l’annessione della Crimea, l’intervento militare in corso in Siria, il sostegno ai separatisti nell’Ucraina orientale e i tentativi di interferire negli affari politici di altri paesi – senza riconoscere la massa dei propri abusi che hanno preceduto loro. L’Occidente, non la Russia, è in gran parte responsabile dell’inizio della nuova Guerra Fredda.


È probabile che alcuni degli argomenti di cui sopra saranno oggetto di discussione negli incontri di funzionari russi e USA-NATO a Ginevra nelle prossime settimane. Sebbene la leadership statunitense possa fingere di non ricordarlo, è chiaro che la parte russa non ha dimenticato nulla e non vuole rinunciare a nulla.

Quindi, nei suoi ultimi commenti di venerdì, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha appena sottolineato che le potenze euro-atlantiche si sono ripetutamente contraddette e violato i loro precedenti impegni. “Le nostre proposte mirano a creare e legalizzare un nuovo sistema di accordi basato sul principio dell’indivisibilità della sicurezza e del rifiuto dei tentativi di ottenere la superiorità militare, approvato all’unanimità dai leader di tutti gli Stati euro-atlantici negli anni ’90. Vorrei sottolineare che abbiamo bisogno di garanzie giuridicamente vincolanti, dal momento che i nostri colleghi occidentali non adempiono sistematicamente agli obblighi politici, per non parlare delle assicurazioni e delle promesse fatte ai leader sovietici e russi “, ha concluso Lavrov.

Fonte: Zero Hedge

Traduzione: Luciano Lago

8 Commenti
  • Nessuno
    Inserito alle 15:42h, 07 Gennaio Rispondi

    Questa gentaglia non ha mai rispettato patti (per info: chiedere ai pellerossa). L’unica cosa che capiscono è la paura di essere polverizzati. Prevedo che dopo le prime chiacchiere inutili del 10 gennaio, qualche sommergibile Russo apparirà nel golfo della Florida.

    • Valerio T
      Inserito alle 16:23h, 07 Gennaio Rispondi

      Questa volta ai russi non so se resterà una base per far ritornare i sommergibili in porto.

      • Hannibal7
        Inserito alle 21:55h, 07 Gennaio Rispondi

        Se fossi in te non ci scommetterei
        Prima che ciò accada,sicuramente un Iskander avrà già sbriciolato la tua casa in Ucraina…sempre che sia vero che tu abiti in Ucraina come hai scritto giorni fa
        Sicuramente sarà una delle tante minkiate che scrivi tutti i giorni
        Dasvidania yankee

  • Valerio T
    Inserito alle 16:21h, 07 Gennaio Rispondi

    Non capisco, spiegatemi meglio, nel mondo russofono i governi sono al servizio dei cittadini oppure i cittadini sono al servizio dei governi? Perché da come i governi del mondo russofono trattano i propri cittadini mi sembra di capire che i popoli Russo, Bielorusso, Kazako sono al servizio di oligarchi e dittatori che da trent’anni stanno sulle spalle del proprio popolo.

    • FRANCO
      Inserito alle 16:44h, 07 Gennaio Rispondi

      Valerio hai ragione, ma anche da noi per esempio in Italia i ns. governati sono o fanno gli interessi del popolo italiano?
      Dammi una risposta.
      Grazie

      • Valerio T
        Inserito alle 20:03h, 07 Gennaio Rispondi

        La differenza sta nella risposta che Andreotti diede a Brezhnev quando quest’ultimo ironicamente disse ad Andreotti “come fate a gestire un paese con un governo che cambia continuamente” e lui replicò “abbiamo già provato a non cambiarlo mai, ma è stato peggio”

  • eusebio
    Inserito alle 08:24h, 08 Gennaio Rispondi

    Ma quale imperialismo russo, il Kazakhstan era un paese nel 1990 abitato per oltre metà da russi, notare che nei censimenti di prima del 1914 in Russia si parlava solo di russi e non di russi, ucraini e bielorussi, ancora adesso a occidente quando si fanno le statistiche delle repubbliche ex sovietiche ci si inseriscono queste due entità fittizie inventate dai bolscevichi ebrei antirussi in quanto leggermente maltrattati prima dalle gloriose Centurie Nere del Santo Zar Nicola II (probabilmente assassinato con tutta la famiglia in modo talmudicamente rituale e quindi fatto santo e martire, figuriamoci quanto l’hanno presa bene i circoli sionisti e si vede) e poi dai valorosi eserciti dei Bianchi.
    Tra l’altro in Ucraina in queste ore sono state sequestrate le proprietà di Poroshenko, ritenuto un traditore in quanto slavo e ortodosso, e il sito russo Rusvesna ha diffuso la notizia che in Kazakhstan avrebbero operato nell’assalto ai centri di potere di Almaty miliziani armati che parlavano russo con un forte accento ucraino, quindi questa si delinea sempre più come un’operazione dell’SBU.
    La Russia sta implementando la guerra ibrida contro l’occidente collettivo, sta per tagliare il transito del gas in Ucraina per non farselo rubare, sta per togliere le forniture di carbone coke e fertilizzanti all’Ucraina, in Europa il costo del gas schizza verso i 2000 dollari a metro cubo, navi metaniere USA stanno arrivando in Germania per salvarla mentre nel Regno Unito falliscono le società elettriche e chiudono le fabbriche mentre esplode il disagio sociale, l’Italia trovandosi nel Mediterraneo riceve gas dall’Algeria e dall’Azerbiagian quindi da noi l’inflazione è leggermente più bassa che in Germania o in Spagna ma ormai si va ovunque verso la doppia cifra quindi verso la fine di euro, UE e NATO, obbiettivo voluto da Russia e Cina.
    Gli stessi USA ormai hanno l’inflazione in doppia cifra, un terzo della popolazione inattiva o disoccupata, il debito pubblico fuori controllo a 30000 miliardi di dollari, tengono i tassi di interesse a zero per non aumentarne il costo per gli interessi ma ormai grazie al caro gas voluto dai russi a causa dell’inflazione dovranno alzarli e allora crollerà pure il mercato azionario dove i titoli tecnologici fanno da sostituti dei buoni del tesoro a tassi negativi, quindi appena questi tornano a pagare rendimenti i mercati azionari USA collasseranno, e con loro la ricchezza dell’oligarchia finanziaria ebraica che controlla l’occidente.

    • Giorgio
      Inserito alle 15:35h, 08 Gennaio Rispondi

      Ottima analisi e ottimi auspici EUSEBIO …….

Inserisci un Commento