Ilaria Bifarini presenta il suo nuovo libro

Dopo Neoliberismo e manipolazione di massa, “Storia di una bocconiana redenta” (2017), da cui tutto ha avuto inizio, e il secondo libro della Bifarini, “I coloni dell’austerity” (2018), che analizza la storia economica dell’Africa post coloniale rilevando l’evidente parallelismo con quella attuale dell’UE, Ilaria Bifarini è arrivata infine a una sintesi che raccoglie e rielabora le precedenti analisi condotte.
“INGANNI ECONOMICI”, Quello che i bocconiani non vi dicono è un’opera di denuncia del modello unico economico che, con la sua arroganza e presunzione di scientificità, ci tiene assoggettati.

Una soggezione economica, politica e soprattutto ideologica da parte di un paradigma ingannevole, basato su miti infondati, smentiti sia dalla teoria che dalla realtà, che utilizza leve psicologiche e questioni morali per far presa sull’opinione pubblica. Così, temi prettamente economici -in primis quello del debito pubblico – vengono trattati come aspetti etico-morali, costruendo una narrazione colpevolizzante che trova nella sofferenza inflitta alle popolazioni attraverso l’austerità la giusta punizione.
La crisi del 2008, nata negli USA, è divenuta cronica in un’Eurozona privata degli strumenti necessari per reagire agli shock esterni e aggravata dalle folli quanto fantasiose misure di “austerity espansiva”, un controsenso non sono lessicale, ma logico e pratico.
Sono esattamente questi gli inganni economici, delle teorie fallaci e altamente deleterie per il benessere e lo sviluppo dei Paesi, che hanno conquistato la mente di economisti, politici e decision maker, attraverso una propaganda capillare dei media e l’utilizzo di espedienti psicologici molto persuasivi.

Dall’austerity espansiva alla riforme strutturali aventi presunte proprietà taumaturgiche, dall’irreversibilità della moneta unica alla demonizzazione dello Stato sociale, questo libro smonta uno a uno i principali inganni economici di cui siamo tutti vittime ignare, come documenta l’autrice.
Questo perché le soluzioni per uscire da questa spaventosa crisi, la Grande Recessione dei nostri tempi, ci sono e possono essere attuate. Quello che manca è la volontà di attuarle e la consapevolezza, oltre a una massiccia dose di coraggio per cambiare.

Fonte: Ilaria Bifarini.com

1 commento

  • Edoardo Bettazzi
    13 Giugno 2019

    Allora da leggere ! Ora e sempre Resistenza ai bankers sionisti massoni usurai ✊✊

Inserisci un Commento

*

code