Il trionfalismo occidentale ha oscurato il pensiero razionale

di MK Bhadrakumar .

La narrativa delirante occidentale è il risultato di un colossale fallimento dell’intelligence della strategia militare e delle intenzioni politiche russe.

La narrativa occidentale, insieme alla censura dei media che non aveva precedenti nemmeno al culmine della Guerra Fredda, ha soppresso o bloccato la segnalazione oggettiva degli eventi. È stata accompagnata da una guerra di informazioni implacabile. Ciò ha creato una schiacciante impressione fin dall’inizio del conflitto ucraino che la Russia fosse destinata a fallire nelle sue operazioni militari speciali.

La speculazione turbinava sul fatto che ci sarebbe stato inevitabilmente un cambio di regime in Russia poiché la disaffezione popolare si sarebbe riverberata in modo esplosivo contro i governanti di fronte all’impegno del paese in una guerra velenosa che sta distruggendo la vita delle persone e rovinando l’economia.

Tale delirante racconto occidentale è il risultato di un colossale fallimento dei servizi di intelligence in Occidente per quanto riguarda la strategia militare e le intenzioni politiche russe.

A marzo, quando le forze russe si sono ritirate da Kiev e dalle aree settentrionali con un’abile manovra, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha fatto un giro d’onore in Polonia e ha proclamato la caduta del presidente russo Vladimir Putin.

Tuttavia, in realtà, il conflitto aveva raggiunto un punto critico, ma era in un modo del tutto diverso da quello che gli occidentali si aspettavano. Che la Russia non potesse permettersi di perdere la guerra o che la sua capacità di sostenere una lunga guerra non fosse mai stata messa in dubbio non gli venne mai in mente. Questo è un confronto esistenziale per la Russia, mentre per Stati Uniti e NATO è solo la fine di un complotto militare pianificato ed eseguito dal 2014 per indebolire la Russia. Questo è stato recentemente francamente ammesso dal segretario generale dell’alleanza, Jens Stoltenberg.

Un paese può sopravvivere alle battute d’arresto geopolitiche e continuare a progredire, come ha fatto la Federazione Russa. Ma una sconfitta da parte di Napoleone o di Hitler avrebbe significato un diverso corso della storia per la Russia. Questo è il nocciolo del problema nel conflitto ucraino, da un punto di vista storico. La Russia sta combattendo una lotta esistenziale come ha fatto in passato.

Il trionfalismo della narrativa occidentale ha oscurato ogni pensiero razionale. In realtà la scelta razionale degli Stati Uniti sarebbe stata quella di porre fine al conflitto, quando le delegazioni di Ucraina e Russia si sono incontrate a Istanbul e hanno elaborato un accordo (di fatto siglato), che rispondeva alle aspettative di Mosca in quel momento; accordo che prevede alla base la smilitarizzazione dell’Ucraina, lo statuto neutrale ed il riconoscimento delle due repubbliche separatiste del Donbass con i confini amministrativi dominanti ed il riconoscimento della Crimea come parte integrante della Russia.

Sarebbe stato un insediamento con cui Washington avrebbe potuto convivere, ma invece, inebriata dai pensieri esaltanti di infliggere una schiacciante sconfitta alla Russia e forzare il cambio di regime al Cremlino, l’amministrazione Biden ha frenato il regime fantoccio a Kiev e fatto affondare il Patto di Istanbul .

Il conflitto è poi passato alla fase successiva, che ha portato alla vittoria russa a Mariupol e al controllo del Mar d’Azov; e il lancio dell’offensiva per riportare le forze ucraine ai confini amministrativi del Donbass, come esistevano prima del colpo di stato di Kiev del 2014.

Con le ultime vittorie nell’agglomerato Severodonetsk-Lysychansk e l’imminente attacco a Slaviansk e Kramatorsk, l’ultima linea difensiva delle forze ucraine in tutta la regione nelle prossime settimane, sta emergendo un nuovo punto di svolta.

Forze NATO

Il conflitto minaccia di offuscare la credibilità dell’amministrazione Biden e la reputazione della NATO.

Logicamente, Washington dovrebbe cogliere questo punto di svolta e cambiare la sua intera strategia. Ma è altamente improbabile che lo farà.

In primo luogo, l’amministrazione Biden teme che la situazione emergente esponga i limiti del potere americano a un pubblico globale; che una Russia in ripresa raddoppi il suo prestigio geopolitico e che la marea a favore di un mondo multipolare diventi irreversibile. Tutto questo sullo sfondo dell’inesorabile ascesa della Cina come superpotenza numero uno.

In secondo luogo, sono emerse crepe nell’alleanza occidentale con l’inizio della stanchezza della guerra, mentre le economie europee scivolano in recessione, grazie al contraccolpo delle sanzioni contro la Russia, mentre, d’altra parte, la Russia si stabilisce in una “nuova normalità”. Ciò avrà serie implicazioni future per la leadership transatlantica degli Stati Uniti e avrà un impatto sulla politica europea.

Terzo, c’è un alto rischio che il terreno sotto i piedi angloamericani in Ucraina si muova improvvisamente. Oltre ai termini del defunto Patto di Istanbul, la Russia può ora chiedere non solo il riconoscimento dei confini amministrativi del Donbass nel 2014, ma anche un corridoio terrestre inattaccabile che colleghi la Crimea all’entroterra russo attraverso l’integrazione di un’ampia banda a nord della Crimea, tra cui Kherson e forse Zoporozhia.

La Russia chiederebbe anche l’abrogazione delle sanzioni occidentali.

Chiaramente, il regime di Kiev crollerebbe se accettasse tali termini di resa. D’altra parte, anche l’intera agenda dietro il colpo di stato della CIA del 2014 in Ucraina crollerebbe.

Per Biden, che è stato intimamente associato al colpo di stato del 2014 come scagnozzo del presidente Obama nel pozzo nero della politica ucraina, ciò causerebbe grande disagio politico e annullerebbe persino la sua candidatura per la rielezione nel 2024. Ha abbastanza perché i demoni della soffitta si avvicinino al scale, soprattutto perché tutto venga alla luce sull’attività multimilionaria di suo figlio con i laboratori biologici in Ucraina.

Biden sembra anche propenso a lasciare passare l’incombente punto di svolta e continuare sulla traiettoria attuale. Questo è ciò che si aspettano i vari gruppi di interesse e profittatori di guerra negli Stati Uniti e all’interno del regime ucraino.

A dire il vero, gli incentivi per andare avanti sono abbondanti e succosi quando un avanzato sistema di artiglieria occidentale costa milioni di dollari colpisce il mercato nero ucraino per $ 120.000! Incapace di capirlo, la comunità globale potrebbe dover aspettare il prossimo punto di svolta in autunno.

MK Bhadrakumar

Fonte: The Tribune

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM