Il test di resilienza al covidismo di stato


di Sebastian Renault.

Il vantaggio dei dittatori è quello di favorire un regolare aggiornamento della salute mentale dei popoli che vittimizzano, contribuendo così, loro malgrado, al risveglio della coscienza delle loro vittime e alla riappropriazione dei principi morali che sempre presiedono all’individuo e costruzione sociale di esseri razionali e liberi. Macron, Draghi e altri non fanno eccezione, dobbiamo ringraziarli.

La società in cui viviamo da decenni era matura per una presa di potere dittatoriale delle menti molto prima dell’emergere del grande inganno di stato del covid. Lucidità e onestà intellettuale ci costringono a riconoscerlo.

I principali criminali, nuovi dittatori con licenza al soldo dell’ideologia globalista e ai quali noi stessi abbiamo dato il potere, sono diventati sempre più potenti, senza incontrare alcuna notevole opposizione, a causa della nostra stessa codardia e complicità. rispetto a un sistema fraudolento e marcio fino al midollo. Il problema di fondo quindi non nasce solo dai criminali che stanno dietro al “Big Reset”, ma dalla nostra stessa assuefazione , almeno fino a poco tempo fa.

In un primo momento, la mente sanamente scettica, di fronte ai truffatori politico-mediatici responsabili del discorso dogmatico ufficiale, si è sviluppata sul terreno nocivo e contagioso della paura, e abbiamo visto riprendere l’inganno.

Di qui la rilevanza dell’analogia del campo e del virus , che si basa sulla differenza di paradigmi fondamentali per lo studio delle malattie infettive, paradigma dell’origine interna della malattia da un lato; paradigma canonico della sua origine estrinseca attraverso i microrganismi dall’altro. Alla luce di quanto accade ormai da un anno e mezzo, si può affermare che se le popolazioni, analoghe del campo , non fossero prede così facili, allora le élite e l’impero GAFAM, analoghi del virus , potrebbero non così facilmente infettarli.

Il passaggio fondamentale tra la percezione e la realtà di quella che è stata chiamata, dall’inizio del 2020, la “pandemia di Covid-19”, continua a rendere possibile questo fenomeno psicoculturale che abbiamo chiamato, fin dai primi mesi di attenzione alla salute monomaniaca e auto- securitarismo alienante, COVID-ismo .

Il covidismo fa rima con il travestimento spudorato della scienza. Fa anche rima con l’igienismo scientifico – che ovviamente non è scienza (la scienza non è fanatica, come lo sono, al contrario, l’igienismo e lo scientismo). Fa ancora rima con collaboratore codardo, che sa sempre presentarsi sotto arie di superiorità virtuosa e illuminata. Fa rima, inoltre, con ridefinizione della salute per fantasmagorica assenza di influenza virale (soprattutto del coronavirus), colpa degli innocenti, interventismo statale, obbligo vaccinale, effeminatezza della società, nuovo oscurantismo, eclissi della ragione, assurda dogmatizzazione della sanità ,…

In questi mesi, tutti coloro che con coraggio si sono prodigati per mettere in guardia le popolazioni sia dai pericoli delle iniezioni in fase sperimentale (quando esistono già, come tutti sappiamo, farmaci efficaci per curare i pazienti contagiati da SARS-CoV- 2) e contro l’inganno della loro efficacia nello sconfiggere il virus, sono stati censurati e ridicolizzati come cospiratori e propagatori di disinformazione.

Dopo la prescrizione di trattamenti come l’idrossiclorochina e ivermectina (che avrebbe potuto salvare centinaia di migliaia di vite), la pratica abolizione del giuramento di Ippocrate e di quello del consenso informato, ecco la canonizzazione del “vaccino” globalista sotto autorizzazione all’immissione in commercio condizionata… Altrettanti fatti ampiamente documentati e scandalosi che servire, a suo tempo, per il giudizio della storia.

Nel frattempo, cosa ci raccontano oggi i fatti del fenomeno politico e sanitario Covid? Alla fine dell’estate 2021, la crescente contagiosità di persone completamente “vaccinate” parla da sé. Dopo le ondate di latrati accusatori da parte dei vari portabandiera di inflessibile autoritarismo sanitario contro i malati di peste non vaccinati, un ritorno alla realtà perfettamente prevedibile: il fenomeno della trasmissibilità aggravata del virus, in queste ultime settimane d’estate, è principalmente vettorizzato dai vaccinati infetti.

Applicando un ragionamento del tutto covidistico a questa situazione di fatto, bisognerà quindi dire che sono proprio questi nuovi vettori vaccinati a rappresentare oggi la principale minaccia per la salute pubblica. Lo confermano anche i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), che di recente li hanno identificati come “super-diffusori” di nuove “varianti” di SARS-CoV-2.3

Il 30 luglio, il CDC ha pubblicato un rapporto investigativo che documenta nuovi focolai di infezione probabilmente condizionati a grandi assembramenti pubblici (dove si presume si verifichi il cosiddetto fenomeno di “super-diffusione”. Il documento inizia ammettendo quanto segue :

“[…] Circa tre quarti (346; 74%) dei casi si sono verificati in persone completamente vaccinate (coloro che avevano completato un trattamento di 2 dosi di vaccino RNA messaggero [Pfizer-BioNTech o Moderna] o avevano ricevuto solo (un singolo dose di vaccino Janssen [Johnson & Johnson] ≥14 giorni prima dell’esposizione). […] Complessivamente, 274 (79%) pazienti vaccinati con infezione emergente erano sintomatici. Tra i cinque pazienti con malattia da COVID-19 che hanno dovuto essere ricoverati, quattro erano completamente vaccinati…”

Gli sforzi compiuti dalla lobby vaccinale assolutista per inoculare il maggior numero possibile di persone durante una pandemia difficilmente definibile come tale (alla luce del tasso di incidenza stimato dei casi di SARS-CoV).2 in Francia oggi e la specificazione francese della soglia epidemica per le sindromi influenzali ), finiscono sempre per dare luogo a mutazioni virali che nessun vaccino, nemmeno nel vero senso del termine, può controllare efficacemente. Ancora meno “vaccini” la cui efficacia e sicurezza a lungo termine non sono ancora state testate (poiché occorrono anni di senno di poi per giungere a conclusioni convincenti), se non sulle popolazioni stesse…

La sconfitta da parte dei fatti dell’assoluta religione covidico-vaccino
Giocando come sempre sulla paura e sui sentimenti, il governo e i suoi soliti intermediari mediatici hanno continuato a spingere a tutti i costi la strategia del radicalismo vaccinale come soluzione consacrata, nella loro mistificante narratività, dalla sua “efficacia”. Gli incompetenti al potere, nella loro avanzata follia covidica, hanno così perseverato nell’incompetenza e nell’arroganza che li hanno caratterizzati dall’inizio della crisi, dimenticando che la stessa Oms ha più volte sottolineato che la “vaccinazione” non rimuove il virus.

I media hanno fatto i gargarismi per tutta l’estate con lo slogan flagellante di “pandemia dei non vaccinati”. Implicito, nella loro narrativa mistificante e deprimente: le persone che non hanno ricevuto l’iniezione globalista sperimentale costituiscono la maggioranza delle persone ricoverate e dei decessi dovuti alla diffusione della “variante delta”. Una bugia spudorata!

Si tratta sempre degli stessi metodi di intimidazione da parte dei detentori della buona coscienza estremista di scienziato e umanitario. Per loro tutte le falsità sono giustificate, poiché il fondamentalismo della loro proposta, “a parte il vaccino, lo slogan di “nessuna salvezza” se non con il vaccino, non poteva subire il dubbio di persone sufficientemente illuminate. Sono quindi leciti tutti i mezzi, compresa la violazione delle libertà fondamentali, la diffusione di notizie false e la promozione discriminatoria, anche se si adoperano a favore di tutto ciò che è “antidiscriminatorio” – obbliga la decenza politica (non si noti qui la contraddizione , anche se ovvio, perché anch’esso “giustificato”).

In effetti, il numero di casi positivi nelle persone che hanno ricevuto una o più dosi dell’iniezione sperimentale è in costante aumento da metà luglio, come evidenziato in particolare dai dati di sanità pubblica provenienti da oltre Manica, da Israele e dall’Islanda.

Al 21 agosto, il 62% dei pazienti ospedalieri britannici di età superiore ai 50 anni aveva ricevuto due dosi dell’iniezione sperimentale di AstraZeneca-Oxford, rispetto al 13% che ne aveva ricevuto solo una. In totale, le persone “parzialmente” o “completamente” vaccinate hanno quindi rappresentato il 75% dei nuovi ricoveri d’Oltremanica.

Lo stesso vale per le persone che purtroppo sono morte. Nel gruppo di età superiore ai 50 anni, la netta maggioranza dei pazienti (70%) aveva ricevuto una o due dosi del composto vettore adenovirus AstraZeneca-Oxford.

Non è noto se gli ospedali britannici designino ancora come “paziente Covid” chiunque sia stato ricoverato e il cui test PCR sia dichiarato “positivo”. Se così fosse (come è, soprattutto in molte strutture negli Stati Uniti), le persone con condizioni senza sintomi di SARS-CoV-2 potrebbero essere indebitamente contate nella categoria dei “pazienti non” vaccinati “(storia di mantenere il più a lungo possibile lo status quo narrativo).

In Israele, dove l’adozione dell’iniezione sperimentale è stata molto alta a causa delle restrizioni draconiane alla libertà imposte a chi non vi si sottomette, i dati mostrano che le persone che hanno ricevuto almeno due dosi del cocktail globalista sono 6-7 volte più probabilità di essere infettati rispetto alle persone con immunità naturale.7

Il famoso laboratorio israeliano a grandezza naturale non intende fermarsi qui, dal momento che più di un milione di suoi cittadini dai 50 anni in su ha già ricevuto un terzo promemoria dell’iniezione di RNA messaggero architettata da Pfizer-BioNtech. Tuttavia, i nuovi casi di contaminazione stanno aumentando a un ritmo crescente.

Secondo Uri Shalit, bioinformatico del Technion (Israel Institute of Technology):

Ci sono così tante infezioni emergenti che sono prevalenti e la maggior parte dei pazienti ospedalieri è infatti vaccinata “.

Dvir Aran, un esperto di dati biomedici anche al Technion, avverte altre nazioni tentate di ispirarsi al catastrofico modello israeliano:
” Non credo che i richiami siano la risposta .”

Nel loro studio pubblicato il 25 agosto 20219 , Sivan Gazit e coautori mostrano, come abbiamo evidenziato sopra, che la protezione conferita naturalmente da una precedente infezione è molto maggiore di quella che può essere conferita dall’iniezione di Pfizer-BioNTech.

Questi ricercatori hanno anche seguito da vicino i recenti sviluppi nelle cosiddette infezioni “emergenti” e i loro studi indicano che le persone “vaccinate” hanno fino a 13 volte più probabilità di contrarre la variante covidian “delta” rispetto alle persone “non vaccinate”. ”e già guarito dall’infezione da SARS-CoV-2.

Lo studio indica anche che le persone “vaccinate” hanno ancora un rischio maggiore di ricoveri per SARS-CoV-2 rispetto alle persone “non vaccinate” che sono state precedentemente infettate dal virus. Più specificamente, le persone “vaccinate” che non sono state precedentemente infettate da SARS-CoV-2 ora hanno un rischio quasi 6 volte maggiore di trasmettere l’infezione nella sua nuova forma chiamata “delta” …

Da questi dati appare abbastanza chiaro che le varie iniezioni “miracolose” dei grandi cartelli farmaceutici a capo della “guerra” sperimentale del gene anti-Covid non tutelano le persone over 50 (senza entrare nei dettagli di gravi e non effetti collaterali gravi per fascia di età10 potenzialmente legati ai cosiddetti prodotti “vaccini” anti-Covid). In modo che l’implementazione di iniezioni di richiamo in questi paesi (per una quarta, poi una quinta, poi una sesta dose, ecc.) non sia all’ombra di un dubbio (perché qui l’evidenza del fallimento non ostacola in alcun modo l’ufficialità determinazione covidica nei confronti dell’efficacia dei “vaccini”, contemporanei portatori di salvezza). E ci sono tutte le ragioni per pensare che le stesse tendenze si manifesteranno presto in altri Paesi, a cominciare dalla Francia (cosa già in vigore per la terza dose11 ).

Come sempre, poiché il mondo intero è in preda a un progetto sperimentale “vaccino” unidimensionale con il pretesto della diffusione del SARS-CoV-2, è importante ricordare che un vaccino , nel senso proprio del termine, deve non solo stimolare una risposta immunitaria nel paziente che lo riceve, ma anche interrompere la trasmissione di un particolare patogeno x o y.

Non è questo che fa l’RNA messaggero delle cosiddette iniezioni “anti-Covid”, le cui informazioni entrano direttamente nelle cellule delle persone oggi inoculate in massa. Questo prodotto è un trattamento sintetico (nel senso che è fondamentalmente la sintesi di nanoparticelle tossiche, chiamate proteine ​​spike), che non è progettato per ostacolare la trasmissione del virus. Oltre al meccanismo specifico dell’RNA messaggero nella produzione di proteine ​​avanzate conformi al principio attivo di SARS-CoV-2, è molto probabile che la confermata presenza di ossido di grafene, su cui ritorneremo brevemente in seguito, “spiega l’attuale aumento della moltiplicazione di nuovi casi di infezione che comprende un gran numero di persone già inoculate più volte.

Da segnalare infine che anche in Italia l’estremismo vaccinale non è tralasciato, con la recente minaccia lanciata dall’ex Presidente della Banca Centrale Europea, l’attuale Presidente del Consiglio Mario Draghi, di rendere obbligatoria per tutti la vaccinazione anti-Covid.12 . Draghi si aspetta dall’Agenzia europea per i medicinali (Ema) il via libera al loro pieno accordo per far saltare in aria la libertà in nome del covidismo che professa. Il governo italiano, come in Francia, ha già reso obbligatoria la “vaccinazione” degli operatori sanitari se vogliono essere pagati.

Divergenza virale di base: “in guerra” contro “cosa”?
Nella loro affettata benevolenza, le autorità pubbliche oggi concedono al popolo una libertà condizionata, che quindi non è più un diritto naturale (nel senso di un diritto fondamentale e inalienabile), ma piuttosto un privilegio che può o non può essere concesso – dipende della volontà dei cittadini di conformarsi a quanto deciso per loro dal “Consiglio di difesa e sicurezza nazionale” (dato che saremmo “in guerra”), per il loro “bene superiore” (è ovvio, bisognerebbe avere caduti nella trappola della cospirazione per pensare diversamente).

In guerra, ma contro chi esattamente? O meglio, contro cosa? Contro la libertà, ovviamente, questo è ora esplicitamente avallato dalle misure in atto, in particolare un apartheid sanitario. Ma in “guerra” dichiarata, in primo luogo, con il pretesto di farla contro un certo virus (cosa di per sé molto assurdo), la cui identità sarebbe però forse sfuggita agli stolti – guerra brevettata della nuova sanitocrazia universale.

Cosa intendiamo? Che Fauci e i suoi compari al CDC e all’Institut Pasteur siano sospettati, non senza ragione, di non avere la base virale completamente sviluppata di SARS-CoV-2; base da cui sarebbe possibile calibrare un test di screening standard specifico per l’individuazione di quel particolare virus.

Un documento13 pubblicato il 21 luglio dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense sembra indicare che il CDC e la FDA, per mancanza di campioni fisici di SARS-CoV-2, abbiano ideato un protocollo per test destinato alla rilevazione massiva di” coronavirus” sulla base di cellule immunitarie ed epiteliali umane combinate con frammenti di rinovirus (da cui originano le forme annuali di rinofaringite).

Tuttavia, senza materiale genetico di riferimento per calibrare e confermare la PCR, il test non ha basi scientifiche nel campo della realtà fisica stessa. Pertanto, se ciò fosse corroborato, la credibilità della matrice dell’analisi PCR basata su detto protocollo sarebbe quanto mai discutibile (prima ancora di parlare delle amplificazioni del ciclo che da oltre un anno si susseguono spudoratamente in giro per il mondo. ). Perché allora avremmo a che fare con un metodo falsificato alla radice di quello che è diventato il test di screening PCR standard.

Il vantaggio di questa falsificazione è ovviamente facile da capire, se l’obiettivo fosse quello di elencare quante più persone possibili come pazienti che sono risultati “positivi”, e quindi infetti da SARS-CoV-2, anche se lo facessero. oltre a minuscole quantità di frammenti di RNA da altri ceppi di Coronaviridae – infezioni virali scomparse mesi prima, ma ancora rilevabili nel tratto respiratorio di pazienti testati in tutte le direzioni dall’inizio della crisi sanitaria di Covid-19.

Se, come sembra indicare il documento, i ricercatori che lavorano nell’orbita “fauciana” non potrebbero fornire “isolati quantificati di 2019-nCoV per l’uso da parte dei CDC” durante lo sviluppo di quello che sarebbe diventato il test di screening PCR universale standard (si noti che il difetto nel Il protocollo del test PCR è ora ammesso dal CDC, che lo bandirà di conseguenza entro la fine dell’anno, a seguire), è che invece di tali campioni di riferimento opportunamente isolati, il profilo di base della malattia virale “fauciana” non è altro di un composto multicellulare di ceppi di virus influenzali e raffreddori comuni.

Nella logica interna di questa storia del resto curiosa, i test di screening PCR sono stati quindi configurati in modo tale da rilevare nei pazienti testati le sequenze genetiche ottenute inizialmente da banche dati digitali artificiali (quindi più o meno forgiate da cellule epiteliali alveolari e inventariate frammenti di RNA di alcuni picornaviridi e altri comuni virus influenzali stagionali).

Nessun medico o ricercatore che abbia isolato SARS-CoV-2 da un paziente infetto e sintomatico, nessuno strumento di laboratorio può essere adeguatamente calibrato rispetto alle caratteristiche dettate dal suo stato di riferimento fisico. Di conseguenza, i test si basano semplicemente sulle proprietà dei database rilasciati dal CDC e dall’OMS, utilizzando il termine “Covid” come etichetta digitale di riferimento onnipresente.

Questo spiegherebbe anche perché l’influenza stagionale è quasi scomparsa nel 2020… A quasi tutti coloro che si sono ammalati davvero è stata attribuita, di default, la diagnosi “Covid”…

È inutile fare la guerra a un virus, poiché un virus sta solo portando avanti un programma naturale di perpetuarsi, senza un’intelligenza riflessiva libera o il minimo desiderio di distruggere qualcuno. Sì, il virus di Fauci e di altri c’è, manifattura globalista al servizio di un più grande progetto globalista. La sua vera identità (variata e variante) rimane tuttavia sfuggente, sebbene in primo luogo inscritta in un profilo di basi virali note. Tutto sembra pensato per tutelare i vari colpevoli a breve e lungo termine, e alla fine scagionarli (come già si fa oggi concedendo l’immunità ai consorzi farmaceutici), mentre penalizziamo collettivamente le vittime di questo grande esperimento mortale del covid.

Ossido di grafene: conferma (nel silenzio dei media)
Alla fine di agosto, i risultati di un ricercatore americano, il dottor Robert O. Young, sono stati resi pubblici sotto forma di un articolo approfondito dal titolo ” La microscopia elettronica a scansione e trasmissione rivela l’ossido di grafene nei vaccini CoV-19 ”.

Si consiglia vivamente la lettura di questo articolo, nonché l’attento esame delle varie immagini provenienti da microscopia elettronica a trasmissione, tabelle, diagrammi e grafici particolarmente intellegibili forniti dall’autore.

Non si tratta affatto di “complottismo”, ma di scienza e di minuziosa ricerca protocollare, certamente dissenso rispetto al discorso pubblico prevalente (che riecheggia il ricatto del governo contro la libertà per generare un allineamento antiliberale).

Non è nostra intenzione riassumere qui il contenuto di questo articolo. Ma ne prendiamo atto per evidenziare i notevoli risultati di questa indagine scientifica (contro la prevedibile omissione da parte dei media globali) e aggiungere qualche considerazione aggiuntiva. Il principale risultato confermato da questo studio, e che va sottolineato in primo luogo, è il seguente: il segnale di assorbimento dei fasci di nanoparticolato individuato nelle fiale delle iniezioni “vaccino” (de Pfizer, de Moderna, d’AstraZeneca e de Janssen), quando analizzato mediante microscopia elettronica a trasmissione, indica che questi prodotti contengono quantità significative di ossido di grafene, un composto di carbonio caratterizzato dalla sua altissima conduttività elettrica. Qualcosa che era già stato abbozzato e osservato diverse settimane fa da ricercatori spagnoli, ma che richiedeva un protocollo particolare e strumenti tecnologici per essere corroborato da diversi ricercatori in diverse regioni del mondo. Questo è ora il caso. Va notato, inoltre, che il problema, in quanto tale, della tossicità delle nanoparticelle di ossido di grafene è stato già affrontato e diffuso di pubblico dominio attraverso diverse pubblicazioni scientifiche.14

Altro elemento noto è il fatto che l’ossido di grafene agisce come ingrediente “mascherato” in prodotti genici sperimentali presentati al pubblico come “vaccini” (i brevetti non lo rivelano, a differenza di tutti gli altri ingredienti). Perché un tale insabbiamento?

Tuttavia, notiamo che i disturbi della coagulazione (sotto forma di microcoaguli abbastanza sintomatici), ancor più della miocardite, delle malattie da prioni, dei vari problemi riproduttivi e di altre complicazioni a bizzeffe, non sono solo i più comuni, ma anche i più direttamente correlati con la proprietà trombogeniche dell’ossido di grafene. Ci sarebbe quindi motivo di vigilanza qui, se almeno l’irragionevolezza covidica non fosse stata radicata così profondamente nelle nostre società decadenti e soggiogata dalla paura.

Si indica anche qui sottolineare che le elettrofrequenze e i particolari fenomeni magneto-biologici indotti dall’intermediazione dell’ossido di grafene nelle iniezioni anti-Covid hanno una forte possibilità di modificare significativamente le proprietà conduttive dei fluidi e dei tessuti corporei (non pretendiamo di aver osservato e misurato un tale fenomeno, ma semplicemente sottoponiamo qui i nostri pensieri, come ipotesi). Il contenuto ionico intracellulare ed extracellulare di un sistema biologico determina principalmente le proprietà conduttive dei suoi organi e fluidi costituenti. Ciò che è stato osservato, sia all’interno che all’esterno delle strutture del biocorpo animale, è che la resistenza diminuisce gradualmente all’aumentare della frequenza. Certo, se consideriamo il profilo conduttivo interno di un dato sistema biologico, la resistività varierà da un organo all’altro. Si tratta quindi di determinare fino a che punto la resistenza e la capacità delle strutture interne del corpo siano soggette a fluttuazioni nelle frequenze degli elementi complessi assorbiti (come l’ossido di grafene) e alle radiazioni ambientali.

Una cosa sembra certa, è che dopo l’inoculazione, l’ossido di grafene così biologizzato acquisisce un’eccitazione elettronica e una risonanza magnetica che si allinea precisamente con la terza banda di frequenza della radiazione delle tecnologie 5G.

Va inoltre ricordato che le cellule del corpo umano sono specificamente progettate per condurre correnti elettriche. Il flusso intrasomatico di elettricità è essenziale affinché il sistema nervoso assicuri la trasmissione dei segnali in tutto il corpo, in particolare al cuore e al cervello. La membrana cellulare stessa funziona come un dispositivo di separazione ionica che consente alla cellula di generare correnti elettriche. In particolare, la stimolazione di una cellula permette alle cariche positive di penetrare nella sua struttura attraverso i cosiddetti canali ionici. Quando la cellula è caricata positivamente, genera altre correnti elettriche che a loro volta produrranno impulsi elettrici, impulsi nipoti essenziali per l’attivazione dei nostri movimenti e gesti motori quotidiani,

Inoltre, le reazioni redox sono di grande importanza all’interno dei sistemi elettro-biologici, come il corpo umano. Il processo di ossidazione biologica si basa fondamentalmente sul trasferimento (rilascio e cattura) di protoni ed elettroni da una molecola (detta “ossidata”, per perdita di elettroni) ad un’altra (detta “ridotta”, per guadagno di energia). ). I processi redox biologici presentano una serie di caratteristiche ben definite. Sono parte integrante del mantenimento del corretto funzionamento e della salute di un organismo. Non torneremo qui su questo, ma vogliamo solo ricordare che l’alterazione di questi processi (come la respirazione dei tessuti, la fosforilazione ossidativa, le reazioni che costituiscono il ciclo di Krebs, ecc.

Da queste riflessioni di base, manteniamo e applichiamo i due principali oggetti di analisi che abbiamo qui brevemente discusso: 1) l’incidenza della funzione di frequenza rispetto alla resistività organica, e 2) l’induzione di uno squilibrio il meccanismo dell’elettrone trasferimento inerente alle reazioni di ossidazione e riduzione nell’organismo; Applichiamoli quindi alla presenza elettricamente attiva di ossido di grafene nei miliardi di pazienti oggi inoculati in tutto il mondo “contro” SARS-CoV-2. 1) Quando eccitato da mezzi elettromagnetici ambientali, l’ossido di grafene moltiplica le proprie frequenze di conseguenza. 2) A seconda dell’intensità del segnale incidente, si ossida molto più velocemente e in particolare finisce per rompere l’equilibrio tra i livelli (naturalmente benefici) di glutatione e la tossicità di cui è esso stesso l’innesco una volta integrato nell’organismo per mezzo di una delle quattro iniezioni globaliste. È in questo che può provocare tutta una panoplia di formidabili alterazioni metaboliche e modificazioni molto gravi del comportamento del sistema immunitario.

Perpetuazione patogena oggettiva indefinita, regolazione demografica e neuromodulazione dei popoli… Possiamo certamente temerlo, prendendo atto di queste scoperte, anche se (e soprattutto!) dal momento che non se ne parleranno i maestri del discorso.

Riepilogo: capire il covidismo in termini di globalismo intero
Viviamo in un’era senza precedenti di bugie, negazione della verità, propaganda e violenza sistemica senza precedenti. Ciò è tanto più attestato e pernicioso in quanto questa stessa epoca ama soprattutto adornarsi delle apparenze di illuminismo intellettuale, di progresso, di immancabile compassione inclusiva (tranne quando si tratta di pecore non nere. vaccinate), di filantropia (a quanto meno, quando è vantaggioso), l’ecumenismo non dogmatico (il cui unico dogma non è altro che l’assenza di dogma, l’opinionismo obbliga), la libertà di scelta (ad esempio di finire con una gravidanza ingombrante, ma non certo di mettere in discussione e rifiutare i nuovi “vaccini” globalisti, e così via.

L’ipocrisia è a dir poco sfacciata, da qui la violenza fondamentale, sia interiorizzata che sempre più esteriorizzata, che caratterizza la nostra situazione storica e culturale in questo primo quarto del XXI secolo.

Ma sembra necessario dare un nuovo spessore alla stupida ipnosi collettiva. Perché i recenti “fallimenti” populisti (principalmente Brexit e l’elezione di Trump nel 2016) hanno indicato che la consapevolezza dei popoli stava andando nella direzione di un movimento di caparbia riluttanza capace di interferire con i principi e le politiche tattiche delle forze organizzate del globalismo.

Inserisci la paura (strumento preferito dai despoti), il panico mimetico, l’escalation di screening e cifre falsificate (frodi nei test PCR, statistiche sulla morte più dubbie), il collasso economico, le elezioni statunitensi violate e rubate a beneficio di Biden, l’isolamento forzato di popoli che limitano l’accesso all’aria fresca e alla luce solare … Inserisci nel nostro campo visivo le condizioni di esistenza del mondo covidico modellato nel 2020.

La censura tecnocratica, la lotta ai cambiamenti climatici (obiettivo “Global Green Deal”, in nome della “salute pubblica”), la digitalizzazione dell’istruzione e dell’interazione sociale, il “vaccino” universale (che include, nella sua produzione, i prodotti genetici derivati ​​da linee cellulari di bambini abortiti), l’istituzione di una valuta digitale globale, sono tra i principali pilastri imperativi della revisione attesa dai partner globali del Forum di Davos. I capovolgimenti orwelliani di definizione e altre deviazioni linguistiche (“neutralità climatica”, “pandemia”, “soli insieme”, “nuova normalità”, “il pass = libertà”, “vaccini”,

Di qui la seguente enumerazione non esaustiva del programma della “Grande Reinizializzazione”, più violentemente che mai all’ordine del giorno, che proponiamo qui per situare meglio il fenomeno del covidismo di Stato nella sua relazione con il grande Leviatano in assoluto. essere liberi di perfezionare e completare l’elenco):

un governo mondiale;
una valuta digitale globale;
una banca centrale mondiale;
un esercito mondiale;
la fine della sovranità nazionale;

la fine delle razze (secondo la logica interna del razzismo supremo dell’antirazzismo istituzionalizzato);
la fine di ogni proprietà privata (case, automobili, piccole imprese, ecc.);
la fine del nucleo familiare tradizionale;
la fine della coniugalità e della fertilità naturale;
il sostegno educativo dei bambini da parte del governo;
l’eradicazione “compassionevole” degli anziani (eutanasia universale);
spopolamento eugenetico
a beneficio del culto neopagano del pianeta (ricordiamo, invece, quanto diceva un san Giovanni della Croce, che scandalizzerebbe i nuovi fondamentalisti dell’assoluta reverenza ecologica: «Un solo pensiero dell’uomo è meglio di qualsiasi cosa l’Universo, e solo Dio ne è degno ”);
l’instaurazione di una sanitocrazia universale;
vaccini obbligatori ovunque (canonizzazione universale dei principi della Global Alliance for Vaccines and Immunization, in inglese GAVI);
il divieto di naturopatia e medicina naturale alternativa;
perpetuazione indefinita delle maschere facciali (rimozione dei volti);
indennità universale o reddito di base (austerità generale);
securitarismo onnipresente;
sorveglianza di massa: basata su connessione pan 5G (una rete universale a onde millimetriche), codici QR e microchip;
il sistema del credito sociale (stile cinese);
la fine delle imprese indipendenti;
la fine dei combustibili fossili;
restrizione dei viaggi aerei non essenziali;
la fine dell’irrigazione, delle fattorie private e dei pascoli;
la concentrazione della popolazione nelle aree di insediamento;
uso limitato del suolo;

Pensieri conclusivi
Nel 2021 la virtù principale è quella di garantire la salute pubblica e il “benessere” dei popoli sotto la supervisione dello Stato, anche se i mezzi per riuscirci sarebbero irrazionali e libertici.

Nel perdurare dell’effeminatezza della società e dell’elevazione ormai obbligata della figura omosessuale ben intenzionata in Occidente, la castrazione dell’uomo covidico contemporaneo, attraverso la paura e l’infantilizzazione, entra nel gioco di un completo rimodellamento contro natura dell’umanità e dei valori che ancora sono alla base della costruzione e dello sviluppo di ogni autentica civiltà. Oggi in un regime di libertà vigilata, l’uomo covidico contemporaneo si adatta benissimo alle premesse eviranti del welfare state e della distruzione dei valori, in primo luogo i valori maschili del coraggio, della resilienza, della perseveranza nelle avversità, anche nella fronte alla morte, inevitabile per tutti quaggiù.

Le misure sanitarie prese dalle autorità francesi non hanno avuto un impatto arginato sull’epidemia, lo sanno benissimo tutti (anche chi fa finta di non saperlo). Piuttosto che prenderne atto, queste stesse autorità hanno spudoratamente diffuso l’idea che la responsabilità di nuovi sviluppi e casi di infezione debba essere attribuita al comportamento deviazionista dei francesi, in particolare dei “cospiratori anti-vax”…

L’uso della forza e della colpa contro i cittadini per eludere le sue colossali responsabilità nella gestione disastrosa della crisi sanitaria è una strategia che il governo francese ha adottato sistematicamente da un anno e mezzo. Con il suo comportamento repressivo, accusatorio e molto spesso tuttofare, ha fatto il letto di un vasto disastro oltre che economico quanto sanitario e sociale. La dogmatizzazione dell’assurdità sanitaria che continua a professare e ad imporre alla gente è uno scandalo senza precedenti.

La debacle manageriale che abbiamo visto all’opera e purtroppo subita riguarda sia questo scandalo sia ciò che più distintamente caratterizza questa isterica epoca di covidismo di stato: l’abdicazione della razionalità.

Il tipo di razionalità che persiste, per necessità, nonostante lo sviluppo di politiche di sicurezza irrazionali da parte delle nostre autorità statali interamente soggette al covidismo, è quella che sostiene il progetto oggi quasi interamente aggiornato di un’egemonia tecnocratica (vaccino e digitale). Senza la razionalità che scaturisce prima dalla technè , è impossibile concepire e infine attuare il Nuovo Ordine di Civilizzazione dell’inoculazione genica e della sorveglianza universale che oggi è richiesto.

È contro questa deviazione totalitaria che continua a insorgere oggi la Francia coraggiosa, la Francia che ora viene emulata in tutto il mondo.

I rappresentanti del potere, dal canto loro, restano chiusi nella loro perentoria e autoritaria negazione, indecifrabile tattica consuetudinaria che viola ogni degna etica medica degna di questo nome. Si sono smarriti fin dall’inizio e la testardaggine persiste, come se nulla fosse.

Il capovolgimento accusatorio che consiste nel mettere il peso dell’immoralità sulle spalle dei difensori delle libertà fondamentali è il segno inconfondibile di questo orwellismo farisaico dei contemporanei detentori del potere politico-mediale. Nella loro sufficienza “anti-cospirazione” e dando lezioni di moralità sanitaria, gli accusatori covidisti oggi arrivano al punto di spacciare le condizioni di esistenza nella società per un crimine contro di essa. A cominciare dal semplice atto di interagire con gli altri (senza fare alcuna concessione all’irrazionalità covidica della paura dell’altro), perché ciò potrebbe implicare la possibilità di trasmettere il virus ad altre persone… La logica dell’inversione morale, dietro questo folle modo di ragionamento, pone come premessa che la trasmissione del virus, di per sé, costituisce un reato inequivocabile. Le restrizioni in vigore sono quindi moralmente giustificabili e giustificate. Troviamo la stessa forma di ragionamento viziata per un anno e mezzo alla base delle strategie di costrizione preventiva, infantilizzazione dei popoli e uso della forza costituzionale ed esecutiva per instaurare un illegittimo monopolio sanitario.

Quando le eccezioni che uno stato impone ai diritti e alle libertà fondamentali dei suoi cittadini possono essere avanzate e promulgate spudoratamente come “liberatori”, è chiaro che il capovolgimento morale è andato molto, troppo lontano.

In queste condizioni difendersi dalla tirannica sicurezza dello Stato, dal covidismo isterico e informatore, e dall’intimidazione “legale” coercitiva del potere di fronte a una minaccia poco letale come quella del coronavirus diventa un dovere imprescindibile, un obbligo morale interno che scaturisce dalla coscienza di ogni uomo ancora razionale e libero.

Penalizzare come “precauzione” è un approccio che non poteva reggere (come abbiamo visto l’anno scorso). Neppure il ricatto intrinsecamente contraddittorio della libertà può reggere. Siamo una maggioranza che detesta la sorveglianza universale, di cui il “pass sanitario” è il trampolino di lancio. Lo scivolo totalitario è finito. Ma questo è un fallimento del governo sotto tutti i punti di vista, e il legittimo ruggito del popolo si sente dai quattro punti cardinali.

Speriamo che l’inizio dell’anno scolastico e le settimane a venire forniscano l’ulteriore spinta per il grido di tutti gli amici della civiltà e del diritto naturale.

Fonte: https://plumenclume.org

Traduzione: Gerard Trousson

12 Commenti
  • mario
    Inserito alle 20:37h, 13 Settembre Rispondi

    cina russia iran palestina iracq venezuela cuba bolivia uraguai siria libano ecc…..ecc……..
    e tutti i paesi liberi del mondo ………………. unica speranza contro questi animali globalisti ebreo anglo americani

  • mario
    Inserito alle 20:39h, 13 Settembre Rispondi

    cina russia iran palestina iraq venezuela cuba bolivia uraguai siria libano ecc…..ecc……..
    e tutti i paesi liberi del mondo ………………. unica speranza contro questi animali globalisti ebreo anglo americani

  • antonio
    Inserito alle 23:45h, 13 Settembre Rispondi

    E’ marcio, più che en marche

  • atlas
    Inserito alle 05:41h, 14 Settembre Rispondi

    democratici pro siero americ ano ultravax, seminatori di odio

    https://youtu.be/hwwvSHovWFg

    ‘la razza è sangue, è nervo. Non si discute sulla razza’ Franco Freda

    • atlas
      Inserito alle 06:02h, 14 Settembre Rispondi

      ‘la democrazia è incapace di continuità nello sforzo’ Corneliu Zelea Codreanu

      https://youtu.be/SGwkdXXOGNI

      • Fratello Marcus
        Inserito alle 18:39h, 14 Settembre Rispondi

        “…la preghiera è un elemento decisivo per ogni vittoria”.
        “…il fascismo italiano parte dall’ elemento ‘corpo’, cioè dall’elemento ‘forma’, riprendendo l’ ideale Romano dello Stato quale forza formatrice.
        Il nazionalsocialismo tedesco, col risalto dato a tutto ciò che è Razza e sangue, parte invece dall’ elemento ‘vita ‘.
        Quanto alla Guardia di ferro romena, essa per raggiungere lo stesso scopo, vorrebbe agire partendo dall’elemento spirituale, (dall’anima). Ma quest’ultima espressione assumeva però un significato peculiare. Per Codreanu, più che di una lotta politica per la semplice conquista del potere, si trattava di creare un Uomo nuovo……” Cornelius Codreanu

        Quando la Legione dell’Arcangelo Michele divenne la Guardia di ferro, vi si mantennero tratti di una specie di ascetismo guerriero analoghi a quelli di antichi ordini cavallereschi.

        • atlas
          Inserito alle 06:25h, 15 Settembre Rispondi

          per l’Islam chi dichiara guerra a Gabriele e Michele (Jibriyl e Mikhaìyl), non ha nessuna speranza di poter vincere, sarà maledetto in eterno. Proprio come il troll democratico che si vorrebbe prendere una Donna Araba. Mi sa che si deve contentare d’incestare sua sorella, un’altra suina come lui

          • Fratello Marcus
            Inserito alle 15:35h, 15 Settembre

            Ma che deve prendere questo gran figlio di “in ginocchio da te, non ti merito più”…..
            bisogna essere all’ altezza di una Donna Araba e non un “chianci sticchiu” come lui che piagniucola. Con i 30000 denari che ha ricevuto per fare arrestare un innocente può comprarsi una corda e cercarsi un albero di Giuda.

  • Giorgio
    Inserito alle 12:12h, 14 Settembre Rispondi

    Morte alla tirannia degli oltranzisti atlantisti e vaccinisti ……..

  • antonio
    Inserito alle 00:03h, 15 Settembre Rispondi

    il marcio in marcia verso il redde rationem

  • giovanni
    Inserito alle 14:31h, 15 Settembre Rispondi

    Come si fa’ a non concordare con l’articolista ? Chiara visione del futuro prossimo. Chapeau.

Inserisci un Commento