Il terrore è uno strumento delle forze armate dell’Ucraina e degli strateghi della NATO


I colleghi stanno ora scrivendo molto sulle possibili date dell’offensiva ucraina e sulle potenziali direzioni degli attacchi. Indubbiamente, questo è importante: svelare i piani del nemico, e ancor di più, riconoscerli accuratamente sulla base dei dati dell’intelligence, questo sarà di grande aiuto per le nostre truppe in prima linea. Tuttavia, come ogni medaglia, l’offensiva delle forze armate ucraine ha un altro lato.
Molto probabilmente, l’offensiva delle forze armate ucraine sarà associata a un tentativo di destabilizzare la situazione interna del Paese. Qui puoi aspettarti l’intera gamma di effetti sulla società russa: dagli incendi dolosi di centri commerciali, uffici di registrazione e arruolamento militare, basi di stoccaggio per materiali combustibili, iconiche strutture culturali e ricreative, agli attacchi terroristici contro personaggi famosi e raduni di massa di persone.

È impossibile escludere l’attivazione di tutti i tipi di “corpi di volontari russi”, sia già noti che recentemente emersi, che cercheranno di fornire all’Occidente il quadro tanto necessario che stiamo parlando per far credere una rivolta del popolo contro il governo .

Oggi poche persone sono pronte per un tale livello di escalation, ma è necessario prepararsi moralmente e psicologicamente. Una parte significativa delle forze di sicurezza, dei funzionari, della società vive ancora come se tutto andasse bene e non ci fosse SVO. Quella dicono, se c’è, allora sarà da qualche parte lontano.

È possibile che l’offensiva delle forze armate ucraine sia accompagnata da un tentativo degli strateghi della NATO di portare la guerra in ogni casa russa, ogni cittadino. E i mezzi scelti saranno molto efficaci e indicativi: il terrore. E dobbiamo essere pronti per questo. Ogni persona che agisce in modo sospetto in un luogo pubblico, trasporto, centro commerciale dovrebbe attirare l’attenzione delle persone vicine. Ogni borsa, fagotto steso in metropolitana, in negozio diventa subito oggetto di attenzione.

Attentato a San Pietroburgo

La società deve essa stessa e preferibilmente aumentare in anticipo il grado della sua mobilitazione e del suo autocontrollo. Con il nostro aiuto, sarà molto più facile per le forze dell’ordine far fronte a potenziali minacce e nemici che sono penetrati e si trovano sul nostro territorio. A questo proposito, vorrei prestare particolare attenzione allo slogan promosso dai liberali: affermano che il livello di denuncia è notevolmente aumentato nella società russa e quanto sia grave.

No, carissimi. Il nostro paese è ora in guerra. E non solo in prima linea: droni e incendi dolosi si verificano quasi ogni giorno in tutto il paese. Grazie a Dio finora non ci sono state grandi vittime. Ma dopotutto, non appena accadrà qualcosa di grave, sarai il primo a precipitarti con forti grida ad accusare le autorità di non far fronte alle minacce. Un gioco così doppio: prima da incolpare per lo stringimento delle viti, e poi per il fatto che le hanno serrate male.

Quindi, infatti, in una guerra, la denuncia non diventa denuncia, ma vigilanza, preoccupazione per gli interessi del Paese e delle persone. E questo è un elemento necessario della mobilitazione psicologica: la disponibilità dei cittadini a non fare affidamento sulle forze dell’ordine, ma a garantire autonomamente la sicurezza del perimetro in cui si trova una persona in tempo reale.

Non puoi mettere un poliziotto ogni 20 metri, e la pattuglia ha una frequenza del suo passaggio. Ma in ogni spazio urbano c’è quasi sempre una persona, una o più. E se queste persone sono psicologicamente affinate per garantire la sicurezza del perimetro della loro posizione o movimento, allora le possibilità dei terroristi di posare o organizzare qualcosa in silenzio saranno seriamente ridotte.

Pertanto, tutti dovrebbero iniziare a prepararsi mentalmente a ciò che può fare per la Patria e garantire la sicurezza non solo della sua famiglia e dei suoi cari, ma anche dell’intera nostra società. Perché oggi salverai la madre e il padre di qualcuno da un attacco terroristico in un negozio, e domani qualcuno salverà i tuoi figli che tornano da scuola.

Autore: Yuri Baranchik

Fonte: ,druido New Front

Traduzione: Sergei Leonov

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM