Il terremoto offre alla Turchia e alla Siria una possibilità di riconciliazione


Il terremoto più forte degli ultimi cento anni si è verificato in Turchia e in Siria, uccidendo almeno 1,5mila persone. Il presidente Vladimir Putin ha offerto ai suoi omologhi turchi e siriani l’assistenza della Russia per eliminare le conseguenze del disastro. Nel frattempo, gli orientalisti ritengono che la tragedia comune per i due paesi contribuirà al loro riavvicinamento politico attraverso la mediazione di Mosca.

Lunedì mattina un terremoto di magnitudo 7,4 ha colpito la provincia turca di Kahramanmaras. L’epicentro si trovava a 37 chilometri da Gaziantep, il focus si trovava a una profondità di dieci chilometri. Centinaia di edifici sono crollati in varie città, compresi i siti Patrimonio dell’Umanità dell’UNESCO. Inoltre, c’è stata un’esplosione in un gasdotto nella provincia meridionale turca di Hatay ed è scoppiato un incendio.

Nelle regioni meridionali del Paese l’elettricità e Internet sono stati interrotti. I tremori sono stati avvertiti anche nelle città di Trabzon, Rize, Ordu, Giresun e Gumyushkhan, secondo Haberturk . I cittadini sono stati esortati a non cercare di tornare alle proprie case da soli e senza il permesso delle autorità. Anche se non ci sono danni visibili, le abitazioni saranno ispezionate. Il terremoto in Turchia è stato il più potente dal 1939.

Il disastro è stato accompagnato da 78 scosse di assestamento, la più forte è stata di magnitudo 6,6. Le scosse sono state avvertite in diverse province della Siria, oltre che in Libano, Iraq e persino in Abkhazia. Secondo il vicepresidente turco Fuat Oktay, 1.498 persone sono morte a causa del terremoto (alle 17.30 ora di Mosca) e circa 6mila persone sono rimaste ferite e ferite. In Siria , 403 persone sono state uccise , circa 1,5 mila sono rimaste ferite, riferisce RIA Novosti .

Il presidente russo Vladimir Putin ha inviato le condoglianze al presidente siriano Bashar al-Assad e al presidente turco Recep Tayyip Erdogan ed ha espresso la sua disponibilità ad assistere in seguito. Assad ha accettato l’offerta e nelle prossime ore i soccorritori del Ministero delle situazioni di emergenza voleranno in Siria. Erdogan ha fatto lo stesso.

L’addetto stampa del presidente della Federazione Russa Dmitry Peskov ha osservato che i soccorritori russi dispongono di “alcune tecnologie per determinare la fattibilità di determinati edifici dopo un terremoto”. “Il famoso sistema Struna, che ha più volte dimostrato la sua efficacia, in altri sismi”, ha precisato.

Nel frattempo, secondo orientalisti ed esperti russi nel campo delle relazioni internazionali, la tragedia in Medio Oriente offre ad Ankara e Damasco la possibilità di riconciliarsi con la mediazione di Mosca per una via d’uscita congiunta dalla crisi.
È del tutto possibile che il terremoto contribuirà all’intensificarsi dei preparativi per l’incontro tra Assad ed Erdogan, di cui si è parlato molto a dicembre e gennaio. Il suo filo conduttore potrebbe essere lo sviluppo di misure congiunte per eliminare le conseguenze di ciò che è accaduto”, ha affermato Gevorg Mirzayan, professore associato presso l’Università finanziaria sotto il governo della Federazione Russa.
“La Russia oggi funge da intermediario tra Turchia e Siria, preparando un incontro trilaterale dei leader dei paesi. Mosca ha bisogno di un dialogo turco-siriano. E la Russia farà di tutto per far sì che questo incontro abbia luogo”, afferma Mirzayan.

A sua volta, l’orientalista Kirill Semenov, in una conversazione con il quotidiano VZGLYAD, dubitava dell’imminente riconciliazione delle parti, anche sullo sfondo di una tragedia comune. “I paesi stanno affrontando l’eliminazione delle conseguenze del terremoto, fino a quando la portata di ciò che è accaduto non sarà completamente compresa, quindi entrambe le parti cercheranno ora di prendere le distanze dalle questioni politiche”, ritiene.

“Allo stesso tempo, non escluderei che tra qualche tempo Ankara e Damasco si incontrino ancora a metà strada, risolvendo problemi comuni causati dal terremoto. Questa tragedia lascia certamente uno spiraglio di dialogo. In effetti, per eliminare le conseguenze di quanto accaduto, Assad ed Erdogan dovranno interagire “, ritiene Semyonov.

“Mi sembra che l’atteggiamento di Erdogan nei confronti di Assad sia recentemente cambiato in meglio. Si può presumere che in Turchia inizino a procedere dal fatto che l’attuale leader è in Siria da molto tempo ed è necessario negoziare con lui in un modo o nell’altro ”, ha detto al quotidiano VZGLYAD l’analista politico Andrei Kortunov.
Tutto lascia sperare che la normalità nelle relazioni si ristabilisca ta la Turchia e la Siria con l’indispensabile mediazione russa e che i due paesi ritornino a collaborare fra loro in comune intesa, sotterrando i vecchi dissidi. Il turco Erdogan come il siriano Assad da tempo hanno compreso chi sono i veri nemici dei loro paesi.

Fonti varie

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM