Il solo nome dell’Iran è sufficiente perchè Netanyahu si faccia prendere dal panico

di  Abdel Bari Atwan

Una domanda è, se Israele, con tutti i missili e le testate nucleari che ha, è davvero una potenza militare, perché il regime israeliano ha così tanta paura dell’Iran, un paese peraltro colpito dalle sanzioni occidentali e soprattutto americane?

Al pensiero del crescente potere dell’Iran, il primo ministro israeliano entra in allarme. Secondo Abdel Bari Atwan editorialista del quotidiano in lingua araba Rai al-Youm, il solo nome dell’Iran sarebbe sufficiente a far perdere la testa al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu e fargli ripetere le sue accuse contro l’Iran, definendolo “la più grande minaccia alla sicurezza mondiale; l’Iran, come gli Stati Uniti, la Russia e la Cina, è una superpotenza con migliaia di testate nucleari”.

Domenica, dalla tribuna della Conferenza di Monaco sulla sicurezza, Netanyahu ha sostenuto che Israele passerà all’azione se necessario, non solo contro le forze iraniane nella regione, ma anche contro il paese stesso, ricorda Atwan.

“E mentre pronunciava il suo discorso, brandiva un pezzo di metallo, un frammento di rottame del drone recentemente abbattuto, secondo lui, dalla DCA (Difesa aerea) israeliana.”

Netanyahu è un veterano di questi metodi. Non è la prima volta che, in discorsi davanti a consessi internazionali, fa uso di vari strumenti per farsi capire come se stesse parlando a scolaretti, ricorda l’articolo.

“Quattro anni fa, davanti all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Netanyahu presentò dei grafici con i quali cercò di spiegare che l’Iran stava per iniziare la produzione di bombe atomiche. Ripeté poi le sue minacce, nel senso che Israele avrebbe bombardato l’Iran prima che potesse ottenere la bomba atomica, e aggiunse che Tel Aviv era contro ogni accordo nucleare o dialogo con gli iraniani.”

A Monaco, il primo ministro israeliano ha pronunciato il suo discorso nella stessa sala in cui il giorno prima il consigliere per la Sicurezza nazionale degli Stati Uniti aveva preso in considerazione misure per frenare le “forze per procura” iraniane in Libano, nello Yemen, in Siria e in Iraq, aggiunge l’analista.

Se gli americani e gli israeliani in questi giorni rivelano tanta paura, lo si dovrebbe mettere in relazione con il lancio riuscito della difesa aerea siriana il 10 febbraio contro un F-16 israeliano, con un missile la cui data di utilizzo avrebbe dovuto scadere trent’anni fa. Ora, alcuni paesi arabi hanno cercato di sottovalutare questo risultato militare, per continuare così ad ammirare la cosiddetta supremazia militare israeliana, scrive Atwan.

“Una domanda è, se Israele, con tutti i missili e le testate nucleari che ha, è davvero una potenza militare, perché il regime israeliano ha così tanta paura dell’Iran, un paese peraltro colpito dalle sanzioni occidentali e soprattutto americane? E perché Israele dovrebbe essere così spaventato dalla Siria e da Hezbollah che escono da sette anni di guerra in cui gli americani e i loro alleati occidentali hanno mobilitato tutte le loro risorse finanziarie e militari?”

“Com’è possibile che Netanyahu non porti a Monaco un pezzo di rottame del caccia israeliano abbattuto da un missile siriano vecchio di anni o persino un pezzo di quel missile?” si chiede il giornalista arabo.

A Monaco, Zarif ha dipinto un quadro chiaro delle posizioni dell’Iran.

Questa paura condivisa da americani e israeliani che Netanyahu ha rivelato con formule tipo “Israele non permetterà all’Iran di mettergli un nodo di terrore al collo” dimostra che l’approccio strategico dell’Iran nei confronti di Washington e del suo alleato israeliano ha avuto successo. “Potrebbe non piacere ad alcuni; l’Iran è riuscito a porre fine, con questa strategia, a 70 anni di ossessioni egemoniche degli Stati Uniti nella regione.

La strategia iraniana, secondo Abdel Bari Atwan, consiste nel combattere il nemico israeliano.

Ministro degli Essteri iraniano, Zarif

“Per farlo, l’Iran dispone non solo della potenza militare necessaria, ma anche di una forte motivazione per ogni genere di impegno”, scrive.

“È stato con un sorriso che il segretario generale di Hezbollah, Hassan Nasrallah, dimostrando grande fiducia in se stesso, ha dichiarato pochi giorni fa che questo movimento sarebbe pronto a colpire e distruggere, nel giro di poche ore, le piattaforme petrolifere e del gas israeliane nel Mediterraneo, non appena l’alto Consiglio della difesa libanese lo ordinerà.”

Secondo l’articolo, Netanyahu sa molto bene che il leader di Hezbollah non è abituato a lanciare minacce a vuoto. “Gli israeliani non hanno ancora dimenticato la distruzione della loro nave militare al largo delle coste del Libano nel 2006 e anche in questo caso si dimostrò la determinazione di Hezbollah”, scrive l’editorialista di Rai al-Youm.

“Se Netanyahu sente che ha qualcosa attorno al collo che lo soffoca, bisognerebbe dirgli che questa impressione gli viene dalla resistenza legittima contro la sua politica di occupazione”, ironizza Atwan.

Traduzione: Simonetta Lambertini – invictapalestina

Fonte: Al Manar French

13 Commenti

  • HERZOG
    25 Febbraio 2018

    Su nenanews si dice che il Berlusca ha regalato a netanyahu un orologio che lo incrimina per corruzione,netanyahu non lo sopportano neanche gli israeliani . Video consigliato Da” complotto” mitico utente digitate :” DER EWIGE JUDE VIDEO ITALIANO” LA colpa dei tedeschi e’ stata quella di aver Capito chi muove I fili

    • Q
      25 Febbraio 2018

      lo consiglio insieme al film(documentario)le azioni dei rot schield a waterloo

  • atlas
    25 Febbraio 2018

    gli ebrei non possono vincere. Già nella Sacra Bibbia vi è scritto che Il Dio quando li voleva punire perché disubbidienti gli mandava contro i Medi e i Persiani, popoli incorruttibili. La Media e la Persia sono l’attuale Iran

  • claudio
    25 Febbraio 2018

    Piangono e fottono, tipico dei giudei. Di tutti i giudei, non solo merdagnau. E come ho già detto, e visto che probabilmente cadrà il governo, non dobbiamo concedere nulla al suo degno successore, dobbiamo invece prendergli tutto..

  • Eugenio Orso
    25 Febbraio 2018

    Un tempo si diceva “ebrei ai forni” …
    Comincio ad essere d’accordo!

    Cari saluti

    • atlas
      25 Febbraio 2018

      solo il puro odio può motivare un’azione sino all’ultimo estremo. Rispetto a me sei molto in ritardo

    • claudio
      25 Febbraio 2018

      Evviva orso.. 🙂

  • max tuanton
    25 Febbraio 2018

    Ho letto un po quel sito Claudio :aria fritta niente che crei risveglio lasci stare,piuttosto legga ” intervista a Rosenthal” e il sito di quell’omuncoloEric Hifschmid ,non mi chieda xche’ so queste cose non lo so piuttosto tanto per fare una precisazione Basta digitare ” dichiarazione di guerra ebraica alla Germania” Untermayer ebreo avvocato a Nome di tutti gli ebrei del mondo dichiaro guerra a Hitler nel venerdi 24 marzo 1933 ,sono stati gli ebrei a voler LA guerra Giusto che anche loro paghino

    • claudio
      25 Febbraio 2018

      Max, non ho detto che è un sito per risvegliare le coscienze sopite.. ho detto che è un sito dove pubblicano articoli sulla base di documenti storici. Punto. Ho fatto appositamente 3 esempi tra loro distanti nel tempo.. non capisco questo astio.. l’articolo di buchanan che ho pubblicato equivale a dire che c’è vita su marte.. un politico americano che riconosce certe ovvietà non è normale, tutto li, non ho detto di aver scoperto il santo graal.. parla di Mussolini e gentile, del kaiser, di ion antonescu.. ma tutto attraverso documenti storici.. questo è il bello della cosa.. non capisco perchè ti incazzi..

    • claudio
      25 Febbraio 2018

      Io la Storia la conosco, fidati.. non mi dici niente di nuovo citandomi la dichiarazione di guerra dei giudei alla germania del Cancelliere Adolf Hitler.. non è che adesso che hai detto sta cosa io mi sono impressionato.. del resto non è tra noi che dobbiamo impressionarci, io credo che potremmo considerarci un pò come degli Apostoli, pur con tutto il rispetto per i veri Apostoli di Gesù Cristo.. non dobbiamo convincerci tra noi.. dobbiamo convertire o riconvertire il mondo che sta fuori da questo blog.. andiamo per il mondo a portare la buona novella.. qui già sappiamo tutto, o quasi..

  • HERZOG
    25 Febbraio 2018

    Vedi Claudio non e’ con te o con i siti e I blog in generale e’ con Me che me LA prendo ! Ho sbagliato e adesso pago , non dovevo scoprire certe cose si sta solo male ,me ne stavo qui nel mio paradiso in Terra e invece da pirla …non me
    Ne capacito come sia potuto succedere, saranno stati rutillio e gli altri ” enos lases iuvate” ,e il niccolo giani ” lettera al figlio” strappalacrime, chissa’

    • claudio
      25 Febbraio 2018

      Ma, caro herzog, io rispondevo al caro max.. 🙂 a proposito di rutilio, se si potesse pubblicherei la foto mia e di stelvio dal piaz mentre ci stringiamo la mano.. 2 grandi uomini..

      • claudio
        25 Febbraio 2018

        2 grandi uomini rutilio sermonti e stelvio dal piaz, ovviamente, io sono un nessuno..

Inserisci un Commento

*

code