Il sogno europeo della Turchia potrebbe essere finito, il Sultano è pronto per l’Eurasia?

di  Pepe Escobar

Erdogan ha perso la sua maggioranza parlamentare e deve ora stabilire una coalizione con il partito d’azione nazionalista di estrema destra; dato che quest’ultimo è anti-occidentale, la strada da percorrere punta in una sola direzione: l’integrazione eurasiatica
Per l’estrema disperazione degli storici difensori dei “valori occidentali”, l’Europa è ora condannata a subire due autocrazie populiste ai suoi confini orientali: la Russia di Putin e la Turchia di Erdogan.

Per i leader politici dell’UE, l’unica narrativa accettata è la condanna totale e isterica delle “democrazie illiberali” distorte dal dominio personale, dalla xenofobia e dalla soppressione della libertà di parola. E questo vale anche per gli uomini forti in Ungheria, Austria, Serbia, Slovacchia e Repubblica Ceca.


Questi leader dell’UE e le istituzioni che li sostengono – partiti politici, mondo accademico, media mainstream – semplicemente non riescono a capire come e perché la loro visione non riflette ciò che gli elettori pensano e sentono realmente.

Al contrario, abbiamo intellettuali irrilevanti che piangono l’erosione dell’altissima “missione occidentale civilisatrice” (missione civilizzatrice), investendo in un vortice filosofico di riferimenti storici e persino biblici per catalogare la loro angoscia.

Sono terrorizzati da così tanti nuovi “Darth Vaders” – da Putin e Erdogan a Xi e Khamenei. Invece di comprendere il nuovo remix dell’intuizione originale di Arnold Toynbee – La storia è di nuovo in movimento – si crogiolano nel pantano dell’Occidente contro il Resto del Mondo

Non riescono a capire come si stia attuando  il potente processo di riconfigurazione dell’Eurasia. E questo include il non essere in grado di capire perché Recep Tayipp Erdogan è così popolare in Turchia.

Sultano e Amministratore
Grazie a una grande affluenza fino all’85% e all’ottenimento del 52,5% del voto popolare, impedendo così un ballottaggio, Erdogan è ora pronto a governare la Turchia come un affascinante mix di Sultanato e manger.

Sotto il nuovo accordo presidenziale della Turchia – un progetto ideato da Erdogan – un primo ministro non c’è più, un lavoro che Erdogan stesso ha tenuto per tre mandati prima di essere eletto presidente per la prima volta nel 2014.

Erdogan potrebbe essere in grado di governare l’esecutivo e il potere giudiziario, ma questo è ben lungi dall’essere un dato di fatto nella legislatura.

Con il 42,5% dei voti e con 295 seggi, l’AKP di Erdogan, per la prima volta in 16 anni, ha perso la maggioranza parlamentare e ora deve stabilire una coalizione con il partito di azione nazionalista di estrema destra (MHP).

L’interpretazione del giorno del primo giudizio enuncia un’alleanza tossica tra l’Islam politico intollerante e l’estrema destra pseudo fascista – entrambi, ovviamente, nazionalisti estremisti. La realtà è leggermente più sfumata.

Considerando che il MHP è ancora più anti-occidentale dell’AKP, la tabella di marcia, geopoliticamente, potrebbe indicare solo una direzione: l’integrazione eurasiatica. Dopotutto, il processo di adesione all’Unione europea perennemente tormentato dalla Turchia non è destinato ad andare da nessuna parte; per Bruxelles, Erdogan è poco più che un non accettato, illiberale, finto democratico.

Forze turche sul confine siriano

Parallelamente, il neo-ottomanesimo di Erdogan è stato sottoposto a un controllo di realtà con il fallimento della sua strategia della Siria, dall’ex primo ministro Davutoglu.

L’ossessione curda però non andrà via, specialmente dopo il successo delle operazioni “Euphrates Shield” e “Olive Branch” contro l’YPG sostenuto dagli Stati Uniti – che Erdogan marca come un’estensione del temuto PKK. Ankara ora detiene la zona di Afrin nel nord della Siria, precedentemente dominata dai kurdi, e ora, con un accordo USA-Turchia, l’YPG deve lasciare anche Manbij.  Anche dopo aver rinunciato a “Assad deve andare via”, Ankara per tutti gli scopi pratici terrà un piede in Siria, ed è investita nel processo di pace di Astana insieme a Russia e Iran.

Portalo sul  ponte
La politica turca era uno yo-yo tra il centro-destra e il centro-sinistra, ma sempre con i militari laici come maestri burattinai. La destra religiosa era sempre contenuta – poiché i militari erano terrorizzati dal suo appello popolare in tutta l’Anatolia.

Quando l’AKP ha iniziato la sua striscia politica vincente nel 2002, sono stati francamente europeisti (non c’è stata una successiva reciprocità). L’AKP ha anche corteggiato i curdi, che nella loro assoluta, rurale, maggioranza erano religiosamente conservatori. L’AKP e Erdogan si allearono perfino con i gulenisti. Ma una volta consolidata la loro presa elettorale, il procedere divenne molto più duro.

La svolta potrebbe essere stata la repressione del movimento di Gezi Park nel 2013. E poi, nel 2015, il Partito Democratico dei Popoli (HDP), filo-curdo e di sinistra, ha iniziato ad emergere e ad acquisire voti dall’AKP. La risposta di Erdogan è stata quella di elaborare una strategia per mescolare il Partito dei Popoli Democratici con il PKK – come dei “terroristi”, il che è assurdo.

I leader del partito venivano regolarmente scaricati in prigione. Per queste ultime elezioni, il leader dell’HDP Selahattin Demirtaş ha effettivamente subito una campagna di prigionia, avvertendo: “Quello che stiamo vivendo oggi è solo il trailer del regime di un solo uomo. L’attuale parte più spaventosa deve ancora iniziare. “Anche affrontando una miriade di limitazioni, l’HDP è riuscito a ottenere un significativo 11,7% dei voti, ovvero 67 seggi.

Il “regime di un solo uomo” fu in realtà solidificato due anni fa, dopo che i gulenisti nell’esercito finirono col lanciare il colpo di Stato (fallito). Erdogan e la leadership dell’AKP sono convinti che i gulenisti abbiano ricevuto un aiuto cruciale dalla NATO. L’epurazione successiva fu devastante: colpendo decine di migliaia di persone. Chiunque, ovunque, dal mondo accademico al giornalismo, abbia criticato Erdogan o la guerra sporca in corso nell’Anatolia orientale, fu messo a tacere.

Proteste contro Erdogan in Turchia

Lo storico turco Cam Erimtan sottolinea come Erdogan abbia difeso la necessità delle elezioni anticipate invocando “sviluppi storici in Iraq e in Siria” che hanno reso “fondamentale per la Turchia superare l’incertezza”.

Erimtan caratterizza la cosiddetta “Alleanza del Popolo” dell’AKP con l’MHP come il “turco-islamica di sintesi” del 21 ° secolo, sottolineando come “la base AKP è grande e pienamente convinto del fatto che l’attuale cambiamento sistemico è sulla strada giusta e che il ritorno dell’Islam alla vita pubblica turca era da tempo in ritardo “.

Quindi, “illiberale” o meno, il fatto è che la maggioranza degli elettori turchi preferisce Erdogan. Il sogno europeo potrebbe essere finito – per sempre. Le relazioni con la NATO sono irritabili e sul punto di rottura. Il neo-ottomanismo è un campo minato. Quindi l’integrazione eurasiatica sembra la via sensata da percorrere.

Le relazioni con l’Iran sono stabili. Le relazioni energetiche e militari con la Russia sono di primaria importanza. La Turchia può investire nella proiezione economica in tutta l’Asia centrale. La Russia e la Cina stanno attirando l’adesione alla Shanghai Cooperation Organization (SCO). Erdogan potrebbe finalmente essere in grado di posizionare la Turchia come il ponte essenziale tra le New Silk Roads, o Belt and Road Initiative (BRI) e l’Occidente.

Questo è un affare molto migliore rispetto a quello di  cercare di entrare in un club che non ti vuole come membro. “Democrazia illiberale”? Che importa?

Fonte: Asia Times

Traduzione: Sergei Leonov

4 Commenti

  • Silvia
    27 giugno 2018

    Va be’ per la Turchia, ma in che modo la Russia e’ un’autocrazia? Non mi direte che c’e’ piu’ democrazia nella UE!

  • Mardunolbo
    27 giugno 2018

    “… il fatto è che la maggioranza degli elettori turchi preferisce Erdogan. ” Ah,beh , certo se sbatti in galera ogni oppositore di altro partito !
    Come in Italia, se sbatti in galera per una ragione o per l’altra i capi di Forza Nuova o boicotti sistematicamente la formazione “casa Pound” dove possono finire i voti italiani ?
    Dove vive il Pepe ?

    • atlas
      28 giugno 2018

      a parte FN e altri che racimolano lo 0,00000000000001%, svendendo ed affliggendo, riconoscendo il male assoluto della democrazia, l’idea Sociale e Nazionale, merdocan deve solo disintegrarsi; e con lui tutto il partito dei ‘fratelli salafiti’. Per il bene della Turchia nell’Eurasia.

  • Idea3online
    27 giugno 2018

    Il destino della Grecia ci aiuterà a capire a quale livello della Terza Guerra Mondiale ci troviamo, quando farà accordi con la Russia alla luce del sole potremo capire che siamo diretti nella fase calda del Terzo Atto della Guerra dei Mondi Occidentale e Orientale, o dei due Regni, Regno del Nord contro Regno del Sud, ed come sempre tra i due Regni ci sarà Gerusalemme.

Inserisci un Commento

*

code