"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

Il sistema Pantsir-S1 della Russia abbatte oggetto aereo nel Mediterraneo

La forza aerea russa ha abbattuto con due missili un oggetto non identificato che sorvolava il mar Mediterraneo, nelle vicinanze a nord est della base russa di Hmeimim, situata sulla zona ovest della Siria, secondo le informazioni trasmesse Sabato da fonti militari di Damasco.

Sembra che l’oggetto non identificato distrutto fosse un veicolo non pilotato (UAV come sigla in inglese), come afferma la fonte citata dal portale siriano South Front. Tuttavia fino a questo momento il Ministero della Difesa russo non ha fatto commenti su tale episodio.

Gli esperti affermano che i missili del sistema di difesa aerea russo Pantsir S1 sono stati utilizzati nell’offensiva contro il presunto drone.
Secondo i media russi, il sistema Pantsir -S1 era stato utilizzato già il 27 Maggio del 2017 per distruggere un UAV di produzione statunitense, modello RQ-21A Blackjack, vicino alla base navale russa di Tartus, nella provincia siriana di Latakia (nordest).

Difesa aerea siriana

Questo stesso sabato, il Ministero russo della Difesa ha rivelato che i militari statunitensi stanno addestrando vari gruppi armati vicino alla città siriana di Al-Tanf, presso la frontiera con la Giordania e l’Iraq, per far lanciare attacchi con armi chimiche in Siria e così da poter giustificare le loro future operazioni contro l’Esercito siriano.
Mosca ha avvertito in varie occasioni di un piano degli USA per formare ed addestrare nel nord della Siria un nuovo gruppo terrorista, formato dalle truppe rimanenti delle bande estremiste.

Le forze russe e siriane si trovano in stato di allarme permanente in Siria viste le minacce esplicite proferite da esponenti statunitensi circa l’intenzione di attaccare le istituzioni governative siriane sulla base di provocazioni prefabbricate dai servizi di intelligence anglo-USA con armi chimiche predisposte dai ribelli jihadisti appoggiati dagli USA in Siria.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. atlas 4 mesi fa

    Dio protegga la Siria e la Russia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dolphin 4 mesi fa

    La permanenza delle 20 basi U.S abusive denota l’estrema pericolosità la passiva accettazione di questa occupazione per la pace in Syria, e come avere un serpente a sonagli nel letto, prima si fanno sloggiare questi “galantuomini” e meglio é!

    Rispondi Mi piace Non mi piace