Il sacerdote siriano Zahlaoui a Macron: Se vi indigna il terrorismo perché il suo paese ha inviato migliaia di terroristi in Siria?

Il sacerdote siriano Padre Elias Zahlaoui, della Chiesa Nostra Signora di Damasco con la sua lettera definita da lui stesso “politicamente scorretta” denuncia l’ipocrisia del Presidente francese Macron dopo gli ultimi attentati terroristici di matrice islamica chiedendogli “se la vita umana è così preziosa ai vostri occhi francesi, perché, VOI in Francia, vi siete arrogati il DIRITTO e il DOVERE di portare centinaia di migliaia di assassini, tra cui almeno diecimila francesi, in Siria per dieci lunghi anni, per distruggere, da cima a fondo, un intero paese, la mia patria, la Siria.”

Padre Elias dall’inizio della guerra per procura contro la Siria ha difeso l’armonia e la convivenza nel variegato mosaico di religioni ed etnie che ha sempre caratterizzato la Siria e che questa aggressione da parte dell’Occidente ha tentano di colpire fomentando i gruppi islamici radicali. Il sacerdote siriano è molto legato con un rapporto di stima e amicizia con il Mufti della Siria, Ahmad Badreddin Hassoun. Inoltre, ha elogiato il ruolo del gruppo di resistenza in Libano, Hezbollah, per aver difeso le chiese cristiane in Siria.

Padre Zahlaoui

Ringraziamo per l’invio della Lettera e della sua traduzione Nora Hoppe e Tariq Marzbaan.

Signor Presidente,

Nel disordine in cui Lei si trova a lottare, e dove, con i Suoi due “geniali” predecessori, ha fatto sprofondare tutta la Francia, e forse presto, tutta l’Europa, permetta a un vecchio prete arabo-cattolico siriano, di condividere con Lei alcune semplicissime ma, ahimè, “politicamente scorrette” osservazioni!

Come Presidente della Repubblica francese, Lei è indignato per l’assassinio di uno o più francesi. I parlamentari francesi, a loro volta, protestano per un momento, in piedi, in silenzio. E la Chiesa di Francia fa suonare le campane in tutte le sue chiese.
Sono dunque tutti insieme, i Tre Organi rappresentativi della Francia, che si alzano in piedi e si indignano, davanti al mondo!
Era necessario. Qualsiasi assassinio, qualunque esso sia, ovunque si trovi, e per qualsiasi motivo, deve essere condannato in modo assoluto. Insieme a tutti voi, dichiaro che ogni essere umano è SACRO! Sì, OGNI ESSERE UMANO È SACRO!

Come uomo e come sacerdote, non posso che approvare queste triplici posizioni, perfettamente legittime, nei confronti dei Suoi concittadini francesi, e anche europei.
Di conseguenza, mi permetta, come uomo e come sacerdote della Siria, di porre a Lei, Signor presidente, ai Suoi “degni” predecessori, come pure ai parlamentari francesi che si sono succeduti negli ultimi dieci anni, e soprattutto a tutta la Chiesa di Francia, questa semplicissima domanda:

Se la vita umana è così preziosa ai vostri occhi francesi, perché, VOI in Francia, vi siete arrogati il DIRITTO e il DOVERE di portare centinaia di migliaia di assassini, tra cui almeno diecimila francesi, in Siria per dieci lunghi anni, per distruggere, da cima a fondo, un intero paese, la mia patria, la Siria – quella Siria che il suo studioso André Parrot ha definito “la patria di tutti gli esseri civili” – con il pretesto di istituire “Democrazia, libertà e diritti umani”?
Signor Presidente, membri del Parlamento, Prelati della Chiesa di Francia, avete dimenticato, nella vostra opulenza e arroganza di occidentali, tanto quanto gli ex colonizzatori con una storia così disonorevole, questa terribile verità che dice che si raccoglie solo quello che si semina?
Ahimè, state già mietendo, e presto mieterete, ciò che avete seminato impunemente. Che questo raccolto non sia all’altezza di quello che voi, in tutta tranquillità, avete seminato solo in Siria!

Chiesa bruciata dai terroristi in Siria

Signor Presidente,

Come Lei sa, la storia non perdona. Resta il fatto che per voi, politici di ogni tipo, potreste rivendicare il fatto più che ovvio che alla fine siete manipolati dai Poteri occulti e onnipotenti globalisti del mondo.

Ma la Chiesa di Francia, questa Chiesa di Gesù Cristo, che è morto per amore di ogni essere umano, e che San Paolo ha qualificato come la “Colonna della Verità”, che pretesto può usare, per lasciare che questa carneficina sistematica di un intero popolo, compresi i discendenti della prima Chiesa, sia attuata SENZA DIRE NULLA?

Questo silenzio, per quanto indegno e vile, mi suona come un sacerdote di Gesù Cristo, niente di meno che il campanello d’allarme di tutta la Chiesa di Francia.

Signor Presidente,

È già tardi.

Si affretti a riconquistare la Sua dignità umana, per aiutare tutta la Francia a diventare finalmente umana.

Pr Elias Zahlaoui
Damasco, le 2/11/2020

Fonte: L’Antidiplomatico.it

9 Commenti
  • Ranieri PP
    Inserito alle 09:43h, 13 Novembre Rispondi

    una verità che non potrà essere condivisa dal Sistema. La povertà intellettuale dilagante e la velocità delle informazioni seppelliranno questo grido di verità.

  • atlas
    Inserito alle 10:00h, 13 Novembre Rispondi

    con queste prese di posizione non si va da nessuna parte

    si vorrebbe per caso giustificare l’attentato a persone innocenti uccise in chiesa a Notre Dame ? Non mi troverete mai d’accordo

  • giuseppe
    Inserito alle 10:46h, 13 Novembre Rispondi

    chi è colpa del suo mal pianga se stesso …..

  • Sandro
    Inserito alle 10:17h, 14 Novembre Rispondi

    Che belle parole! Si, ma a chi le dici?
    Non so molto di religioni, ma da che mi risulta quest’uomo, del comporre tale lettera, ha commesso un peccato; quello di aver male usato parte del tempo concessogli dal suo Dio.

  • robyt
    Inserito alle 11:13h, 14 Novembre Rispondi

    Il bello è che a micron della civiltà occidentale e cristiana frega veramente zero…

    CMq mi fido poco di questo sacerdote:
    “È evidente che oggi il mondo intero si trova di fronte a un bivio e a un dilemma, e quindi di fronte a una scelta: o è un avvio rapido e onesto, per trovare un Ordine Internazionale Nuovo, che garantisca sicurezza e giustizia, e di conseguenza pace per tutti”
    “Certamente non c’è altra scelta per l’umanità oggi, se non la ʺResurrezioneʺ di un ordine mondiale nuovo”

    https://oraprosiria.blogspot.com/2020/11/una-parola-ai-tempi-del-coronavirus-da.html

    Anche se tutto viene presentato in una forma diversa, auspica al nuovo ordine mondiale, senza troppi peli sulla lingua. Potrei essere d’accordo che il disordine mondiale delle elites globaliste e demoncratiche sia incancrenito e la sua disfatta sia assolutamente giusta e inevitabile a questo punto. Ma un nuovo ordine mondiale internazionale che si costituisca, sarebbe altrettanto malato, anche se partisse da premesse diverse.

    Cioè, in parole semplici, sembra come un globalista che accusa un altro globalista, dicendo che il secondo è cattivo: ma questa è puro errore, il globalismo è cattivo in sé, non c’è una versione buona. Chiunque auspichi a un nuovo ordine mondiale, non può essere preso in considerazione alcuna.

    • Sandro
      Inserito alle 12:48h, 14 Novembre Rispondi

      Ottima osservazione! Il globalismo in quanto tale è malvagio. Precorritrice del globalismo, anzi, peggio, universalismo, è stata la chiesa cattolica che ha sempre seguito la filosofia “dell’asso pigliatutto”. Cattolica da KATHOLIKOS comp. di KATA partic. Intensiva e OLOS = tutto intiero. Il risultato lo stiamo subendo.

      • robyt
        Inserito alle 18:37h, 14 Novembre Rispondi

        cattolico in greco vuol dire universale, ma non centra nulla col globalismo, il nuovo ordine mondiale, il modernismo, il progressismo, il socialismo e il multiculturalismo che si è impossessato e sostituito alla vera dottrina della chiesa e propugna i suoi dogmi assolutamente indiscutibili attraverso tutti i canali mediatici e le istituzioni del nostro pseudo stato e di tutto il mondo “occidentale”. il nuovo ordine mondiale è basato su un ideologia illuminista massonica che rinnega il cristo e parte della neochiesa modernista è sicuramente allineata.

        in ogni caso sostituire a questo disordine mondiale un altro più nuovo post pandemia, non può risolvere alcunché.

  • Mardunolbo
    Inserito alle 17:55h, 14 Novembre Rispondi

    Bisogna essere veramente ciechi come questo Robyt e Sandro che gli va dietro per capire un nulla di quanto dice il rev. sacerdote siriano !
    Ma avete letto la sua lettera su “ora pro Siria” ?
    Avete capito l’italiano o vi serve un traduttore perchè siete figli delle generazioni che non hanno imparato la lingua italiana ?
    O siete ciechi perchè siete mentitori spudorati come la NBC o BBc o al Jazeera su tutto, come sulle elezioni degli Usa ?
    Il suo accenno al nuovo ordine è accenno a nuovo ordine mondiale cristiano !
    Per piacere…non invitatemi all’insulto a voi !

    • robyt
      Inserito alle 18:42h, 14 Novembre Rispondi

      vorrei pensarla come te, ma il fatto che parla di “Ordine Internazionale Nuovo” o “nuovo ordine mondiale”, senza citare il Cristo, non mi fa presumere troppo bene. E’ ovvio che un nuovo ordine mondiale cinese non avrà nulla di cristiano.

Inserisci un Commento