Il ruolo di Israele nel conflitto Armenia -Azerbaijan

di Dominique Delawarde

Vi offro un testo dedicato al ruolo dello Stato ebraico dietro le quinte del conflitto Azerbaigian-Armenia.
Faccio la mia personale analisi insistendo su un aspetto troppo poco indagato, a mio avviso, dagli “esperti” che si occupano di geopolitica della regione.

I media mainstream occidentali hanno posto grande enfasi sul ruolo principale e innegabile della Turchia nella crisi Armenia-Azerbaigian, ma sono rimasti estremamente e sorprendentemente discreti, se non in silenzio, sul ruolo altrettanto importante svolto dietro le quinte. , da Israele e dal suo posizionamento in questa materia.
Tuttavia, questo ruolo non poteva sfuggire a un geopolitico o a un osservatore informato.
Ci sono, naturalmente, gli aerei cargo poco appariscenti tra Tel Aviv e Baku che, all’inizio di ottobre, non trasportavano arance, ma armi sofisticate (compresi droni e missili). Una parte non insignificante delle armi azere è di origine israeliana. Va ricordato che l’Azerbaigian è il principale fornitore di petrolio di Israele e gli fornisce il 40% del suo fabbisogno. Questo basterebbe quasi a spiegare l’alleanza di fatto tra i due Paesi, un’alleanza basata su una sorta di scambio “petrolio in cambio di armi”.

https://www.jpost.com/israel-news/video-shows-azerbaijan-using-israeli-lora-missile-in-conflict-with-armenia-644327
C’è la relativa discrezione di cancellerie e media occidentali – e noi sappiamo bene chi li controlla – sull’interferenza aperta della Turchia, a paesi membri della NATO contro l’Armenia, paesi membri della CSTO ( O rganizzazione del TRATTATO di Sicurezza Collective) a fianco della Russia.

La coalizione occidentale ha protestato a parole; ha chiesto “moderazione” e “cessate il fuoco”, ma ha lasciato andare la Turchia senza denunciare davvero il suo imperialismo islamista, ora in tutte le direzioni (Siria, Iraq, Libia, Mediterraneo orientale, Caucaso).
C’è anche la posizione ufficiale di Zelensky, il primo presidente ebreo dell’Ucraina, a favore dell’Azerbaigian e contro l’Armenia. Questo presidente sarebbe stato certamente più discreto nel suo appoggio se l’Azerbaigian fosse stato ostile allo Stato ebraico.
Infine, c’è questa dichiarazione di Georges Malbrunot, uno dei principali reporter di Le Figaro, che ci dice in un tweet:

Conflitto in Nagorno-Karabakh: oltre la stazione del Mossad con sede in Azerbaigian per spiare l’Iran e la consegna di equipaggiamento militare a Baku, Israele sta addestrando le forze di sicurezza azere , afferma un diplomatico europeo, che aveva sede in Azerbaigian .

Aerei cargo di Israele scaricano armi a Baku, Azerbaijan

Ma perché lo Stato ebraico si distingue oggi, per la sua presenza e la sua azione in questa regione del mondo accanto a Turchia, Azerbaigian e jihadismo islamista?
Prima di tentare di rispondere a questa domanda, è necessario ricordare che l’attivismo di Israele sulla scena internazionale non è solo regionale, ma globale. Può essere diretto o indiretto. La sua impronta è spesso percettibile e perfettamente identificabile nella politica estera dei maggiori paesi occidentali (USA, UK, Fancia, Canada, Australia), ma è presente anche in quasi tutti i grandi eventi che hanno interessato l’evoluzione geopolitica globale degli ultimi anni e decenni: (guerre nel Vicino e Medio Oriente, rivoluzioni colorate e / o cambio di potere (o tentativi) soprattutto in Sud America (Brasile, Bolivia, Venezuela, Colombia, Ecuador) ma anche in Europa (Maïdan …) e in Africa del Nord (Primavera araba, Hirak algerino).
Questo attivismo pro-Israele opera attraverso una diaspora ricca, potente e organizzata. Questa diaspora raccoglie posizioni di influenza e potere, più o meno “acquistate” nel tempo e nelle circostanze, all’interno degli apparati statali, dei media mainstream, delle istituzioni finanziarie e delle GAFAM che lei controlla. Il Mossad non è da meno e basa l’efficacia della sua azione sul sistema dei sayanim, perfettamente descritto da Jacob Cohen nella sua conferenza di Lione.

L’azione di queste staffette e supporti mira a difendere e promuovere gli interessi diretti e indiretti dello Stato ebraico sull’intero pianeta e ad allargare la cerchia dei paesi e dei governi che lo sostengono. Mira anche a indebolire coloro che vi si oppongono. È tenace, efficiente e duraturo.

Per vincere, lo Stato ebraico, come fa molto bene anche la NATO, non esita mai a stringere alleanze di circostanza, limitate nello spazio e nel tempo, con l’uno o l’altro dei suoi avversari (Turchia e jihadisti in Siria per esempio). Le sue azioni sono spesso “premeditate”, “inventate” e “coordinate” con i suoi corrispondenti “neoconservatori” a Washington. Come ovunque, la menzogna dello stato e la doppiezza sono moneta comune …
Perché suscitare e / o alimentare il fuoco in un conflitto tra Azerbaigian e Armenia e perché ora?

Tre grandi paesi della regione, Russia, Turchia e Iran, sono direttamente colpiti da questo conflitto e dalle sue potenziali conseguenze, perché confinano con una delle due parti in conflitto, e talvolta con entrambe. Israele, da parte sua, è solo indirettamente interessato, ma è lo stesso coinvolto, come vedremo.
Inoltre, questa regione del Caucaso è anche una “zona di attrito” tra alleanze che non si apprezzano molto: la coalizione occidentale e la NATO, di cui Turchia e Israele giocano la spartizione, la CSTO (Organizzazione del Trattato di Collective Security) di cui fanno parte Russia e Armenia, e l’OCS (Shanghai Cooperation Organization) a cui sono legati Russia e Iran (per l’Iran, come membro osservatore e aspirante candidato da 15 anni) .
A complicare le cose, il primo ministro armeno in carica, Nikol Pashinyan, ha ritenuto opportuno dover mostrare la sua preferenza per l’Occidente non appena entrato in carica e prendere le distanze da Mosca, il che mette il suo paese in una posizione delicata per chiedere oggi aiuto dalla Russia.

Missili contro le posizioni nemche in Azerbaijan

Lo scoppio della crisi attuale è, a mio avviso, un’operazione che va ben oltre il ristretto quadro di un conflitto territoriale tra Azerbaigian e Armenia. Si tratta di un’altra operazione – dopo Maidan in Ucraina, dopo la tentata rivoluzione colorata in Bielorussia e dopo i casi Skripal e Navalny – volta a fare pressione sulla Russia, ma anche sull’Iran, mettendoli sotto pressione, imbarazzandoli, persino spingendoli a criticare.

È chiaro che qualsiasi intervento rapido e forte della Russia in questo conflitto sarebbe stato immediatamente condannato dalla “comunità internazionale autoproclamata” – cioè dalla NATO – e seguito dal solito pacchetto di sanzioni anti-russe, dagli USA, seguiti pedissequamente dai suoi vassalli europei. Non dobbiamo dimenticare che oggi porre fine al gasdotto North Stream II rimane un obiettivo importante per gli Stati Uniti …
La mancanza di una forte reazione occidentale alla crisi del Caucaso è di per sé rivelatrice su quattro punti:
1 – La difesa dell’Armenia non è una priorità per la coalizione occidentale. Il signor Nikol Pashinyan, primo ministro armeno, ha quindi sbagliato a scommettere sull’Occidente per la difesa del suo paese. La coalizione occidentale spesso delude i suoi alleati di circostanza come hanno fatto per i curdi in Siria …
2 – Progredendo e lasciando che arrivi una reazione russa che spera di poter sanzionare mettendo fine al North Stream II , la coalizione occidentale mostra, ancora una volta, la sua doppiezza e il suo cinismo. Non gli importa dell’Armenia ma creare problemi alla Russia…
3 – Creando un focolaio di infezione jihadista ai confini di Russia e Iran, la coalizione israelo-occidentale mostra , ancora una volta, di essere pronta a fare i conti con il diavolo e ad usarlo per raggiungere ai suoi fini , in questo caso l’indebolimento dei suoi avversari russi e iraniani.
4 – Lasciando che Turchia e Israele agiscano senza reazione, la coalizione occidentale riconosce implicitamente, dietro discorsi ingannevoli, che questi due paesi stanno agendo a suo vantaggio (della NATO).

Mappa Caucaso

Il quotidiano israeliano “The Jerusalem Post” ha affrontato in un recente articolo gli scontri tra Azerbaijan e Armenia non senza far scoppiare la gioia israeliana nel vedere il Caucaso diventare un nuovo focolaio di crisi potenzialmente suscettibili di avere un impatto considerevole sul Medio Oriente. L’impatto voluto da Israele è sempre lo stesso: allentare le pressioni e le azioni iraniane e russe sul teatro siriano aprendo un “nuovo fronte di preoccupazioni” ai confini di questi due Paesi.
In conclusione, quattro punti meritano di essere sottolineati, in questa fase della crisi,

1 – Il signor Pashinyan, Primo Ministro armeno, ha commesso un errore di valutazione scommettendo su un campo occidentale che risulta essere meno affidabile del previsto per difendere gli interessi del suo Paese. Alla fine, potrebbe dover fare dolorose concessioni e potrebbe perdere il posto alle prossime elezioni.
2 – Il signor Aliyev, presidente di un Azerbaigian a maggioranza sciita, potrebbe un giorno pentirsi di aver introdotto jihadisti sunniti nel suo territorio per combattere l’Armenia. Potrebbe anche rimpiangere la strumentalizzazione di cui è oggetto da parte di Turchia e Israele, i Troians della NATO, I suoi vicini russi e iraniani non lo perdoneranno facilmente …
3 – La Russia, il cui governo e diplomazia non sono nati di recente, non è ancora caduta, a capofitto, nella trappola di un intervento immediato e muscoloso che potrebbe, dopo la tragicommedia “Navalny” », far suonanre la campana a morto per North Stream II.
Interverrà, prima o poi, quando sarà il momento giusto. I vari protagonisti diretti e indiretti non perderanno nulla nell’attesa.
4 – Israele e l’Occidente della NATO avranno guadagnato qualcosa continuando le loro azioni di molestie ai confini di Russia e Iran, strumentalizzando l’Azerbaigian e cercando di staccare l’Armenia dalla CSTO nel quadro di della strategia di estensione ad est che perseguono da trent’anni? Niente è meno sicuro. Il futuro lo dirà.
Quanto alla soluzione del problema territoriale, fonte del conflitto innescato dall’Azerbaigian contro l’Armenia, risiede probabilmente nell’applicazione dell’articolo 8 del Decalogo dell’Atto Finale di Helsinki votato il 1 ° agosto 1975 che governa le relazioni internazionali tra gli Stati partecipanti. Questo articolo menziona chiaramente ” il diritto dei popoli all’autodeterminazione” .
Quando il desiderio di lasciare un’entità statale è convalidato da uno, o anche più del 90% dei referendum, e quando questa secessione è stata efficace per 34 anni, senza grandi conflitti – che è il caso della Repubblica dell’Artsakh ( Nagorno-Karabakh) – sembra legittimo che la comunità internazionale possa tener conto della volontà dei popoli e accettare di riconoscere questo fatto dotando questi nuovi stati di una particolare struttura giuridica che garantisca loro una pace sotto protezione internazionale.
Qualcuno ribatterà che l’articolo 3 dello stesso decalogo di Helsinki richiama l’inviolabilità dei confini. Per la comunità internazionale, quindi, si tratterà di stabilire se il diritto dei popoli all’autodeterminazione debba o meno prevalere sull’inviolabilità dei confini, dopo 34 anni di totale ed effettiva separazione della vita comune tra due parti dello stesso stato.
Questa decisione, una volta presa, non dovrebbe essere priva di conseguenze giurisprudenziali sul futuro del Kosovo, della Crimea o della Palestina occupata …
Per chi volesse ampliare e diversificare le proprie conoscenze su questo delicato argomento, suggerisco la lettura di due interessanti articoli:

  • un articolo di Jean Pierre Arrignon, storico bizantinista e specialista sulla Russia
    https://blogjparrignon.net/asc2i/la-guerre-du-nagornii-karabakh/
  • un editoriale di Eric Denécé, capo del CF2R (Centro francese di ricerca sull’intelligence dal titolo: “Il conflitto Armenia / Azerbaigian nel Nagorno-Karabakh ravvivato dalla Turchia”.
  • Un articolo da fonti azere per capire meglio il posto del movimento sionista in Azerbaigian:

Un altro articolo di DD (febbraio 2017) che spiega le relazioni incrociate tra Russia, Stati Uniti e Israele e che probabilmente farà luce sull’argomento di oggi:

Fonte: reseauinternational.net/analyse-des-relations-etats-unis-russie-israel-general-dominique-delawarde/
Dominique delawarde

Traduzione: Gerard Trousson

17 Commenti

  • giulio
    16 Ottobre 2020

    c’era qualcuno che dubitava che dietro questa guerra ci fosse lo zampino anche dei sionisti simil fascisti alla netanyahu?

    • atlas
      17 Ottobre 2020

      sionisti ‘simil fascisti’ vallo a gridare al ‘gay pride’, lì i sinistri li ascoltano e se li coccolano

      • giulio
        17 Ottobre 2020

        non ho ancora capito se tu sei una persona intelligente o scema!
        secondo te io sono tipo da andare a un “gay pride”?
        Allora sei scemo!

        • atlas
          17 Ottobre 2020

          se per te sono scemo non importa, ma tu per mantenerti a galla fai lo stronzo. Scrivi come una zekka dei centri sociali, di destra e di sinistra, non hai nulla, nemmeno del vero comunista, sei il tipo classico pankabbestia antifascista, non da un sito come questo. Sei capitato male, perchè io so vedere anche attraverso lo schermo, quindi tu vedi di andare su indymedia. Ovunque, persino fra gli anarchici, ci sono un minimo di regole non scritte e tu le hai violate tutte. Sardina

          • giulio
            17 Ottobre 2020

            ma tu, emerito narcisista che qua sopra ti atteggi a prima donna, che ne sai di comunismo per giudicare se qualcuno lo è o non lo è.
            Tu e un altro paio di soggetti siete qua sopra solo per provocare e fare propaganda… io non ho mai provocato ma solo risposto alle provocazioni e anche peggio delle provocazioni e non ho mai fatto propaganda nè per il comunismo nè per altro. sono i tipi come te e qualche altro che violate le più elementari regole verso chi la pensa diversamente dai mussulmani duosiciliani o dai parafascisti ….lo so quest’ultimo è un termine abusato ma io non lo uso con riferimento a un’ideologia ma con riferimento ai modi da bulli e prepotenti che caratterizzano te e qualche altro qui sopra.
            Detto questo vedi di non seccarmi ulteriormente e vai per la tua strada! Ma se continui a provocare allora poi non fare il furbetto vittimista appellandoti a regole non scritte perchè me ne fregherò delle tue regole!
            Questo non è il vostro blog! chiaro?

          • atlas
            17 Ottobre 2020

            io so che sono Fascista e Comunista non marxista allo stesso tempo, sei tu che non sai scrivere. ED E’ UN TUO PROBLEMA saputello del mio big dick che straparla di Lavrov

            se no avresti scritto: ‘per fascista intendo dire come viene percepito all’estero, ovvero nei paesi sudamericani ad es., ove ha il significato di nord-americ ano, yankee. La buonanima del grande Socialista Nazionale Hugo Chavez, sempre ad es., asserì che il fascismo è il male assoluto e nel contempo che Mussolini fu uno dei più grandi Statisti della storia’

            ma non l’hai scritto nè lo scrivi, continui quindi solo a scureggiare imbrogliandoti, agitandoti nella tua stessa rete, sempre di più. Tonno

      • giulio
        17 Ottobre 2020

        mister atlas, mi riferisco a un altro tuo commento al quale non è possibile rispondere direttamente…è quello dove parli di lavrov, chavez, mussolini, mussulmani, nazional socialismo, fascismo e comunismo non marxista!
        caspita che minestrone!
        Tu c’hai le idee confuse perchè usi erba malandata!
        capisco che non puoi permetterti di quella buona perché saresti (dici) un “proletario”.
        Quanto al termine “parafascista” e alla spiegazione che ne ho dato se non ti soddisfa sono problemi tuoi…conta il significato che io gli do non quello che i professorini come te pretendono di imporre!

        Ma per un momento lasciamo da parte le polemiche e le battute e toglimi una curiosità: a te piace Lavrov? benissimo, sei padronissimo di adorarlo! A me Lavrov non piace e ho anche motivato la ragione…ho anche detto che non addebito solo a lavrov certe scelte che considero sciagurate o fallimentari ma alla cerchia di di cui fa parte e che si contrappone ad altri personaggi anche governativi che hanno invece una visione diversa e meno “diplomatica” della sua (ma non si tratta di diversità di stile ma di diversità di obiettivi politici o di strategie).
        E’ possibile che io abbia torto e tu ragione…ma mi dici per quale ragione vorresti impedire a qualcun altro di pensarla diversamente da te sul giudizio riguardo a quel lavrov e al suo entourage?
        O forse ti infastidisce che nel riferirmi a quel lavrov ho usato termini che non gradisci (tipo cazzone, assonnato, scemo ecc.)? Sbaglio o tu usi termini anche peggiori rispetto a chi non ti piace? Peraltro non siamo in una tribuna politica o in un congresso dove bisogna essere “educati” … e tu stesso dimostri di non esserlo e ti piace scandalizzare chi ti legge. Può darsi che anche a me qualche volta piaccia usare termini poco “educati” anche per scuotere dalla noia qualche lettore.
        In altre parole, tu suona pure le tue campane ma lascia che anche gli altri possano fare lo stesso!
        ma a te non piace essere “democratico” perchè confondi questo termine con la semplice “buona educazione” o la tolleranza per qualche opinione diversa dalla tua sebbene magari su altre questioni magari si è anche su posizioni simili.
        Oppure le opinioni degli altri che si discostano dalle tue non ti piacciono semplicemente perchè è nell’indole di un mussulmano nazionalsocialista?

        • atlas
          18 Ottobre 2020

          ma tu puoi scrivere la tua a ogni articolo, sotto ogni commento, MA CI MANCHEREBBE. Prima c’era un tal Claudio (fascista del tremila), poi un certo sed vaste, la ‘mascotte’

          sono io che sono un monomaniacoparanoico pericoloso che si sta solo iniziando a divertire

          sarai la femmina del sito

          • giulio
            18 Ottobre 2020

            non sei mascotte, sei solo elemento di disturbo psicopatico, confusionario ed esibizionista …. dici tutto e il contrario di tutto! prima di dichiari “comunista non marxista” poi “socialista” poi comunista e fascista! datti pace! ti rivelo una cosa: non sei niente di tutto quello che dici …tu non sai chi sei . e oscilli come banderuola al vento e a seconda delle convenienze del momento! mi sa anche che sei schizofrenico! non sei neppure il combattente rambo che pretendi di essere tra una bevuta e l’altra! aduli un lavrov e poi dici di aver criticato l’asse “russia-turchia” di cui proprio anche lavrov è stato un artefice!
            Chissà perchè ti accanisci tanto contro chi osa toccare il tuo beniamino! tutti quelli (giulio, sandro e qualche altro) che qui ci stanno per ragionare per te sono prolissi e logorroici…può darsi ma tu sei solo un clown.
            p.s. .pezzo di stronzo immerso nella merda “femmina del sito” lo dici a quelle troie che conosci e frequenti! povero mentecatto!

          • giulio
            18 Ottobre 2020

            “guardami in faccia quando mi leggi”!!!
            sei un montato! ma chi cazzo ti credi d’essere? sei una nullità, una scheggia impazzita e nient’altro…ti leggo per passatempo come leggo quel paio di altri parafascisti bulli della tua stessa pasta ma che almeno non pretendono di farsi passare per “socialisti” o “comunisti”! Leggo anche altri che non sono di sinistra (peraltro non lo sono nemmeno io) ma che almeno hanno il senso della decenza che manca a te e qualche altro.
            p.s. poi dovresti spiegarci come si fa a guardare la tua faccia di cazzo mentre ti si legge!

  • Mardunolbo
    17 Ottobre 2020

    Ecco un ottimo articolo con analisi valide ! Purtroppo il latrante antifascista si intromette anche qui …
    Pare un Atlas in versione antifascista ; ah,ah,ah !

    • giulio
      17 Ottobre 2020

      ce l’hai con me? Io latrante e tu carogna …ma tu chi cazzo sei che pretendi di impedire ad altri di “intromettersi”? questo blog è tua proprietà? fattene uno per conto tuo e potrai decidere chi può starci e chi no. ti rode che ci sia chi parla di fascisti alla netanyahu? Si vede che sei un netanyahu in versione coglione ah ah ah! a scemo de guerra!

      • atlas
        17 Ottobre 2020

        ehm, sig. Giulio (del cazzo) piattola triste. Guardi che questo non è un blog. E’ un Sito di C O N T R O I N F O R M A Z I O N E.

        Si commenta a degli A R T I C O L I. (e non è nemmeno obbligatorio)

        non è per scappati di casa, filosofi e mollati dalla moglie

        • giulio
          17 Ottobre 2020

          Atlas de ‘sta minchia , appunto! si commentano gli articoli! cosa che tu e qualche altro come te non fate perchè siete qui solo per provocare, offendere chi non vi gusta politicamente e per fare le prime donne.
          Io commento gli articoli, te e un paio di altri no!

          • atlas
            18 Ottobre 2020

            e guardami in faccia quando mi leggi: alcune persone sono Fasciste nel midollo, sin da bambini piccoli, hanno fatto guerre sin da adolescenti, ce l’hanno nel sangue

            non le puoi cambiare

            devi solo fartene una ragione

    • atlas
      17 Ottobre 2020

      mardunolbo: atlas antifascista è una bestemmia. Per penitenza 100 frustate. O crocifriggiti da solo, scegli tu

  • eusebio
    17 Ottobre 2020

    La parte relativa agli agenti sionisti anche solo in parte di sangue ebreo è autentica, in Italia ormai gli ebrei sono pochi, forse 20-30000, tanti sono andati in Israele dopo l’inizio della crisi economica, ma molti anche solo con un genitore o un nonno ebreo occupano posizioni di rilievo nella magistratura, in politica, non dobbiamo dimenticare che in occidente la sinistra l’hanno inventata e sempre gestita loro, i ragazzi che per decenni hanno portato la kefiah in realtà stavano eseguendo gli ordini dei sionisti, chiaramente nell’imprenditoria e nella finanza, e soprattutto nei media, a scorrere le firme dei giornali “progressisti” si resta allibiti dalla quantità dei cognomi ebrei.
    Controllano i media, ci scrivono sopra e si autocelebrano, basti pensare alle ultime campagne di celebrazione della Segre, per carità una brava signora, oppure della Schlein.

Inserisci un Commento

*

code