Il ruolo della Turchia e Idlib nell’attacco di Mosca

di Steven Sahiounie

Gli Stati Uniti e la Turchia stanno mantenendo il feudo terrorista di Idlib (nord Siria) al sicuro dagli attacchi per poter utilizzare tali risorse armate quando e dove vogliono

La strada per il Crocus Center di Mosca è iniziata in Turchia , come ha confessato uno degli aggressori che venerdì sera ha ucciso 143 spettatori del concerto e ne ha feriti più di 150. La Russia ha detto che tutti gli aggressori sono stati catturati mentre si recavano in Ucraina nel tentativo di fuggire. Un messaggio sui social, Telegram, rivendica la responsabilità dell’attacco da parte dello Stato islamico Khorasan (IS-K). I media statunitensi riferiscono che il governo americano avrebbe avvertito la Russia di un possibile attacco pianificato dall’IS-K.

Uno degli aggressori ha confessato di essere arrivato in Russia dalla Turchia e di essere stato radicalizzato lì da un religioso islamico. Il confessore è un cittadino del Tagikistan in Asia centrale. La Turchia era stata un governo laico che seguiva l’ideologia politica sostenuta dal padre della Turchia, Ataturk, che chiese alla sua nazione, all’indomani della Prima Guerra Mondiale, di guardare all’ovest e diventare moderna, allontanandosi dall’est e dalle vecchie tradizioni che Ataturk vedeva come un ostacolo al progresso culturale ed economico.

Ma Erdogan era un seguace di una forma politica di Islam, chiamata Islam radicale (F.lli Mussulmani). Nei decenni di governo di Erdogan in Turchia, la società si è rivolta all’est e ha abbracciato una tendenza non secolare. Erdogan ha affermato che il popolo turco discende da antichi gruppi etnici dell’Asia centrale. Luoghi come il Tagikistan furono riconosciuti come “fratelli” del regime di Erdogan.

I membri dell’IS-K e di Al Qaeda delle repubbliche dell’Asia centrale possono risiedere e lavorare legalmente in Turchia, infiltrandosi con successo nella società locale. Attendono pazientemente gli ordini dei loro religiosi per effettuare attacchi terroristici, destreggiandosi abilmente tra le misure di sicurezza. Basaksehir di Istanbul è il rifugio preferito dai migranti uzbeki, tagiki e turkmeni.

Terroristi islamici a Idlib

L’attacco USA-NATO alla Siria era iniziato nel 2011 con lo scopo di un cambio di regime. A Erdogan, alleato di lunga data degli Stati Uniti, è stato chiesto di essere un partner nella guerra guidata da Obama contro la Siria laica, per creare uno stato amico dei Fratelli Musulmani a Damasco, che potrebbe essere un partner perfetto per il partito al potere di Erdogan ad Ankara. Obama aveva lanciato un piano simile sia in Libia che in Egitto con successi variabili. I Fratelli Musulmani prosperarono negli Stati Uniti e nel Regno Unito e in entrambi i luoghi erano rappresentati in posizioni chiave nel governo e nella società. Si trattava di un gruppo che seguiva l’Islam radicale, ma indossava giacca e cravatta e sembrava essere un membro produttivo della società, pianificando apertamente di decostruire gradualmente i governi democratici per realizzare il loro sogno di uno Stato islamico con la legge islamica come unica costituzione. .

La Russia ha subito numerosi attacchi terroristici islamici radicali nel corso di decenni uccidendone dozzine. Il presidente Putin ha visto gli Stati Uniti, il Regno Unito e la Turchia sponsorizzare i terroristi in Siria, e nel 2015 ha deciso di salvare la Siria dal diventare uno Stato islamico entrando nel campo di battaglia contro i terroristi che stavano conquistando territorio.

Come spiegarono all’epoca molti esperti: la Russia poteva fermare la marcia dell’Islam radicale in Siria, oppure aspettare e combatterlo nelle strade di Mosca.

Erdogan e Putin sono stati considerati nemici in Siria dalla guerra USA-NATO. Dopo che la Turchia ha abbattuto un aereo russo sulla Siria e un ufficiale della sicurezza turco ha ucciso a sangue freddo un diplomatico russo, il rapporto tra le due principali nazioni ha toccato il punto più basso.

Ma gli Stati Uniti hanno pugnalato alle spalle il loro fedele alleato, la Turchia, in Siria. Washington ha sponsorizzato i curdi che sono nemici della Turchia. Il PKK è un gruppo terroristico che ha ucciso oltre 30.000 persone in 30 anni. I curdi in Siria hanno formato una milizia armata, l’SDF e l’YPJ, che sono direttamente legate al PKK e condividono la stessa ideologia politica comunista. Il Pentagono ha preso le SDF e le YPJ sotto la sua ala protettrice e ha fornito tutto ciò che un esercito moderno poteva desiderare, compresi gli stipendi in dollari. Erdogan si è lamentato con Obama, con Trump e con Biden, ma tutte le sue lamentele sui curdi sono cadute nel vuoto a Washington.

Il dottor Kamal Jafa, esperto geopolitico ad Aleppo, ha riferito che c’era stato un incontro nella base militare di Al Shadade in Siria, sotto l’occupazione dell’esercito americano, tra le SDF e funzionari ucraini che cercavano terroristi armati dell’ISIS per combattere i russi in Ucraina. . È stato raggiunto un accordo per trasferire in Ucraina alcuni terroristi dell’Isis di lingua russa detenuti nelle carceri delle SDF in Siria.

L’Ucraina stava sviluppando piani per collaborare con le SDF per attaccare le truppe russe in Siria. Tuttavia, alla fine di dicembre 2022, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha interrotto tale pianificazione, come riportato dal Washington Post , citando un documento statunitense trapelato che risale al gennaio 2023. Il documento discute anche l’atteggiamento del governo turco, che era consapevole del piano ucraino di colpire obiettivi russi in Siria.

Poche ore dopo l’attacco di Mosca, John Kirby, portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale del presidente Biden, ha dichiarato pubblicamente che gli ucraini non avevano nulla a che fare con l’attacco. La gente poneva la domanda: “Come fai a sapere chi è coinvolto o meno quando l’attacco è appena avvenuto e non è stato effettuato alcun arresto?” Altri hanno commentato: “Se sai chi non è coinvolto, allora devi sapere chi è coinvolto”.

Idlib è l’ultima zona controllata dai terroristi in Siria. È sotto il controllo armato di Hayat Tahrir al-Sham, comandato da Abu Mohamed al-Julani , che è sulla lista dei ricercati americani, con una taglia di 10 milioni di dollari sulla sua testa. Questo nonostante fosse ben visibile ai media, compresi i media statunitensi che sono venuti a intervistarlo mentre indossava giacca e cravatta, nel tentativo da parte dei suoi referenti americani di ripulire la sua immagine e di rinominarlo come un’alternativa approvata dagli Stati Uniti al presidente Assad. a Damasco.

Cellula terrorista a Idlib

Tutti gli aiuti umanitari delle Nazioni Unite e di altro tipo che arrivano a Idlib passano prima attraverso le mani di Julani e dei suoi terroristi, che distribuiscono gli aiuti alle loro famiglie e ai loro associati e si rifiutano di condividerli con coloro che si oppongono alla sua occupazione islamica radicale. Gli aiuti rimanenti vengono venduti nel nuovo centro commerciale di Julani, Al Hamra, con le sue scale mobili che portano i clienti su diversi piani lussuosi. Non sorprende che le recenti proteste di piazza a Idlib abbiano chiesto la sua cacciata e l’esecuzione tra i 3 milioni di civili che vivono sotto un regime brutale e repressivo che vieta alle donne di prendere parte a qualsiasi programma di formazione offerto dai gruppi umanitari.

Idlib è il luogo in cui l’ esercito americano ha attaccato, sostenendo che l’IS-K prosperava lì , e lo stesso luogo in cui l’esercito americano, su ordine di Trump, ha ucciso Baghdadi, il leader dell’ISIS , e ancora a Idlib gli Stati Uniti hanno fatto fuori un ufficiale dell’ISIS. .

I commentatori hanno chiesto, se gli Stati Uniti sanno che Idlib è il quartier generale dell’IS-K e di altri gruppi armati che seguono l’Islam radicale, perché denunciano l’esercito arabo siriano, o il loro alleato, l’esercito russo, e il loro piano per eliminare la presenza terrorista a Idlib? Se il mondo intero riconosce Idlib come centro del terrorismo, allora perché non eliminare la minaccia che rappresenta un pericolo per i civili in Siria, Russia ed Europa? Gli Stati Uniti e la Turchia stanno mantenendo Idlib al sicuro dagli attacchi per poter utilizzare tali risorse armate quando e dove vogliono.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

11 commenti su “Il ruolo della Turchia e Idlib nell’attacco di Mosca

  1. La Russia sta, giustamente, dopo 8 anni, conquistando con missili e esercito territori abitati da russi discriminati e massacrati per anni dal regime nazista. Ma in Siria, alleato storico, non sussistono forse le stesse condizioni dei territori filorussi del Dombass. La parte nordovest della Siria in mano ai terroristi turchi, il nordest, ricco di petrolio in mano ai curdi e agli Usa che rubano petrolio. Israele che bombarda. E’ stato fatto molto, ma non e’ ancora sufficiente. Quando un intervento russo risolutivo, se mai ci sara?

  2. Tutto questo era già piuttosto chiaro da molto tempo, ben prima della strage del Crocus. Ribadirlo non si capisce che senso abbia. Ieri, i media hanno riferito che Putin ha scagionato gli ucraini dalle responsabilità della strage, accusando di averla ordita e eseguita l’Islam radicale nelle sue articolazioni centro-asiatiche ed ex sovietiche in combutta col fondamentalismo afghano e pakistano. L’articolo non permette di capire come stanno davvero le cose. Sembra, infatti, che la Russia e Putin abbiano fatto marcia indietro, con grande soddisfazione dei suoi nemici: mentre l’articolo smentisce le dichiarazioni di Putin, tornando a puntare il dito sugli U.S.A., oltre che su quel furbacchione di Erdogan.
    Può darsi che io abbia capito male. Sarei grato alla Redazione di qualche chiarimento per delucidare le perplessità che suscita quella che a me sembra una incongruenza comunicativa.
    Grazie.

    1. Caro White Warrior, ci sono troppe cose che non quadrano affatto. L’unica certezza è che stanno morendo troppi giovani europei e che si sta andando in rovina.

      1. Questo è verissimo, purtroppo, l’Europa si dissangua e decresce demograficamente: ma, caro Ubaldo Croce, questo rende solo più urgente porre fine a questa carneficina: e non c’è altro modo di arrivarci che attraverso la vittoria più rapida possibile della Russia.

  3. No non c’ entra la Turchia … è il solito piano di morte di London Paris Rome New York … Dìvide et I’mpera … Angly Catty Giudy

  4. Rock Rotsh Vattik forse stan offendo un cambio … lasciateci l’ Ucraina ad ovest del Dneper … in cambio liberiamo la Siria … e lasciateci la Palestina in cambio molliamo l’ Iraq ?

  5. Se agli Usa sta a cuore veramente la lotta all’ Isis i quali hanno dichiarato in questi giorni essere nemico comune Russia-Usa , perche’ non intervengono a Idlib magari insieme ai russi e li spazzano via definitivamente ! Gia’ ma poi dovrebbero fare i conti con Erdogan il quale ha tutto l’interesse a mantenere lo status quo in quelle terre siriane martoriate .
    Come si puo’ constatare , al solito il M. O. e’ un ginepraio inestricabile ! E poi mi chiedo , gli Usa che tanto fanno per le rivoluzioni colorate , come diavolo fanno a voler cambiare un regime laico come quello di Assad con un regime islamico estremista e confessionale , vai a capire .
    O meglio si capisce bene , le rivoluzioni colorate non c’entrano un fico secco , e’ solo una questione di geopolitica , finalizzata al controllo delle rotte petrolifere . E allora vanno bene anche le alleanze col diavolo .

  6. Mi pare che l’articolo abbia più di una incongruenza. La principale è questa: è vero che il Pkk abbraccia una ideologia marxista, ma dire che i curdi sono “comunisti” e nello stesso tempo a libro paga di Cia e Pentagono mi sembra una forzatura. Sarebbe come dire che Kim Jong Un e lo Stato Nord Coreano, fondato sul marxismo leninismo, si presta a fare da braccio armato degli imperialisti USA e da killer al soldo di Cia e Pentagono ! Diciamo che i curdi sventolano bandiere di qualunque colore pur di giustificare il loro ruolo di mercenari filo USA e incassare il sostegno delle stupide opinioni pubbliche di sinistra occidentali !

  7. Tutte manovre ipocrite bugiarde e false di Washington. Atte a sostenere il tutto e poi, il contrario del tutto. Daesh od Isis, Isis K l’ ultima versione, come lo fanno chiamare qua dai media è un entità sulla carta islamica radicale. MA ATTENZIONE, non attacca stati occidentali, come faceva
    al-Qaeda, eppure dovrebbe essere!! Attacca stati arabi, molto strano, non solo ma stati arabi AMICI di russi e cinesi. Troppo strano. ” La Base” era sostenuta finanziariamente da uno dei principi arabi più ricchi di sempre. CHI SOVVENZIONA L’ ISIS?? CON QUALI SCOPI?? Ribadisco tutte le prove adducono che dietro al terrore mondiale attuale ci sia SOLO la mano Usa. Supporre tutto questo ci siamo SOLO gl’ ucraini, od i quattro gatti arabi Isis mercenari, i terroristi di fatti non lo sono, mi pare mera speculazione naziusa, e francamente ingenuo chi ci crede!

    1. Hai completamente ragione i turchi sono buoni a fumare sigarette e fare cessi scomodi , per il resto valgono nulla…opportunisti, sporchi e mussulmani… meglio perderli che trovarli … w il popolo Curdo !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM