Il ritiro delle truppe USA consentirà di fare luce sui crimini di guerra della coalizione in Siria


Una fonte diplomatico-militare afferma che il previsto ritiro delle truppe statunitensi dalla Siria metterà in evidenza l’entità dei crimini di guerra commessi dalla coalizione guidata dagli Stati Uniti che presumibilmente combatteva il gruppo terroristico Daesh Takfiri nel paese arabo devastato dalla guerra.

“L’imminente ritiro del personale militare americano dalla Siria molto probabilmente farà luce su numerosi crimini di guerra commessi dalla coalizione internazionale durante la cosiddetta lotta contro il gruppo terrorista di Daesh.

“Prima di tutto, questo riguarda, naturalmente, la tanto proclamata liberazione di Raqqah nell’ottobre 2017, che si è trasformata in una” città fantasma “a seguito di bombardamenti a tappeto da parte di aerei della coalizione,” l’agenzia di stampa Sputnik ha citato la fonte anonima come riferito.

La fonte locale ha continuato riferendo che i miliziani Takfiri che operano nella regione di al-Tanf, in prossimità della base dell US. Forces, cercano adesso costantemente di fuggire dall’area e di rifugiarsi nelle regioni adiacenti o addirittura nella vicina Giordania, in seguito all’annuncio dei piani statunitensi di ritirare le truppe dalla Siria .
PressTV-Pentagon difende la decisione di Trump sul ritiro della Siria
Il Dipartimento della difesa degli Stati Uniti sta difendendo la decisione del presidente Donald Trump di ritirare 2.000 soldati americani dalla Siria.
“Dopo l’annuncio dell’imminente ritiro dei soldati americani, l’intero” alveare “dei miliziani nella zona … si è messo in moto per fuggire”. Quasi tutti i giorni, i miliziani cercano di sfondare da lì non solo verso il territorio controllato da Damasco in Siria, ma anche verso la Giordania “, ha detto la fonte.

La fonte ha aggiunto che il fumo pesante intorno al campo profughi di Rukban ad al-Tanf potrebbe indicare che i miliziani stavano bruciando i cadaveri dei rifugiati, che erano morti per fame e malattie a causa della carenza di aiuti umanitari di cui loro stessi impedivano la consegna.

La coalizione guidata dagli Stati Uniti ha condotto attacchi aerei contro quelli che si dice fossero obiettivi Daesh in Siria dal settembre 2014 senza alcuna autorizzazione da parte del governo di Damasco o un mandato delle Nazioni Unite.

PressTV-Turkey mette in guardia la Francia dal sostegno dei militanti curdi
La Turchia ha avvertito la Francia di non fornire copertura alle Unità di protezione del popolo curdo (YPG) sostenute dagli Stati Uniti nel nord della Siria.

La coalizione militare a guida USA è stata ripetutamente accusata di aver preso di mira e ucciso civili. Inoltre l’alleanza si è dimostrata largamente incapace di raggiungere il suo obiettivo dichiarato di distruggere Daesh.

In numerose occasioni la Siria ha condannato i raid aerei dalla coalizione guidata dagli Stati Uniti, chiedendo all’ONU di costringere Washington ei suoi alleati a porre fine al loro intervento militare nel paese arabo.

Il 13 novembre, il Ministero degli Esteri e degli Espatriati siriani ha condannato un attacco aereo all’inizio del mese dalla coalizione a guida Usa contro la città orientale di al-Shaafah, che ha causato più di 60 morti e feriti, sostenendo che il massacro indicava chiaramente il fatto che i membri dell’alleanza militare non avessero alcun rispetto per i valori morali, le regole e le normative internazionali oltre alla vita di civili innocenti.

Raqqa, Siria, distruzioni dopo bombardamenti a tappeto della coalizione USA

Il ministero, in due lettere separate, indirizzate al Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres e all’ex presidente rotante del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite Ma Zhaoxu, ha invitato il Consiglio di sicurezza ad adempiere alle proprie responsabilità e fermare gli assalti aerei guidati dagli Stati Uniti.

Chiede inoltre all’organo mondiale di proporre un meccanismo internazionale, indipendente e imparziale per indagare sui crimini perpetrati dalla coalizione guidata dagli Stati Uniti.

Le lettere inviate al CSUN sottolineavano che la coalizione stava deliberatamente prendendo di mira i civili siriani e si avvaleva di armi vietate a livello internazionale, tra cui bombe al fosforo bianco, in Siria.

Il ministero ha sottolineato che i raid aerei della coalizione guidati dagli Stati Uniti avevano lo scopo di uccidere il maggior numero possibile di cittadini siriani, prolungare il conflitto in corso in Siria, distruggere le infrastrutture del paese e minare la sua sovranità e integrità territoriale in flagrante violazione di tutte le risoluzioni del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sull’arabo nazione.

Le lettere conclusero che il silenzio imbarazzante del Consiglio di sicurezza aveva incoraggiato la coalizione ad uccidere altri civili siriani e a distruggere le loro proprietà.
PressTV-Pentagono firma l’ordine per il ritiro degli Stati Uniti dalla Siria
L’esercito americano afferma che l’ordine di ritirare le forze americane dalla Siria è stato firmato dopo un accordo tra i presidenti degli Stati Uniti e della Turchia. 

Fonte: Press Tv 

Traduzione: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code