Il ritiro della Russia da Kherson è una scelta tattica

di MK Bhadrakumar

Il generale Mark Milley, presidente dei capi di stato maggiore congiunti degli Stati Uniti, aveva valutato che ci sarebbero volute diverse settimane prima che Mosca completasse l’evacuazione di circa 30.000 soldati russi dispiegati nella città di Kherson, nell’Ucraina meridionale. Ma i russi hanno annunciato che l’evacuazione è stata completata con successo in 2 giorni: sia dei soldati che di oltre 5000 pezzi di equipaggiamento pesante.

Evidentemente, nell’esecuzione dell’ordine di evacuazione questa è stata pianificata molto in anticipo. Il comando militare russo ha iniziato a lavorare sull’evacuazione settimane prima dell’annuncio effettivo all’inizio di questa settimana.

In retrospettiva, l’intervista straordinaria del generale Sergei Surovikin il 18 ottobre, subito dopo la sua nomina a primo comandante di teatro per le operazioni in Ucraina solo otto giorni prima, è stata probabilmente coreografata per sensibilizzare l’opinione pubblica sulla criticità della situazione militare nella regione di Kherson.

Qui sono rilevanti i seguenti estratti dell’intervista:

Si è creata una situazione difficile. Il nemico bombarda deliberatamente le infrastrutture e gli edifici residenziali a Kherson. Il ponte Antonovsky e la diga della centrale idroelettrica di Kakhovskaya sono stati danneggiati dai missili HIMARS, il traffico è stato interrotto.

“Di conseguenza, la fornitura di cibo in città è difficile, ci sono alcuni problemi con la fornitura di acqua ed elettricità. Tutto ciò complica enormemente la vita dei cittadini, ma rappresenta anche una minaccia diretta per le loro vite.

La leadership della NATO delle forze armate ucraine richiede da tempo operazioni offensive contro Kherson dal regime di Kiev, indipendentemente dalle vittime, sia tra le stesse forze armate che tra la popolazione civile.

Abbiamo dati sulla possibilità che il regime di Kiev utilizzi metodi di guerra proibiti nell’area della città di Kherson, sulla preparazione di Kiev per un massiccio attacco missilistico alla diga idroelettrica di Kakhovskaya, sulla conduzione di massicci attacchi missilistici e di artiglieria contro la città senza distinzione.

“Queste azioni possono portare alla distruzione delle infrastrutture di un importante centro industriale e a vittime civili.

In queste circostanze, la nostra massima priorità è preservare la vita e la salute dei cittadini. Pertanto, l’esercito russo garantirà prima di tutto la partenza sicura, già annunciata della popolazione, secondo il programma di reinsediamento preparato dal governo russo.

“I nostri ulteriori piani e azioni riguardanti la stessa città di Kherson dipenderanno dall’attuale situazione militare-tattica. Ripeto, è già molto difficile oggi.

“In ogni caso, come dicevo, partiremo dalla necessità di proteggere il più possibile la vita dei civili e dei nostri militari.

“Agiremo in modo consapevole e tempestivo, senza escludere decisioni difficili ”. [Enfasi aggiunta.]
Le vere motivazioni
Si possono dire tre cose.

In primo luogo, il ritiro da Kherson è stato deciso per ragioni operative. La sua logica è impedire qualsiasi tentativo delle forze ucraine e dei mercenari stranieri di interrompere i lavori in corso per reclutare personale militare addestrato in gran numero (per un totale di quasi 400.000 soldati compresi i volontari) per aumentare gli schieramenti in Ucraina.

Secondo, il Cremlino ha prestato particolare attenzione per effettuare un “atterraggio morbido” per l’amara decisione di lasciare la città di Kherson, che è incisa nella psiche nazionale russa come parte dell’eredità storica di Caterina la Grande. È interessante notare che le reliquie storiche della Russia imperiale nella città di Kherson sono state meticolosamente messe fuori servizio e portate via per essere conservate al sicuro.

L’opinione pubblica russa ha ampiamente accettato la decisione del comando militare, compresi gli “estremisti” nel. Istituzioni come il leader ceceno Ramzan Kadyrov e il gruppo Wagner di appaltatori militari russi. Questo non era stato il caso del ritiro a Kharkov a settembre.

Tre, il più importante, l’intenzione è di prevenire qualsiasi minaccia alla Crimea in termini di sicurezza, comunicazioni, acqua, ecc. Le forze russe in ritirata hanno distrutto due grandi segmenti del ponte Antonivka che collega la città di Cherson con la riva orientale del Dnepr. Il Dnepr di fatto diventa la “zona cuscinetto” nella regione di Kherson con il 60% del territorio dell’oblast sotto il controllo russo.

Ponte Antonovka sul fiume Dnepr, Kherson


Andando avanti, prima di tutto, si tratta di un ritiro tattico. Il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha affermato che Kherson rimane una parte della Russia. Ciò implica l’obbligo di recuperare la città di Kherson, poiché le operazioni militari speciali continuano.

In secondo luogo, il comando militare russo non sta contemplando alcuna operazione verso Odessa a breve termine. La priorità sarà il completamento dell’operazione per stabilire il pieno controllo della regione del Donbass (che era l’obiettivo iniziale dell’operazione speciale) e della regione di Zaporozhye (importante per la sicurezza del ponte terrestre che collega la Crimea con l’entroterra russo. ) A Donetsk proseguono intensi combattimenti.

In terzo luogo, a dire il vero, ci sono segnali incipienti di un cambiamento nel pensiero all’interno dell’amministrazione Biden verso il dialogo e le negoziazioni. Non è chiaro quanto siano autentici.
Secondo la CNN e il New York Times, l’amministrazione Biden è una casa divisa. Le indicazioni suggeriscono che il Pentagono stia spingendo per le trattative. Secondo la CNN , il generale Milley, presidente del Joint Chiefs of Staff ritiene che i tempi siano maturi per una soluzione diplomatica mentre i combattimenti si avviano verso una pausa invernale, mentre il segretario di stato Antony Blinken e il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan, entrambi ardenti neocon, rimangono scettici.

I russi in gran parte tengono i loro pensieri per se stessi, ma stanno arrivando anche alcuni segnali. L’ambasciatore russo a Washington Anatoly Antonov ha dichiarato in un’intervista a Izvestia, pubblicata venerdì che “Trovo ingenuo presumere, a giudicare solo dalle fughe di notizie dei media, che sia in corso qualsiasi trasformazione negli approcci per riportare le relazioni Russia-USA su una nuova strada. La nostra relazione sta affrontando una profonda crisi e non c’è ancora luce alla fine del tunnel”.

Il viceministro degli Esteri Sergey Ryabkov ha dichiarato venerdì che non sono previsti incontri a livello di ministro degli Esteri tra Russia e Stati Uniti a margine del G20 a Bali. Peskov ha affermato ieri che “Il conflitto in Ucraina può essere concluso dopo aver raggiunto i suoi obiettivi (delle operazioni militari speciali) o raggiungendo gli stessi obiettivi attraverso negoziati pacifici, il che è anche possibile. Kiev non vuole negoziati. L’operazione militare speciale continua”.

Agli occhi dei russi, fino a che punto l’amministrazione Biden è disposta a fare pressione su Kiev è il punto controverso. Ryabkov ha affrontato questo aspetto cruciale nei commenti di ieri: “Posso ribadire che siamo aperti al dialogo senza alcuna precondizione. E siamo pronti da tempo. Su istruzione dei suoi patroni occidentali, Kiev ha interrotto il dialogo che in generale procedeva e un certo documento era in lavorazione. Ora queste sono cose del passato. E ciò che verrà dopo non dipende più da noi.

“Posso certamente condividere la mia opinione qui che se Kiev ricevesse un ordine da alcune capitali, forse ci sarebbero maggiori possibilità per un tale dialogo. Ma poi di nuovo, qui non abbiamo ostacoli e non dovrebbero esserci presupposti per il dialogo”.

La grande domanda è se l’offensiva russa, che dovrebbe iniziare tra novembre e dicembre, andrà avanti o meno. Come ha concluso un’analisi della CNN , “Il successo a Kherson potrebbe anche concedere una tregua alle unità ucraine esauste … Ma la Russia ha un sacco di armi e decine di migliaia di truppe appena mobilitate da inviare in battaglia, e la sua campagna contro le infrastrutture ucraine ha lasciato energia e forniture idriche appeso a un filo in molte regioni. L’Ucraina sta lentamente ricevendo difese aeree avanzate dai donatori occidentali, ma ha una vasta area da difendere”.

Fonte: Indian Punchline.com

Traduzione: Luciano Lago

20 Commenti
  • donchisciotte187
    Inserito alle 20:07h, 13 Novembre Rispondi

    Ma ci rendiamo conto che bastano 14 himars per piegare l’intero dispositivo bellico russo? E dopo mesi non sono riusciti ancora neutralizzare 14 himars. Ma come pretendono di essere considerarti pari livello con gli USA ?

    • michele
      Inserito alle 22:21h, 13 Novembre Rispondi

      forse…forse…..mah…no,lo dico lo stesso…..magari da complottista….anche se il complottista è chi li fa…..forse questa guerra o come si vuole chiamare….deve durare il tempo che occorre per attuare il famoso great reset di davos del 2020…..in cui sono stati distribuiti….ordini ed istruzioni ai vari attori? e dico attori perchè l’oggi sembra essere sempre di più un cinema. cinema non è messo a caso!forse forse vediamo o pensiamo di vedere la formica ma non vediamo l’elefante……pura ipotesi fantasiosa…

  • bcl ele
    Inserito alle 21:07h, 13 Novembre Rispondi

    Certo sei sul campo e pure blateri

  • Donchisciotte187
    Inserito alle 21:17h, 13 Novembre Rispondi

    14 camion. Le forze aeroSPAZIALI russe, che dallo spazio tutto osservano e tutto vedono non riescono a trovare 14 camion. Centinaia di stelliti, aerei, droni, elicotteri 14 camion non li trovano.

    • michele
      Inserito alle 22:25h, 13 Novembre Rispondi

      sempre che ci siano i satelliti…………che senso hanno tutti gli aerei spia di molteplici tipi…..che girano d’appertutto se ci sono i satelliti che tutto vedono sia nello spettro ottico che infrarosso/ultravioletto senza contare i radar che mappano il terreno di pianeti…..ma esistono d’avvero? pure ipotesi ovviamente…

  • Andrea Vannini
    Inserito alle 22:29h, 13 Novembre Rispondi

    Tu pensa a trovare i mulini

  • Monk
    Inserito alle 22:48h, 13 Novembre Rispondi

    Bah! La leggo così: in attesa di una disfatta economica europea allunghiamo il brodo. Tra massoni si siutano.

  • Monk
    Inserito alle 22:53h, 13 Novembre Rispondi

    Per tutti gli ultras scemi: avete rotto la uallera! Andate a commentare su fecebozz o tiktoktak le vostre scemate un serio forum di discussione cerca anche di fare sana critica, se scrivo che i russi non mi convincono non devo essere etichettato come troll o pro ucraino quando sono esattamente peggio di voi.

    • ginocacino
      Inserito alle 17:38h, 14 Novembre Rispondi

      … ecco tranne l’incipit (“Per tutti gli ultras scemi …” perchè cosi ti metti al loro pari) condivido al 100% quello che hai scritto

      • Monk
        Inserito alle 20:49h, 14 Novembre Rispondi

        A volte con gli scemi devi essere spietato e ho usato un eufemismo; I piani di discussione li decido io e sicuramente non mi sentirò mai come gli scemi.

        L’utente amico è mio nemico e d’ora in poi farò di tutto per escluderlo dal sito, le amebe come lui rovinano gli spazi di discussione e sono estremamente nocivi per tutti.

  • Vitruvio
    Inserito alle 23:21h, 13 Novembre Rispondi

    Scelta tattica cedere una bella fetta di territorio russo da cui puoi tenere sotto tiro
    La Crimea? Cercate di essere realisti e non arrampicatevi sugli specchi,dite pure che se la Russia non usa una bella fetta del suo potenziale bellico,ci rimette pure la Crimea..
    Spero vivamente che Putin si svegli o lasci il
    Posto a qualcuno che sia in grado

  • antonio
    Inserito alle 00:20h, 14 Novembre Rispondi

    Borodino – Moskova – Beresina – ZZZZ

  • Sarabanda82
    Inserito alle 01:15h, 14 Novembre Rispondi

    Tutti gli italiani che idioti , ignoranti, creduloni e sono dei cialtroni disinformati si bevono tutte le balle che la Propaganda anti-russa diffonde da Febbraio 2022 !
    Con tutte le incredibili sconfitte militari Russe e con tutti gli incredibili errori militari Russi madornali diffusi dalla PROPAGANDA OCCIDENTALE ANTI-RUSSIA E ANTI-DEMOCRATICA le ultime forze militari Partigiane Russe Rimaste ancora in funzione si sono RIFUGIATE vicine al” Alaska e stanno per essere eliminate dalle criminale forze Militari USA-UK-UE -NATO con bombe atomiche perché non vogliono fare prigionieri !
    La situazione invece è molto diversa da quella descritta dalla Propaganda USA-UK-UE Anti-Russa la Russia praticamente ha vinto la guerra ed ha inflitto gravissime perdite di uomini e di armamenti sia agli Ucraini sia alle truppe USA-UK-UE che combattono travisate da soldati Ucraini .
    Dove sono finite tutte le fantastiche vittorie Ucraine-USA-UK-UE diffuse dalla propaganda ????

    • Sarabanda 82
      Inserito alle 04:45h, 14 Novembre Rispondi

      Non riesco a capire xche usi il mio sinonimo, ma va be contento te, Te le ricordo io le vittorie Russe affondamento della nave ammiraglia, la conquista e la resa dell’isola dei Serpenti, il danneggiamento del ponte della Crimea, attacco alle navi nel porto di Sebastopoli, il vile attentsto in Russia della giovane ragazza l’attentsti ai 2 gasdotti streem e x ultimo il ritiro da Kerson, forse mi sono scordato qualcosa ma non fa niente tu hai visto una reazione a questi avvenimenti? Meno male che secondo te i Russi stanno vincendo, sei veramente un ottimista, complimenti Io concorfo con Bacward.

  • jail to valerio
    Inserito alle 11:07h, 14 Novembre Rispondi

    Articolo molto giusto e vero , per il troll cagabanda82 che è un troll muti canale come backidiotaward e l’altro scemo di monk andate voi a cagare su facebook tik tuk e igram dite solo stronzate e coglionate pro ukro pazzi non fornite ne dati ne link ergo siete stati asfaltati dalle truppe Z come sempre porveri coglionie Suka e Slava!

    • Svetlana Dedulja
      Inserito alle 11:36h, 14 Novembre Rispondi

      Eppure dicono la verita’! Purtroppo ho paura che mia Russia abbia problemi……la Crimea ……kerson. Sta a pochi km….sono scoraggiata

  • amico
    Inserito alle 11:39h, 14 Novembre Rispondi

    Al proprietario del sito direi di bannare il troll multi accoutn cagabanda detto trolloscemo detto backward alisa lorelnzo alias monk è un fannullone idiota funzionale che non si vergogna afa re vedere la sua ignoranza. pezzo di scemo anche gli americani si cacano sotto e vogliono trattare. leggi i giornali e studia coglione!

    • Monk
      Inserito alle 20:31h, 14 Novembre Rispondi

      Un giorno ti prenderò e me lo dirai in faccia che sono un troll, cornuto infame

  • artemisia m.
    Inserito alle 18:11h, 14 Novembre Rispondi

    in tutte le guerre ci sono avanzate e ritirate strategiche. il problema è che nell’era moderna ogni passo è monitorato dai media, e quindi criticabile. non abbiamo elementi per parlare. possiamo solo ricordare che la Russia sta guerreggiando con un sacco di paesi insieme, il cui principale sono stati uniti, ovvero il paese della menzogna e dell’inganno.

  • Sarabanda82 Savio
    Inserito alle 21:14h, 14 Novembre Rispondi

    Vedo con molto piacere che ho fatto uscir di sennò due scemi invasati che fanno ragionamenti molto infantili da persone deliranti ed ignoranti al cubo !

Inserisci un Commento