Il ritiro degli Stati Uniti dall’Afghanistan si trasforma in una nuova sfida per la Russia


Gli Stati Uniti stanno valutando la possibilità di schierare le truppe ritirate dall’Afghanistan nei paesi dell’Asia centrale, in particolare in Uzbekistan e Tagikistan. In precedenza, Washington ha già utilizzato a proprio vantaggio le strutture militari nella regione.

Gli analisti militari si domandano quale sia la probabilità che gli Stati Uniti dispieghino nuovamente le loro truppe nel “ventre molle” della Russia, e cosa può opporre Mosca a questo mossa di Washington.

Questa informazione la riporta il Wall Street Journal . Come nota il giornale, Washington è interessata a mantenere i suoi droni, bombardieri e artiglieria nella regione, ufficialmente per contenere il movimento radicale talebano ma in realtà il vero obiettivo è quello di controllare la Russia dalla parte asiatica.
Alcuni funzionari della Casa Bianca e del Pentagono ritengono che l’Uzbekistan e il Tagikistan sarebbero le migliori opzioni per tali compiti. Ma le fonti dicono che è difficile per gli americani schierare truppe in questi paesi a causa della “grande presenza militare” della Russia e della crescente influenza della Cina nella regione. Allo stesso tempo, il giornale afferma che i paesi dell’Asia centrale vorrebbero creare in tal modo un contrappeso all’influenza di Mosca e Pechino.

L’aeroporto uzbeko Karshi-Khanabad è stato precedentemente utilizzato come base aerea degli Stati Uniti .

Il WSJ rileva inoltre che gli Stati Uniti avevano in precedenza installazioni militari in Uzbekistan e Kirghizistan. Sono stati utilizzati per dispiegare forze e condurre operazioni in Afghanistan. Ma poi gli Stati Uniti hanno lasciato la base uzbeka di Karshi-Khanabad nel 2005 e nel 2014 hanno lasciato il Kyrgyz Manas a seguito delle pressioni di un “gruppo regionale guidato da Russia e Cina”.
Inoltre, gli Stati Uniti stanno valutando opzioni di backup per il dispiegamento di truppe negli stati del Golfo e su singole navi della Marina.

Ricordiamo che ad aprile, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha annunciato la decisione di ritirare le truppe americane dall’Afghanistan, questo processo dovrebbe essere completato entro il 20 ° anniversario degli attacchi dell’11 settembre a New York. Altri paesi della NATO hanno preso una decisione simile.

Allo stesso tempo, all’inizio di maggio, il rappresentante speciale degli Stati Uniti per l’Afghanistan Zalmay Khalilzad ha visitato l’ Uzbekistan e il Tagikistan e all’inizio di aprile una delegazione del Pentagono guidata dal vice capo della direzione della pianificazione strategica e della politica del comando centrale degli Stati Uniti (CENTCOM), brigadiere Il generale Duke Pirak , è arrivato a Tashkent , dove hanno discusso questioni di cooperazione bilaterale e multilaterale.

Secondo gli esperti, tali attività diplomatiche e fughe di notizie sul Wall Street Journal sono anelli della stessa catena. Allo stesso tempo, l’ affermazione del ministero della Difesa dell’Uzbekistan secondo cui la dottrina difensiva della repubblica non prevede il dispiegamento di truppe straniere non sembra abbastanza convincente. “È ovvio che, sebbene gli americani lascino l’Afghanistan, gli USA vogliono mantenere le loro truppe da qualche parte nelle vicinanze per continuare a influenzare la situazione nella regione.

Un tempo, James Appathurai, Segretario generale aggiunto della NATO per il Transcaucaso e l’Asia centrale, aveva dichiarato che tra tutti gli stati della regione, il Kazakistan e l’Uzbekistan sono di grande interesse per loro.

Ma il Kazakistan è lontano dall’Afghanistan, quindi la scelta a favore dell’Uzbekistan è in superficie ”, ha riferito ultimamente Andrei Serenko, in una sua dichiarazione pubblica, il capo del Centro per lo studio della politica afgana (TsIAP).

Le truppe USA nella fallimentare guerra in Afghanistan si sono distinte per episodi di uccisioni della popolazione civile e torture sui prigionieri

Secondo Serenko, l’Uzbekistan, a causa della geografia e della politica multi-ruolo del presidente Shavkat Mirziyoyev, può accettare la proposta degli americani. “Mirziyoyev non mette tutte le sue uova nello stesso paniere, ma allo stesso tempo sviluppa la cooperazione con Mosca, Washington, Pechino, Kabul ufficiale, i talebani afgani, pakistani e turchi. Non escludo che, nel quadro di questa politica, Tashkent accetterà di ospitare le truppe americane, se riceverà adeguati finanziamenti, cercando di preservare le opportunità per grandi manovre politiche. Inoltre, l’Uzbekistan, a differenza dello stesso Tagikistan o Kirghizistan, non è vincolato da alcun obbligo nell’ambito della CSTO e della EAEU ”, ha aggiunto l’orientalista.

“A Tashkent, ovviamente, capiscono che è improbabile che un passo del genere piaccia alla Russia. È possibile che gli uzbeki stiano invitando Mosca a scommettere su questo gioco. Questo non dovrebbe tanto raffreddare le relazioni tra l’Uzbekistan e la Russia, ma piuttosto spronare la Russia a presentare nuove iniziative e proposte per Tashkent. Inoltre, queste offerte dovrebbero essere più allettanti di quelle degli americani “, continua Serenko. Il gioco è quello del “chi offre di più”.

“Il secondo Paese che può accettare la presenza americana è il Kirghizistan, dove già si trovava la base americana. Sullo sfondo del recente conflitto di confine con il Tagikistan, a molti politici kirghisi non è piaciuta la visita del presidente Rahmon a Mosca. Lo vedono come una dimostrazione del sostegno della Russia a Dushanbe. Pertanto, non si può escludere che, per rappresaglia, alcune forze a Bishkek cercheranno di convincere gli americani dalla loro parte. Allo stesso tempo, gli americani non potranno schierare truppe in Tagikistan: Dushanbe è troppo dipendente da Mosca e Pechino in questa vicenda ”, aggiunge l’orientalista.

“In questa situazione, è interessante guardare al Pakistan, che, da un lato, cercava tradizionalmente il ritiro delle truppe americane dall’Afghanistan, sostenendo i talebani, e dall’altro, perderà enormi somme di denaro che Islamabad ha guadagnato sul transito di merci, persone e attrezzature americane. L’infrastruttura per l’approvvigionamento dei contingenti USA e NATO in Afghanistan porta da anni enormi somme di denaro al bilancio pakistano. Ora l’economia locale dovrà affrontare una prova seria, dal momento che alcuni di questi fondi andranno ad altri paesi ”, ha detto la fonte.

“Così, uzbeki e kirghisi non hanno ancora pubblicamente sostenuto lo spiegamento di truppe americane sul territorio dei loro paesi, ma in fondo ci stanno pensando. Sfortunatamente, ciò è stato anche facilitato dalle crisi in diversi paesi CSTO, che hanno inferto un grave colpo alla reputazione dell’organizzazione. Pertanto, la proposta americana potrebbe rivelarsi molto tempestiva se supportata da buoni progetti di investimento “, ha detto Serenko.
A sua volta, l’orientalista e politologo Alexei Malashenko ritiene che i colloqui sul possibile spiegamento di truppe americane in Uzbekistan o in Tagikistan continueranno a lungo, ma in realtà una manovra del genere è improbabile. “Se stiamo parlando del trasferimento di ufficiali militari e osservatori, sì, è possibile. Ma dubito che tagiki o uzbeki siano pronti ad accettare soldati statunitensi anche nel numero di guarnigioni ”, ha detto l’esperto al quotidiano VZGLYAD.
“In questa situazione è possibile il trasferimento di truppe in Pakistan, ma ci sono davvero molti attriti e difficoltà nei rapporti tra Washington e Islamabad. Questo paese ha forti legami con la Cina e con l’Iran ed è improbabile che accetti la presenza di truppe USA sul suo territorio, si scatenerebbe una ondata di proteste popolari.
Molto probabilmente, il Pakistan proporrà alcune condizioni aggiuntive per gli americani – finanziarie e politiche. Ma come implementare qualcosa di simile in Uzbekistan e in Tagikistan – ho ancora poca idea ”, aggiunge l’orientalista.

“Allo stesso tempo, è utile per Tashkent giocare con il tema del trasferimento delle truppe americane in Uzbekistan. Per loro, questa è una carta aggiuntiva in una conversazione con la Russia. In sostanza, la loro posizione sarà questa: “Abbiamo una proposta degli americani a cui dovremmo riflettere. Comprendiamo la vostra insoddisfazione, ma prestiamo attenzione al ruolo che svolgiamo nell’insediamento afghano “. E la Russia in qualche modo dovrà reagire a questo ”, ha riassunto Malashenko.
Il grande gioco nell’Asia Centrale è appena al suo inizio.

Fonti: The Walll Steet Journal – Vz.ru

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

3 Commenti
  • Mario
    Inserito alle 17:46h, 11 Maggio Rispondi

    RUSSIA nel cuore IL POPOLO ITALIANO È AL VOSTRO FIANCO

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 19:20h, 11 Maggio Rispondi

    E’ da tempo chesi parla della volontà usa di destabilizzare l’ex Asia centrale sovietica per mettere in difficoltà la Federazione Russa ….
    Altro obbiettivo usa-elitista è il Caucaso, ovviamente.

    Cari saluti

  • antonio
    Inserito alle 11:06h, 12 Maggio Rispondi

    la regina dell’ oppiio e il presidente americano rimarranno senza oppio e coca, ma hanno virato su virus e atomiche

Inserisci un Commento