Il risveglio alla realtà per Zelensky e l’Ucraina potrebbe essere molto amaro


VLADIVOSTOK, Russia, 2 settembre (Reuters) – Il Cremlino ha detto giovedì che l’assistenza militare degli Stati Uniti all’Ucraina potrebbe far sì che Kiev si comporti in modo imprevedibile e pericoloso nel conflitto nell’est, ed ha espresso rammarico per un’amicizia tra Stati Uniti e Ucraina che ha affermato essere motivata soltanto dal contrasto contro la Russia.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha dichiarato mercoledì a Washington al presidente ucraino Volodymyr Zelenskiy che gli Stati Uniti sono “fermamente impegnati” per difendere l’integrità territoriale dell’Ucraina, inclusa la Crimea, e hanno offerto 60 milioni di dollari in nuovi aiuti in armamenti per la difesa.

Il portavoce del Cremlino, Dmitry Peskov, ha espresso preoccupazioni sui piani per gli aiuti militari statunitensi nei commenti ai giornalisti nella città di Vladivostok, nell’estremo oriente russo.

Peskov ,portavoce russo

“Riteniamo che ciò potrebbe causare azioni imprevedibili da parte della parte ucraina in termini di tentativo di risolvere il … conflitto ucraino … con la forza. Questo è molto pericoloso”, ha detto Peskov.
“…. per dirla semplicemente, stiamo parlando di un’amicizia ucraino-americana contro la Russia. Vale a dire, sono amici non per se stessi, ma contro la Russia. Questo… non può che essere un motivo per rammarico”, ha detto.

Peskov ha espresso l’opposizione di lunga data di Mosca al desiderio di Kiev di unirsi all’alleanza militare della NATO, rilevando i commenti fatti durante il viaggio di Zelenskiy.

Zelenskiy ha affermato che l’Ucraina ha fatto tutto il necessario per ottenere un piano di adesione alla NATO, che Kiev vede come un deterrente vitale contro la Russia. La NATO crede che l’Ucraina debba adottare più riforme politiche prima di ottenere l’adesione.

Forze ucraine


Nota: Le reazioni del governo ucraino sono sempre più bellicose e ultimamente esponenti governativi di Kiev hanno minacciato di colpire la Russia con armi letali se questa interverrà per difendere i cittadini (russi ) del Donbass. Secondo le dichiarazioni di questi esponenti ucraini, la Russia non sarebbe in grado di difendersi da una offensiva delle forze ucraine.
A parte che queste dichiarazoni hanno il tono delle spacconate, risulta però evidente che il governo di Kiev si sente forte dell’appoggio di Washington e potrebbe essere disposto a giocarsi il tutto per tutto aprendo un’offensiva contro Donesk e Lugansk per riconquistare il territorio perso.
Il presidente Zelensky, basandosi sulle rassicurazioni americane, potrebbe volersi giocare una carta pericolosa e la lezione proveniente dall’Afghanistan sembra non gli abbbia insegnato nullla. Come disse a su tempo Kissinger, “gli Stati Uniti non hanno alleati ma soltanto interessi”, quando questi non gli servono più li abbandonano al loro destino.
L’Ucraina potrebbe essere portata al disastro e scomparire come stato, era l’avvertimento fatto dai russi, ma non sembra che il gruppo di potere di Kiev voglia tenere in conto questi avvertimenti. Piuttosto cercano di inseguire una possibile vittoria sul campo, illusi dall’appoggio degli USA della NATO.
Il risveglio per Zelensy e la sua giunta potrebbe essere molto amaro.

Fonti: Varie

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM